Venerdì 03 Luglio 2020
   
Text Size

GERARDO SPINELLI, NON MI SCHIERO E FANNO FUORI IL FESTIVAL?

gerardo spinelli

Il nostro paese rischia di perdere il festival Latilla, vedendolo ‘emigrare’ in qualche località vicina. La manifestazione dedicata al compositore settecentesco di origini casamassimesi, ideata dal centro culturale il Sipario diretto dal maestro Gerardo Spinelli, potrebbe infatti seriamente vivere la sua quinta edizione senza far tappa nel nostro centro cittadino. E questo anche se il festival – come racconta proprio Gerardo Spinelli – lo scorso anno è stato seguito, solo nel corso dei suoi tre appuntamenti casamassimesi, da 1500 spettatori. “Al momento – fa sapere a tal proposito Gerardo Spinelli – la possibilità che il Latilla si svolga lontano da Casamassima è tutt’altro che remota. Eppure la precedente amministrazione, l’autunno scorso, aveva già approvato una delibera attraverso la quale si prevedevano nuovi appuntamenti del festival qui a Casamassima, proprio durante l’estate attualmente in corso. Poi ci sono stati dei problemi, e sono arrivati il commissario e i tagli al bilancio. Ecco, nessuno – prosegue Spinelli -  discute il fatto che i Comuni debbano fare i conti con le ristrettezze economiche. Dall’aria che tira, però, mi pare di capire che evidentemente l’amministrazione tenda prima ad assecondare chi ha fatto la campagna elettorale in suo favore. Non nascondo che ci sono state delle voci secondo le quali, siccome il Latilla è nato sotto l’amministrazione di centrosinistra, si sarebbe potuto evitare di continuare a portare il festival in paese. A mio avviso, la nuova amministrazione ha mostrato una certa rilassatezza verso questo evento, che però è l’unico appuntamento culturale casamassimese che nelle precedenti edizioni ha ricevuto sovvenzionamenti dalla Regione, poi utilizzati per dar vita ad altre manifestazioni locali”.

Poi Spinelli fa anche un’altra considerazione. “Per cercare di comprendere il perché di questa situazione – dice – mi sono anche chiesto se possa aver influito il fatto che, pur essendo notoriamente di destra, alle ultime elezioni comunali non mi sono schierato con nessun partito politico. Magari qualcuno può aver interpretato questo mio atteggiamento secondo la formula ‘O con me, o contro di me’, non so. Il sindaco Mimmo Birardi, tuttavia, mi ha spiegato che al momento per la cultura ha a disposizione solo 5.000 euro, e che la situazione è difficile per tutti. Ora staremo a vedere cosa accadrà, altrimenti porterò il Latilla, questo festival dell’opera buffa unico nel suo genere, che tra l’altro vanta amici come Katia Ricciarelli, in qualche altra località vicina. Del resto ci hanno già contattato non solo da tutta la Puglia, ma anche dalla Sicilia”.

Ma quali erano le opere del festival Latilla previste a Casamassima dalla delibera firmata dall’amministrazione guidata da Vito De Tommaso?  A dare risposta a questa domanda è ancora il maestro Gerardo Spinelli. “Tra gli appuntamenti del Latilla già previsti per l’estate in corso – afferma Spinelli – c’era il concerto inaugurale della manifestazione, tenutosi il 9 giugno alla masseria Cariello Nuovo, ma anche l’interpretazione della Serva padrona di Giovanni Battista Pergolesi che si sarebbe dovuta tenere a Monacelle. E poi non sarebbero mancati il Don Giovanni di Wolfgang Amadeus Mozart, oltre all’incisione su cd dell’Amore artigiano, un’opera di Gaetano Latilla da me revisionata assieme al maestro Carmine Catenazzo. Questo dramma giocoso, secondo i programmi iniziali, avrebbe dovuto essere inciso, per la prima volta al mondo, entro Natale per poi essere presentato il prossimo anno a Guimaraes, la località portoghese eletta città della cultura per il 2012. Adesso però la situazione è quantomeno incerta e non so se tutti i progetti in cantiere potranno trasformarsi in realtà”.

Gaetano Latilla è un compositore italiano nato a Bari il 12 gennaio 1711. Ancora giovanissimo, nel marzo 1726, si recò a Napoli per studiare musica al Conservatorio di sant’Onofrio a porta capuana, dove fu allievo di Ignazio Prota e Francesco Feo. Da lì prese il via la sua luminosa carriera che lo portò, tra le altre cose, a ricoprire incarichi importanti a Roma, nella basilica di Santa Maria Maggiore, e a Venezia, alla basilica di San Marco. Rientrato a Napoli, morì nella città ai piedi del Vesuvio il 15 gennaio 1788.

Commenti  

 
#22 redazione. 2011-07-27 15:59
1) Il riferimento era alla partecipazione alla sagra, caro lettore, non altro: abbiamo risposto a una domanda;
2) se si è off topic qualcuno ci sarà andato.

Democrazia? Ne stiamo parlando, infatti.

Ci pare che lei abbia, come gli altri, e nonostante l'anonimato, la possibilità di esprimere il suo parere, ma non invochi la democrazia: se è vero che essa è il governo del popolo, il popolo non è un'entità amorfa, trasparente e anonima..

Noi firmiamo.

Ma siamo lieti di confrontarci, sempre e comunque. :D
 
 
#21 secondoquintoprimo 2011-07-27 15:23
Per rispondere al post n.19 della redazione, voglio farvi notare che se avete messo in piedi questo sito non di certo ve lo ha ordinato il dottore, perciò vedo assai poco elegante il dover scrivere:"Il tutto gratis. Abbiamo investito su noi stessi e sulla nostra professionalità per farci pubblicità".

Avete deciso di farvi carico dell'oneroso compito di informare la cittadinanza? Bene...allora non rinfacciatelo, e soprattutto rispettate le voci di tutte quelle persone che navigando e commentando (nel bene e nel male) i vostri post permettono al sito stesso di vivere.

Se qualcuno non ve l'ha ancora spiegato, questa si chiama democrazia, e la parola democrazia ha poco a che vedere con l'" ignoranza fomenta" che avete citato nella vostra ultima risposta.

E per finire vi ricordo solo una cosa: questo post doveva discutere del Festival Latilla...ma come sempre s'è tergiversato, a scapito della nostra povera cultura (o megli, di quello che rimane).
 
 
#20 Nicola Pastore 2011-07-27 13:38
Leggevo la domanda del sig."quantomicosti" e posso rispondere subito e chiaro che la Pro Loco di Casamassima non ha ricevuto neanche un euro per il Balcone Fiorito perchè il commissario visto le casse vuote così aveva deciso,in ogni caso negli anni precedenti il contributo è stato di soli 800,00(ottocento) euro,la speranza è sempre viva visto che la manifestazione costa sicuramente molto di più e quei soldi servivano parecchio.grazie per la domanda e per l'attenzione,Nicola Pastore vice presidente Pro Loco Casamassima.
 
 
#19 redazione. 2011-07-27 10:16
Pubblichiamo, come vede.
In certi casi farebbe comunque piacere sapere chi si protrae in talune considerazioni senza nemmeno essere supportato da dati oggettivi, o almeno conoscenza dei fatti.
A breve, difatti, per fugare i dubbi che l'ignoranza fomenta, racconteremo i retroscena delle manifestazioni.
Siccome ci piace informare informati, prima di avventurarci in dichiarazioni tacciabili di tendenziosità o partigianeria (o querela), abbiamo approfondito.
Se ha pazienza nelle prossime ore soddisferà la sua curiosità, che immaginiamo sia quella di tanti.

Giusto per info: la redazione esiste (ormai lo sanno pure le pietre) da un annetto e l'impegno sul territorio è in crescita. Abbiamo partecipato alla sagra come mediapartner proponendo la tavola rotonda e mostrando la nostra faccia per i tre giorni al gazebo. Il tutto gratis. Abbiamo investito su noi stessi e sulla nostra professionalità per farci pubblicità. Più chiaro ora?
Grazie per l'attenzione.
 
 
#18 quantomicosti 2011-07-27 10:06
Evidentemente la mia curiosità era rimasta solo mia e quindi non inviata alla redazione(perdonatemi se potete),comunque visto che parlavamo di Costi & Contributi Comunali la domanda era(visto il mio pseudonimo), ma veramente Nico Pastore ha ricevuto un contributo di € 5'500,00 per la Sagra per pubblicizzare la sola cantina del cognato vista l'esclusiva? Visto che siete stati parte attiva della Sagra forse potreste rispondermi Voi, e poi è vero che la Pro Loco per il Balcone Fiorito non ha ricevuto neanche un euro(almeno così dicono),grazie per l'attenzione.
 
 
#17 redazione 2011-07-27 09:37
Caro lettore,
posto che non capiamo a cosa si stia riferendo, ringraziamo per il "gentile appellativo". Detto da uno che nemmeno si firma è ridicolo tacciare noi di censura e omertà.
Grazie del contributo.
 
 
#16 quantomicosti 2011-07-27 09:00
Complimenti alla redazione di CasamassimaWeb,anche Voi siete entrati nel circolo vizioso della CENSURA e dell'OMERTA'
vivissimi complimenti di CUORE.Non penso che il mio ultimo commento fosse offensivo o oltraggioso,anzi era solo una domanda.
 
 
#15 secondoquintoprimo 2011-07-26 16:57
E tanto per cambiare oggi mio nipote m'ha portato a vedere in un bar del centro la locandina de "La Serva Padrona" di Giovan Battista Pergolesi, dove in locandina

E qui, oltre al solito Sig. Spinelli che si ostina a torturarci con le sue urla da pescivendolo, la produzione vanta anche il nome della moglie, ovvero Teresa Balacco nelle vosti del Maestro sostituto.

Come dire...un'ottima mossa per portare via altri quattrini dalle tasche dei già dissanguati cittadini casamassimesi...e ancora una volta senza chiamare in causa mezzo musicista casamassimese, e riducendo l'organico strumentale al solo clavicembalo (per i più, è un "quasi" antenato del pianoforte), quando la stessa può essere ugualmente eseguita da un organico di tipo orchestrale.

Ma gli Assessori di questo strano paese ce l'hanno un pò di dignità???
 
 
#14 paesano 2011-07-25 17:29
Appoggio pienamente tutto quello che dice quantomicosti che sarà un soggetto addentrato in questo tema. Al solito nei programmi di spettacolo, chissà perchè alcuni con spettacoli noiosissimi ripetitivi e poco coinvolgenti, hanno avuto soldi e approvazioni, altri hanno dovuto sempre faticare per essere riconosciuti, nonostante il pubblico c'era davvero! Si spera che le cose cambino e che non vada avanti solo chi ha la voce più forte.
 
 
#13 secondoquintoprimo 2011-07-25 16:51
Caro Gianluca Zacccheo e cari lettori,
prima di parlare del Festival Latilla facciamo qualche passo indietro:

Il Sig. Gerardo Spinelli è sfortunatamente presente sulla scena artistica casamassimese da diversi anni...e già questo è 'na vergogna.
In paese ha cominiciato a farsi tristemente notare nel periodo in cui il nostro paese stava riscoprendo la tradizionale banda di paese. Ed è proprio sulla pelle dei ragazzini che venivano inseriri in banda che il Sig. Spinelli ha fatto la sua fortuna...sottopagando (quando pagava) e spremendo come limoni tutti i ragazzi che partecipavano alle manifestazioni.
Mentre i poveretti andavano elemosinando il giusto compenso a fine giornata, il Sig. Spinelli li liquidava con meno della metà del compenso pattuito...e magicamente il Sig. Spinelli ha cominciato a girare in paese con macchine nuove.
Non contento dello sfacelo ha pensato bene di portare il nome del nostro paese anche altrove...e dopo una serie impressionante di figuracce è stato definitivamente bollato. Nel frattempo è aumentato anche il suo patrimonio immobiliare.

Ma a sto punto come fare per fregare ancora i poveri cittadini casamassimesi?
Bhè...con tutti i soldi fregati a destra e sinistra ha deciso di metter sù un negozio di strumenti musicali (chiedo scusa agli addetti di settore...mi rendo conto di averli offesi...) e dalla strumentazione acquistata ha tirato fuori il giusto e l'utile per presentarsi come "service" al nostro comune.
Risultato? Meglio non elencare le innumerevoli deficenze croniche che si sono puntualmente verificate ad ogni evento.

E qui viene il bello. Ovvero il Festival Latilla.
Và dato merito al Sig. Spinelli di aver tirato fuori dal cilindro un'idea interessante, ma da quel che mi risulta c'erano anche altri ragazzi che stavano lavorando ad un festival musicale...e, se non sbaglio, di portata assai maggiore.

Memore dell'esperienza pregressa, il Sig. Spinelli ha preferito chiamare musicisti da altri paesi (giustamente...ti eri reso ridicolo agli occhi di tutti, no?) senza nemmeno calcolare il movimento musicale che in paese stava maturando.
A conti fatti tra i nostri giovani possiamo trovare violinisti, violoncellisti, bassi, percussioni, trombe, pianisti ecc ecc...cioè proprio quello che ci vuole per creare un festival "Made in Casamassima", e per di più suonato dai ragazzi del nostro Paese.

La curiosità m'ha spinto più di una volta ad avvicinare i ragazzi dell'orchestra Latilla al termine di diverse esibizioni, e le reazioni sono state grosso modo le stesse...risata amara (per non commentare lo sfacelo organizzativo) e paga da fame (quando i soldi arrivavano).
Addirittura un anno è girata voce che l'orchestra non voleva suonare perchè il Sig. Spinelli non aveva ancora liquidato i concerti dell'anno prima!


E il Sig. Spinello ora si lamenta?
A Gerà...sì fatt ciucc vekkj...allivt da nanz!
 
 
#12 w la musica 2011-07-25 16:39
Propongo una petizione per rispedire lo Spinelli a pedate nel c**o nella sua Samichele!

Maestro? Ma di cosa??? Vedete che a urlare sò meglio quelli del mercato del pesce...altro che!
 
 
#11 Curioso 2011-07-25 16:10
Vorrei tantoi capire a cosa servono 15.000 euro quando si ha a disposizione la location gratuitamente, si fanno corsi a pagamento e i 1.500 spettatori ....... probabilmente saranno stati contati quelli di tutte le varie edizioni!!! Non si è schierato il biuon Spinelli?? Peccato questa volta avrebbe potuto far rivincere il centro sinistra come nelle scorse amministrativeeeeeee!!!
 
 
#10 fuoridalcoro 2011-07-25 15:39
@Antonio santorsola. Bravo! Hai messo in evidenza gli aspetti più importanti di una manifestazione che deve essere attrattiva, ben organizzata e di spessore culturale. Confermo inoltre quello che hai scritto a proposito del Presepe Vivente che non prende un euro dal Comune e quindi dalle tasche di noi cittadini e nonostante tutto ha un gran successo. Perchè chi lavora per l'evento lo fa con serietà, con passione e attaccamento al proprio paese che di riflesso gode del consenso e dell'apprezzamento dei numerosissimi visitatori. Mi auguro che da quest'anno la musica cambi e non sia sempre la stessa nel senso che la nuova amministrazione investa solo su manifestazioni di questo tipo.
 
 
#9 quantomicosti 2011-07-25 10:01
solo una precisazione,le tre serate del Festival Latilla si sono tenute nell'atrio di Monacelle dove al massimo ci possono entrare 200/250 persone. Quindi mettiamo il tutto esaurito ( ma c'era?) nelle tre date si possono contare un totale di circa 700 persone. Invece la Cavalleria Rusticana tenutasi presso il palestrone era tutta un'altra storia visto che lì c'era il biglietto d'ingresso per coprire le spese.
 
 
#8 Antonio Santorsola 2011-07-25 09:01
Non è detto che se spendiamo 15.000 euro oggi, questi non ci vengano restituiti domani con gli interessi... tutto dipende da come vengono organizzate le manifestazioni. Se si incentiva la venuta di gente da fuori è probabile che ci sia un giovamento per gli esercizi commerciali, e tramite le tasse anche per il comune.
Un conticino... supponiamo che ci siano 5000 persone che visitano Casamassima durante l'arco di un mese, supponiamo che questi forestieri spendono in media 10 euro nei nostri esercizi commerciali, questo denaro, pur giovando direttamente ai titolari dei bar e delle pizzerie, il chè è di per se un bene, si trasformano in tasse nella misura del 20-30% ... faccio per dire.... I 15.000 mila euro ritornano in questo modo nelle casse comunali e statali... E' chiaro che sono indispensabili alcuni ingredienti: la capicità attrattiva delle manifestazioni, l'onestà dei commercianti e degli organizzatori, la voglia degli amministratori di lavorare per il paese. Una manifestazine deve "costare" quanto vale, in base alla sua capacità attrattiva. Voglio segnalare che probabilmente una delle manifestazioni che maggiormente fa venire gente da fuori è il presepe vivente che si svolge nel centro storico.... e non credo che costi 15.000 euro al comune. E' giusto pero' che il costo sia anche proporzionato al contenuto culturale anche se il valore in ballo consiste in un qualcosa di imponderabile, la crescita culturale dei cittadini casamassimesi.
 
 
#7 ignoto 2011-07-23 22:57
....come dice il maestro Gerardo Spinelli portare un'opera importante non sarebbe male sondare anche gli altri Paesi e verificare se tutti sono come il comune di Casamassima che elargiscono 15,000 euro per quella manifestazione quando se ne potrebbero fare altre 3 da 5000.00....come dice l'amico quantomicosti che approvo pienamente di quello che ha detto, ma non penso che la mancata presentazione debba attribuirsi a fazioni politiche diverse....il problema che i soldi sono finiti è questa è dura da capire,se il Sindaco ho riferito che ci sono 5000 euro bisogna credergli.....io ci credo...visto i vari aumenti.....
 
 
#6 fuoridalcoro 2011-07-23 16:29
Il Festivalatilla fa ca..re come tutte le iniziative dell'ex amministrazione che si è fatta abbindolare da soggetti che ora si confessano di destra dopo aver mangiato a due bocche nel piatto della sinistra. Che schifo! Vito De Tommaso hai letto? Per fortuna che i casamassimesi hanno votato Birardi e non il tuo vice tornato a casa con r mazz 'ngued. E questo è solo l'inizio. Invito il nuovo sindaco a informare i cittadini sulle somme intascate da determinate associazioni per anni. Una sola risposta a chi fa dichiarazioni a sproposito, minacciando di fare emigrare lo spettacolo. E c s nava vert? Puertatil. A Mestre possibilmente.
 
 
#5 aliquid novi 2011-07-23 16:09
solo 5 mila euro per la cultura??così ti han detto Gerardo???peccato che dai finanziamenti per la cultura voce ecrta dice che si è assunta, in un periodo in cui c'è blocco assunzioni al Comune, una nuova unità a capo di uno sportello Codici; iniziativa in relazione alla quale nemmeno un bando pubblico si è fatto a quanto pare.....trattandosi di associazione a tutela di consumatori ed essendocene molte sul territorio...dai gerardo verran tempi migliori
 
 
#4 2011-07-23 15:37
quantomicosti ha più che ragione. c'è un'altra parte della storia che va conosciuta...
 
 
#3 quantomicosti 2011-07-23 14:03
è chiaro che Gerardo sia deluso,l'anno scorso ha intascato circa € 23'000,00 dal comune, 15'000 per il Latilla e 5'000 per le serate danzanti, se sommiamo altri 2/3 mila euro per amplificazioni extra ha portato a casa una cifra spropositata di questi tempi,e si lamenta anche.....
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.