Domenica 17 Dicembre 2017
   
Text Size

FURTI A CASAMASSIMA, È EMERGENZA

carabinieri paletta

Serve a ben poco l'atmosfera prenatalizia quando a dover essere scongiurato è il fenomeno dei furti che, anzi, nei periodi di festa, generalmente, tende ad intensificarsi. È quanto sta accadendo nell'ultimo periodo a Casamassima, dove il problema pare riguardare soprattutto le autovetture.

A confermarlo sono i Carabinieri della Stazione di Casamassima che distinguono in due tipologie le auto prese di mira: quelle a noleggio (quindi di alto trend), principalmente nella zona del centro commerciale, mentre in paese le Audi (soprattutto A3) e le autovetture vecchie, spesso utili alla rivendita dei singoli pezzi.

Non sarebbero comunque da considerarsi meno numerosi e pericolosi gli episodi di furti nelle abitazioni, compiuti peraltro - e ciò costituirebbe l'aspetto da non sottovalutare - senza effrazione, bensì utilizzando le chiavi di casa, copiate a proprietari distratti direttamente da borse e borselli o da mazzi lasciati incustoditi, anche se per pochi istanti, in luoghi pubblici.

Un'altra tendenza riscontrata riguarderebbe, poi, le rapine, compiute talvolta presso gli esercizi commerciali del paese, anche ad orari insoliti in cui, dato il basso incasso, i rapinatori non riscuotono che un misero bottino. Quest'ultimo è spesso il caso di tossicomani alla ricerca di pochi euro pur di soddisfare bisogni immediati.

I Carabinieri starebbero prestando attenzione alle attuali dinamiche criminali venutesi a creare nel nostro paese, cercando, nello stesso tempo, di prevenire e di contrastare con abnegazione tale fenomeno. Avrebbero puntato i riflettori sui diversi episodi verificatisi ultimamente nel nostro territorio, aprendo diversi filoni di indagine. Resta il fatto che le unità di polizia disponibili nel nostro comune si attestano sotto la decina, un numero improponibile in una cittadina che conta ormai più di 20.000 abitanti e che negli ultimi anni sta vivendo una fase di grande espansione.

Mentre si auspica il potenziamento delle attività svolte quotidianamente dai Carabinieri, a tutela della tranquillità del cittadino e della vivibilità di Casamassima, attraverso un maggior dispiegamento di forze dell'ordine sul nostro territorio, che prima o poi speriamo venga concesso a questo paese, diamo voce alle testimonianze di due giovani casamassimesi che nel corso delle ultime settimane hanno subito furti d'auto.

In preda alla rassegnazione esprimono tutto il proprio malcontento verso la realtà in cui vivono, un microcosmo che, oltre a non offrire sempre più spesso prospettive dal punto di vista lavorativo, non rappresentando più un luogo sicuro finisce per mandare in fumo anni di sacrifici compiuti al solo scopo di non andare via, di resistere e di vivere la propria esistenza nella terra d'origine. Di seguito i loro racconti.

F. "Ho subito il furto della mia auto durante un weekend di novembre, in serata, nei pressi di via Conversano. Anche se non so quantificarlo con precisione, il danno che ho subito è davvero rilevante. Dovrebbe aggirarsi intorno ai 10.000 €. Al di là di questo aspetto, comunque, il vero trauma che ho subito è quello morale, perché nel giro di un quarto d'ora ho visto tanti sacrifici buttati via. Non nascondo che ho provato da subito un'incredibile voglia di andare via da questo paese. Sono stufo di ascoltare sempre le solite storie e di vivere i soliti problemi. Credo fermamente che quella che stiamo vivendo sia una situazione grave, da risolvere urgentemente. In questo paese non è garantita la sicurezza, anzi il contrario. Le istituzioni dovrebbero aprire un po' di più gli occhi e non solo svolgere le solite attività di routine visto che i dati alla mano sono rilevanti. Notare dei miglioramenti nel breve termine sarebbe il più bel regalo di Natale che tutti i cittadini potrebbero ricevere. Noi casamassimesi meritiamo più rispetto e attenzioni".

M. "La scorsa settimana, dopo una dura giornata di lavoro, intorno alle 20.15 mi sono recato all'Auchan con un mio amico. Dovevo far stringere dei pantaloni ma appena entrati siamo tornati indietro perché ci siamo resi conto di non averli presi dall'auto, parcheggiata poco prima. Avvicinandomi, invece, ho subito notato una Panda viola in moto nei pressi della mia auto e subito dopo una grossa ammaccatura sulla parte posteriore della mia autovettura. Mi sono avvicinato alla signora nella Panda e mi sono accorto che parlava animatamente al cellulare. La sua reazione immediata è stata andarsene senza darmi la possibilità di porle alcuna domanda. Un po' dubbioso ho recuperato i pantaloni dall'auto e mi sono precipitato nel centro commerciale per sbrigare la commissione e andare via. Dopo soli 15 minuti ci siamo diretti verso il parcheggio ma la mia auto non c'era più. Inutile dire che in quell'istante mi sono sentito non solo derubato di un bene ma anche privato della mia stessa serenità. Un evento del genere ti cambia soprattutto quando negli anni fai tanti sacrifici, ti alzi alle 5 per andare a lavorare e metti da parte pochi soldi ogni mese per acquistare l'auto che ti è sempre piaciuta e che hai sempre sognato. Ho perso circa 11.000 €. Mai avrei pensato a così tanti furti tutti nello stesso periodo. Purtroppo non ho mai potuto vedere i filmati della videosorveglianza, mai messi a mia disposizione. Sono portato a credere, ma non ne sono certo, che non li abbiano potuti vedere neanche i Carabinieri. Penso anche che d'ora in poi non mi sentirò più sicuro di allontanarmi dalla mia futura auto, nemmeno per pochi minuti. Ad ogni modo l'ammaccatura con tutta probabilità era stata fatta per verificare se avessi un antifurto. Solo in seguito ho scoperto che in genere questi malviventi procedono in questo modo per rubare le auto".

[da La voce del paese del 30 novembre 2013]

Commenti  

 
#6 Enza 2017-09-26 12:50
Mi vergogno di dire che sono di Bari ... ieri sera nel parcheggio dell Auchan hanno portato via la mia macchina in un ora dove tutti possono vedere e nessuno fa nulla ... mi sento dire che avvengono tre furti a settimana, e lasciano fare.... UNO SCHIFO!!!!!
 
 
#5 Anonimo 2013-12-12 00:42
Ho munito la mia abitazione di telecamere esterne per proteggermi dai furti. Mi hanno detto che devo richiedere il permesso ai carabinieri, é vero?
 
 
#4 Neos 2013-12-10 15:37
Due intervistati, ma non si capisce molto in relazione al loro furto. Il secondo non aveva un antifurto ellettronico, ma possibile che entrambi non ne avessero uno meccanico? Con un buon BlockShaft l'auto se la possono portare solo col carro attrezzi...
 
 
#3 Pif 2013-12-10 08:50
3 individui andavano verso conversano.. .. a bordo di un disco volante ... . si sono dileguati nel cielo.
Serviranno gli elicotteri.
 
 
#2 un cittadino 2013-12-09 20:48
questo aumento della criminalità dipende anche dal fatto che sono stati fatti molti tagli sulle forze dell'ordine...la colpa va sempre a ricadere su di "loro" perchè la colpa e solo la loro
 
 
#1 Raffaele 2013-12-09 16:22
Due individui con fare sospetto si aggiravano nei pressi dell'Hangar pub, con una Punto Bianca, verso le 24:00 di Sabato 7 Dicembre. Si accostavano prima al fianco di una Smart guardandola attentamente, dopodichè si spostavano un pò più avanti e effettuavano lo stesso movimento con una Opel ultimo modello. Notando la mia presenza si dileguavano ripassando altre due volte ma non fermandosi, visto che io ero lì all'ingresso del noto locale per lavoro. (al 112 non ha risposto nessuno dopo varie chiamate e ulteriori squilli)
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI