Martedì 21 Novembre 2017
   
Text Size

“Seppellisce” la droga in campagna

ft

Sabato scorso, 17 giugno, in mattinata, è stato tratto in arresto un giovane casamassimese, T.M., di soli 23 anni. Il ragazzo, già noto alle Forze dell’Ordine per piccoli precedenti penali, era da tempo stato “attenzionato” dai militari per presunta attività di spaccio.

Scoprire come gestiva la sua attività illecità, dal momento che usava un metodo davvero igegnoso ed estroso, non è stato facile; ma, alla fine, il lavoro d’indagine degli inquirenti è stato tanto accurato da portare a risolvere l’enigma. Il ragazzo nascondeva la droga, marijuana, in piccoli contenitori e poi li seppelliva letteralmente nel terreno, in un luogo preciso delle campagne casamassimesi, abbastanza distante dalla sua abitazione.

Per la sua attività accertata di spaccio egli si riforniva “al bisogno” e a dosi minime, quelle per intenderci consentite per legge e cioè “per uso personale”, in modo da non essere teoricamente punibile.

Il ragazzo è stato pedinato per giorni fino a che, finalmente, i militari lo hanno colto in flagrante mentre riponeva le dosi di stupefacente nel contenitore che sarebbe poi finito sotto terra. Sono scattate immediatamente le manette e l’arresto è già stato convalidato.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI