Lunedì 16 Settembre 2019
   
Text Size

TRAFUGANO PIANTINE, RIPRESI DALLE TELECAMERE

aiuola spagnoletti 02

Avrebbero trafugato 5 piantine deturpando un’aiuola pubblica ma sarebbero stati ripresi dalle telecamere. È quanto accaduto a due persone nella notte che, incuranti delle riprese video, avrebbero ‘saccheggiato’ l’aiuola: “Questa notte alle 02.28 – si legge sulla bacheca facebook dell’Ottica Spagnolletti – in via Sammichele dinanzi al mio negozio, una signora in compagnia di un uomo, hanno deturpato l'aiuola asportando ben 5 piantine (valore cadauno 5,00 euro) incuranti delle telecamere che hanno ripreso l'evento, la coppia più volte ha rivolto il volto verso le telecamere di video sorveglianza!”.

aiuola spagnoletti 01

Sconcerto e sdegno sono stati espressi dagli utenti che hanno appreso la notizia.

“So chi siete – prosegue Spagnoletti – per ora mi limito a pubblicare la foto delle aiuole con la speranza che riportiate le piantine al loro posto, altrimenti consegnerò il video ai carabinieri con relativa denuncia, ora regolatevi di conseguenza”.

Commenti  

 
#30 Svezzato 2014-09-08 23:33
Grazie ottico scova ladri. Il merito è tuo se da una piantina trafugata si è arrivati a fatti eclatanti. Speriamo che la giustizia non si muova solo per un ladro di piantine. Spesso accade che in galera ci va il ladro di galline, raramente il delinquente in giacca e cravatta.
E sarebbe un bel grande esempio!
Renzi, e la promessa della punibilità dei giudici...disattenti te la sei scordata? Quante fanfaronate.
Ah ah ah.
 
 
#29 LN 2014-09-08 16:16
Leggo l'Editoriale, firmato, di pagina 11 del foglio locale di Casamassima. È di persona che ci mette la faccia quando pubblica notizie, magari sgradite a chi potrebbe essere eventualmente coinvolto. Tra questi gli eventuali indagati o indagabili, il magistrato che eventualmente avrebbero chiuso nel cassetto da impolveramento i fascicoli, gli incaricati delle indagini che sarebbero eventualmente favorevoli all'impolveramento e non all'approfondimento. Personalmente, di fronte alla possibilità che le predette ipotesi possano trovare ancora oggi alloggio nel nostro sistema politico e giudiziario, mi lasciano perplesso e ritengo che non siano vere. Questi i motivi:
1) -non si affidano le indagini come quelle denunciate, ad un corpo altamente specializzato in tale materia come è quello della Guardia di Finanza. Se l'obbiettivo recondito è quello di "affossarle" ci si terrebbe ben lontani dall'utilizzo di specialisti in corruzione e concussione che, in quella Procura, avrebbero già messo le mani su fatti di decennale sperimentazione, quindi ben attrezzati per lavorare in un quadro indagatori ben conosciuto.
2) -che un Pubblico Ministero affossi una indagine complessa, però ben articolata come sembrerebbe dalla lettura dell'editoriale, non mi sembra possa essere realtà. Piuttosto, la mancata conoscenza sui provvedimenti giudiziari adottati o adottandi dopo soltanto quattro mesi dalla chiusura delle indagini, a me sembra un tempo fisiologicamente normale. Accade quasi in tutte le Procure della Repubblica, ma per una questione di carico di lavoro non per altro. Poi c'è il GIP, la Procura Generale, il CSM, il Ministro di Grazia e Giustizia con il suo ispettorato, la nuova aria che tira in termini di cambiamento dello Stato. Quindi, come mi dicevano a Casamassima tra minacce e prese per i fondelli, "stai sereno", in questo caso rimarrei veramente sereno.
3) -questo terzo motivo, per ragioni di correttezza, lo tengo riservato per rispetto di chi, anche laddove i fascicoli si lasciano impolverare o si tenta di "aggiustarli", il loro lavoro lo fanno sino in fondo perché credono nell'alto valore della Giustizia che essi stessi, quando erano ancora giovani, decisero di tutelare per sempre. Anche da grandi.
In conclusione, per quel che giustamente vi turba del potere politico, allietatevi con la visione di "Storia degli Stati Uniti in dialetto barese" (durata 1'31"). La trovate su youtube. Cosa c'entra? Bene, quello che accade in Italia, viste le denunce accennate nell'editoriale, e quello che accadeva negli stati che poi si unirono (U.S.), sono storie comiche: la prima fa piangere, la seconda fa ridere. Adesso ridete ..... con seconda la storia ed aspettate per la prima.
 
 
#28 LN 2014-09-07 19:12
Grazie. Provvedo a farmela inviare per email per poter seguire al meglio la cronaca vera o nera che possa essere.
 
 
#27 Pippo 2014-09-07 15:28
L N
VOCE DEL PAESE di sabato 7 settembre 2014.
 
 
#26 LN 2014-09-07 13:16
Scusa ancora PIPPO, dimenticavo di dirti che ho fretta perché mi fa paura che Procura possa indagare poi anziché prima come da te annunciato. Sai PIPPO, in Italia c'è ancora la prescrizione per gli eventuali reati commessi dalla PA (Pubblica Amministrazione). La prescrizione, i politici, l'hanno tolta soltanto per debiti dei cittadini con i quali EQUITALIA fornisce loro le casse da depredare.
 
 
#25 LN 2014-09-07 13:06
PIPPO, dell'editoriale stranamente pubblicato a pag 11 anzichè in prima pagina, le cui " risultanze dell'indagine sono state inviate alla Procura di Bari....... mi dici in quale data è stato pubblicato e se è online? Sono interessato ma non sono in Italia per poter consultare il cartaceo. Grazie
 
 
#24 Pippo 2014-09-07 12:06
Gentile Redazione, se dall'argomento "piantine rubate" si è arrivati a parlare d'altro, dovreste capire che la gente del web ha sete di ben altre notizie. E senza trascurare gli argomenti apparentemente meno importanti, dovreste dare ampio risalto a quelle che sono notizie scottanti o quanto meno pubblicare i documenti, qualora esistessero, dei fatti che in tanti riportano nei loro commenti!
La signora Rodi, se ben ricordate, ha sempre pubblicato "incartamenti" che poi sono finiti nelle mani della giustizia (e che prima o poi dovrà indagare!).

Bello l'editoriale stranamente pubblicato a pag 11 anzichè in prima pagina, sopratutto la frase: "...le risultanze dell'indagine sono state inviate alla Procura di Bari almeno quattro mesi fa, e giacciono inspiegabilmente nei polverosi e misteriosi cassetti."
Auguri di buon la lavoro.
 
 
#23 Cronaca vera 2014-09-04 23:52
Per #21 Gina 2014-09-04 14:10 che ti chiedi se è veritiera la notizia contenuta nel post 19: chiedilo al signor Capacchione che bocciò quel progetto che riguardava anche un Asilo per 40 posti sul residuo della Maglia P19 dove, secondo lui, ci potevano andare meglio delle "case popolari" o roba similare, e non altro. Secondo altro soggetto invece, profondo conoscitore dei fatti regionali e dintorni, si sarebbe potuto, sempre su quel residuo della Maglia P19, costruire un grande magazzino di 2.000 metri quadrati. Unico piccolo particolare che impediva quel tipo di business era il seguente: chi si occupava dell'attuazione di quel residuo di Maglia non era avvezzo a portare la museruola. Non che la museruola poi l'abbia adottata dopo che gli è stato "cortesemente è pubblicamente ricordato tra gli applausi" che non doveva permettersi di ricorrere all'Autorità Giudiziaria..... anzi! Per cui, Gina, non andare a chiedere a nessuno se è vero quello leggi sul post #19, abbi Fede e aspetta. Qualcuno l'Asilo potrebbe pagarlo ai Casamassimesi con le proprie tasche aggiungendo un bel fiore all'occhiello.
 
 
#22 pollice verde 2014-09-04 14:38
Parlavamo di fiori e spuntano cavoli e carogne. Poichè siamo vicino ad un ottico cerchiamo di vederci chiaro.
 
 
#21 Gina 2014-09-04 14:10
Se è veritiera la notizia contenuta nel post 19, come mai nessuno ha mai dato informazioni certe su questa storia del nuovo asilo da costruire lì dove segnalato nello stesso post 19?
Vero è che della demolizione del fatiscente "fungo" (premurosamente ed inutilmente rinfrescato dal volenteroso sindaco e company, ridicolo teatrino della spicciola politica) se ne parla da pochi giorni, ma una buona informazione deve essere sempre e comunque attenta a tutti gli episodi che interessano i cittadini.
Il buon giornalista scava, scava e...diventa bravo!
 
 
#20 Libertà di stampa 2014-09-04 14:05
Vogliamo gli editoriali della Rodi!!!!!!!!!!!
 
 
#19 Privatamenteparlando 2014-09-04 03:23
Perché, vi è un asilo da demolire? Qual'è questo asilo? È nuovo? Chi è stato il collaudatore statico e chi quello amministrativo? Perché non è stata autorizzata la costruzione, senza costi per il Comune, dell'asilo nell'area dei "Privato" proposto come completamento del residuo della Maglia P19? Sono mai state eseguite le indagini sulla omessa convocazione del Consiglio Comunale che doveva pronunciarsi (almeno pronunciarsi) sul progetto di quell'asilo negato per volere probabile volere di 4 quacquaraqquà" da individuare? Signor #18 SANDRO, altro Sandro, allontanato dal Conune per ragioni a me non note, aveva proposto per iscritto, ufficialmente, con e per i poteri/doveri del suo Ufficio, di far intervenire il Consiglio Comunale per la costruzione, "senza spese" per i cittadini, di altro Asilo per i bambini ed i genitori Casamassimesi! Questo dovete chiedere alla Rodi o ai redattori ancora in carica su Casamassima Web che avrebbero certamente accesso alle fonti dirette di questi fatti.
 
 
#18 Sandro 2014-09-03 21:25
La Rodi si è dimessa oppure è stata costretta a dimettersi ? Non lo sapremo mai!
Ma la cosa certa è che questo blog ed il giornale "la voce del paese" hanno smesso di vivere. Connivenza, minacce, stanchezza, disinteresse o cos'altro signor editore?
Se la sagra del panzerotto, la piantina trafugata, la festa patronale, la pietra tonda ecc. ecc. sono, per questa redazione, notizie più importanti di un'asilo da demolire o di un'amministrazione fantasma, beh, viva l'Italia.
 
 
#17 pollice verde 2014-09-01 22:15
La Rodi centra, è un altro fiore trafugato e come la piantina dell'ottico sappiamo chi è stato.
 
 
#16 Considerazione 2014-08-31 10:17
Che c'entra la Rodi con questa storia di inciviltà.
 
 
#15 Ignorante 2014-08-30 16:42
Speriamo che adesso trafughino la lapide della "petatonn". Almeno copritela, giusto per il decoro cittadino.
Una lapide stracolma di ridicoli strafalcioni che piace tanto all'amministrazione e che non si preoccupa manco di rimuoverla.
Una capra l'ha scritta, ma nessuno si è preoccupato di correggerla.
Il colto di turno, artefice di tale brutale distorsione delle basilari norme della letteratura italiana e latina, ci riporta culturalmente ai tempi dei briganti e dei Borboni.

P.S. Strano che in questa occasione, come in precedenza accaduto, la suddetta lapide non sia stata firmata dall'autorevole autore.
 
 
#14 Un sognatore 2014-08-30 09:09
Ho sognato il Lupo che mi diceva: "Non preoccupatevi per me! Anche io, da Lupo, devo abbandonare questi sprovveduti. Questi si pensano che io ho la bacchetta magica per titarli fuori dai casini!" :P
 
 
#13 Attenti al Lupo 2014-08-29 13:46
#10 Mino, non ti hanno rubato la Rodi... ti hanno semplicemente rubato la Libertà di Stampa! Attento a che non mettano a tacere anche la tua libertà di postare il diritto di critica!
 
 
#12 Rocco 2014-08-27 18:41
Non sono un cliente dell'ottico "pescaladri", ma obiettivamente bisogna riconoscere almeno l'ottima scenografia della sua "bottega!
Un interno elegante e sobrio, una vetrina che espone prodotti di alta qualità e la raffinata aiuola dallo stesso coltivata,curata e ...derubata!
 
 
#11 Neos 2014-08-27 16:18
Citazione:
ottima pubblicità per il negozio.complimenti
Sbagliato!
Nelle foto il negozio non si vede, mentre è citato nel testo per dovere di cronaca.
Tra le altre cose, quel negozio ha ben poco bisogno di pubblicità in quanto è molto conosciuto e finanzia iniziative utili come il teatro ACCA di Casamassima (per citarne una).
Cerchiamo di non essere sempre scettici o negativi, se possibile.
Il titolare - che non mi ha pagato per questo giudizio- è una persona che giudico oltremodo corretta.
Possiamo discutere dei suoi prezzi o del suo assortimento, ma non certo della sua correttezza, mi creda.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.