Lunedì 23 Settembre 2019
   
Text Size

OMICIDIO PIRRO, ARRESTATE ALTRE DUE PERSONE

carabinieri-auto

Nella notte tra il 15 e il 16 luglio scorso l’imprenditore barese veniva ucciso sulla statale 100

Su ordine di custodia cautelare - emesso dal Gip del Tribunale di Bari su richiesta della Procura del capoluogo - i Carabinieri del Nucleo investigativo del reparto operativo del Comando provinciale di Bari hanno arrestato Giovanni Lazzari, 43 anni, e Domenico Cristallo, 36 anni, entrambi di Altamura. Sono accusati di concorso in omicidio premeditato e detenzione e porto illegale di arma da fuoco. Un’altra ordinanza è stata notificata a Raffaele Lazzari, fratello di Giovanni, 47 anni, sempre di Altamura, in carcere dal 18 luglio scorso accusato degli stessi reati.

La notte fra il 15 e 16 luglio scorsi, in una piazzola di sosta sulla statale 100 in località Capurso, veniva ritrovato il cadavere di Raffaele Pirro, 73 anni, imprenditore barese, colpito con un colpo alla nuca da una pistola calibro 7.65 sparatogli a distanza ravvicinata. Oggi, secondo gli inquirenti, responsabili dell’efferato delitto sono i due fratelli Raffaele e Giovanni Lazzari e Domenico Cristallo, tutti di Altamura; i primi due piccoli imprenditori edili, il terzo installatore di condizionatori e amico fraterno di Raffaele Lazzari.

Il commando entra in azione nella tarda serata del 15 luglio: insegue la vittima fin dal momento in cui lascia un noto circolo ricreativo nel centro di Bari per far rientro nella sua villa in un residence a Casamassima. Secondo gli inquirenti Raffaele Lazzari alla guida di un furgone tampona volutamente la Jaguar di Pirro e lo costringe a fermarsi. Qui Raffaele Lazzari viene raggiunto dal fratello e dall’amico e viene eseguita l’esecuzione dell’imprenditore barese.omicidio pirro

Ad armare la mano degli assassini la paura che Pirro portasse a termine l’azione giudiziaria intentata contro un’impresa edile materana per la quale i fratelli Lazzari lavoravano in sub appalto. Pirro, infatti, aveva comunicato, anche tramite il suo avvocato, che aveva intenzione di procedere all’iscrizione di ipoteche su alcuni immobili costruiti a Gioia del Colle dall’impresa materana, impedendo così di fatto la vendita dei manufatti completati. Un disagio economico che si ripercuoteva anche sulle piccole imprese subappaltatrici, in un momento in cui i fratelli Lazzari si trovavano in difficoltà economiche. Di qui, secondo gli inquirenti, la decisione di uccidere l’imprenditore barese, con la complicità di Cristallo che, oltre che essere un amico fraterno era anche lui interessato alle sorte dell’azienda materana in quanto spesso e volentieri provvedeva all’installazione dei condizionatori nelle abitazioni e nelle ville costruite dalla suddetta impresa.

A incastrare Raffaele Lazzari, però, la testimonianza di alcuni automobilisti che la notte fra il 15 e il 16 luglio scorsi transitavano sullo stesso tratto della statale 100.  In modo particolare di un uomo che stava rientrando a casa e che nella piazzola di sosta aveva visto perfettamente i quattro uomini (la vittima e i tre sicari), ma soprattutto era riuscito a prendere la targa del furgone guidato da Raffaele Lazzari. Decisamente poco credibile la tesi fornita durante il primo interrogatorio: l’uomo dirà agli inquirenti che vi era stato un imprevisto tamponamento fra il suo furgone e l’auto della vittima che li aveva costretti a fermarsi nella prima piazzola di sosta. Qui improvvisamente erano stati raggiunti, raccontava a luglio Raffaele Lazzari, da un’auto con a bordo due uomini, il passeggero scendeva e impugnata una pistola aveva freddato l’imprenditore Pirro. Raffaele Lazzari, poi, era scappato per paura. Una versione che non aveva convinto gli investigatori che provvedevano a fermarlo (fermo che poi è stato convalidato). Le indagini di questi mesi, soprattutto le risultanze dei tabulati dei telefonini dei tre uomini, hanno consentito agli inquirenti di completare il quadro dei responsabili dell’omicidio e le modalità con le quali è accaduto. Imprenditori che uccidono imprenditori per scongiurare un’azione giudiziaria che avrebbe potuto provocare un tracollo economico della propria piccola ditta.

Commenti  

 
#1 Gianfranco 2011-04-04 18:25
Che grande miseria questo tipo di"uomini",
faccio i complimenti a colui che ha fornito la targa del furgone,dovremmo imparare da gente cosi' a comportarci,che siano stati presi i colpevoli o no!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.