Martedì 17 Settembre 2019
   
Text Size

ADDIO AL CARO FERNANDO

Fernando Cupertino

Il ragazzo speciale amato da tutti

“Grazie a tutti per ogni pensiero, scritto e non scritto. Ferdi amava avere tanti amici, infiniti amici, gente da conoscere, gente da invitare alle sue attese feste di compleanno. Adorava ricevere messaggi, donare abbracci, sorrisi. Gli abbracci e sorrisi veri, puri, perché nella sua anima era puro. La sua anima è pura, sarà per sempre pura. Così è andato via, con la sua tenerezza. E voi siete tanti, tutti stretti intorno a questa sua grande energia magica che non finirà mai di esistere.”

Con questo messaggio pubblicato su Amo Casamassima, e con un manifesto affisso in tutto il paese, la famiglia Cupertino ha ringraziato quanti si sono stretti a loro dopo la perdita dell’amato figlio e fratello.

Ferdinando Cupertino, 36 anni, è scomparso all’improvviso, una domenica mattina qualunque di metà febbraio, lasciando i familiari increduli, una comunità commossa e mille ricordi di gioia in chi gli voleva bene. Un’anima dolce, un ragazzo speciale, sempre prodigo di abbracci: non potevi permetterti di non salutarlo se lo incontravi per strada, o di non rispondergli se ti scriveva su facebook. A Fernando piaceva stare con gli altri e amava partecipare attivamente alla vita sociale e culturale della nostra cittadina. Chi scrive è testimone oculare della sua sentitissima partecipazione ad eventi, rassegne e concerti. In prima fila ogni volta che poteva, trascinando la sua amata mamma fra spettacoli, manifestazioni e feste di paese.

Un ‘personaggio’ per Casamassima, una delle più belle persone che si possano incontrare e lo si incontrava davvero spesso in giro, fra un bar e l’altro, da un capo all’altro del paese, pronto a parlare di calcio, grandissimo tifoso dell’Inter, di teatro, abbonato da sempre alla rassegna dell’Acca, o di musica, del suo gruppo preferito metal Iron Maiden o I Musicanti del Paese Azzurro.

Ai pochissimi che non lo conoscevano, basterebbe scrollare con il dito le centinaia di commenti di estremo saluto pubblicati sotto la notizia della sua prematura scomparsa, basterebbe essersi affacciati nella sua casa in via Adige gli scorsi 17 e 18 febbraio o in chiesa Madre al suo funerale per verificare di persona l’amore immenso che tutti, bambini, ragazzi e adulti, provavano per lui.

Riportiamo gli affettuosi commenti di alcuni fra coloro che hanno vissuto Fernando negli ultimi anni.

“L'Acca è fatta degli occhi e dei cuori di chi la compone e la sostiene. Abbiamo ricevuto una notizia sconvolgente, di quelle che non vorresti mai avere. Un paio di quegli occhi ci hanno lasciato all'improvviso e noi facciamo ancora fatica a crederci. Ciao Ferdinando, grazie per averci fatto compagnia in questi anni, con la tua fedeltà e la tua allegria: ci mancherai tantissimo. Un abbraccio a te, che continuerai a guardarci da lassù, e alla tua famiglia, tanto cara a tutti noi!”

“La notizia della tua perdita, Ferdi, ci ha sconvolto e il cuore e affranto terribilmente in questo giorno. Amavi dirci di essere il nostro più grande fan, ma siamo noi davvero i tuoi fan da sempre per il tuo affetto e il tuo cuore immenso! Grazie per i momenti trascorsi assieme, grazie per gli applausi e gli abbracci straordinari che ci hai donato. Buon viaggio, Ferdi, amico nostro! Ci mancherai! I tuoi Musicanti del Paese Azzurro”

“E poi ricevi quelle notizie che ti chiudono il cuore. Ieri sera eri on line. Mi mancheranno i tuoi abbracci, mi mancherà il tuo ‘Ciao Piera!’. Mi mancherà quando mi chiedevi dei Musicanti del Paese Azzurro, l'ultima foto l'ho scattata io. Ora sei un Angelo. Ciao Ferdy! Il mio abbraccio ti giunga fino al cielo R.I.P.” Piera Montanaro

“Oggi ho appreso una brutta notizia e ancora faccio fatica a crederci, da juventino voglio dedicarti questa vittoria, la vittoria della tua squadra del tuo cuore. Ciao amico mio” Alessandro Pregnolato

“Ciao Ferdinando, oggi, una brutta notizia hai dato a tutti noi. Avrei preferito chiacchierare ancora un po' con te.” Nicoletta Pavone

“Ciao Ferdinando! Ci mancheranno i tuoi molteplici abbracci accompagnati da un magico sorriso.” Nicola Pastore

“Il sorriso più bello che c'è riempie i cuori di tutti noi. Il sorriso più bello che c'è abbraccia, con simpatia e generosità, chi lo ama. Il sorriso più bello che c'è ha voglia di giocare, di divertire e di correre nell'aria aperta. Il sorriso più bello che c'è è unico e vero. Il sorriso più bello che c'è ora sorride nelle vette del Paradiso e ci ama ancora di più.” Maria Teresa

“Fernando, Ferdi, Froky. Lo chiamavamo in tanti modi, io lo chiamavo sempre U' cmbagn mi. Aveva una mano gigante e mi mollava dei ceffoni possenti prima di avvolgermi in un abbraccio. E io ricambiavo, solo l'abbraccio ovviamente, con altrettanto affetto. Finito l'abbraccio mi metteva le mani sul viso, mi sorrideva, altri 2 ceffoni e mi riabbracciava. Questo gioco poteva continuare all'infinito. L'ultima volta che ci siamo visti, gli ho cantato ‘The Trooper’ degli Iron Maiden, correndo avanti e dietro e facendo finta di suonare il basso come fa Steve Harris. Non la smetteva di ridere. E ancora ceffoni affettuosi e abbracci lunghissimi. Gli Iron Maiden, uno dei suoi gruppi preferiti. Una volta gli prestai un libro con tutti i testi e tutte le traduzioni del gruppo inglese. Ci vollero anni per farmelo ridare. Si era convinto fosse suo e non riuscii a trovargli un'altra copia per potergliela regalare. ‘Sei il numero uno Fernando!’ gli dicevo. E lui: ‘Tu di più, Vito!’ ‘Tu di più!’ ‘No, tu di più!’ ‘No, tu di più’. L'unico compromesso era dirgli ‘Siamo due numeri uno!’ E ancora abbracci, ancora ceffoni affettuosi. Mano gigante, cuore gigante e sorriso gigante. Lo ricorderò sempre sempre sempre sempre così.” Vito Nanna

I genitori Umberto e Letizia, la sorella Menica e il fratello Giuseppe, con le rispettive famiglie, sono immensamente grati per l’affetto e la vicinanza dimostrata, probabilmente non immaginavano neanche quanta gente davvero conoscesse e amasse il loro Fernando. Un ragazzo eclettico, espansivo e affettuoso, sempre sorridente. Un ragazzo d’oro, no. Una perla, no. Un diamante raro e come i più bei diamanti non diminuirà mai il suo valore, ma rimarrà per sempre, nel cuore di tanti di noi.

LUNA PASTORE

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.