Lunedì 18 Novembre 2019
   
Text Size

E' MORTO L'ARCIPRETE DON NICOLA LUDOVICO

casamassima_chiesa madre

Si è spento oggi pomeriggio alle 16.00, all’ospedale San Paolo di Bari, don Nicola Ludovico, l’arciprete che per trent’anni ha esercitato il suo sacerdozio nel nostro paese, alla chiesa Madre. Aveva 65 anni, essendo nato nel 1946, e non stava bene da tempo. Lascia il fratello Mario, la cognata e tre nipoti.

La notizia della morte di don Nicola è subito rimbalzata con forza da una parte all’altra del paese, lasciando frastdon nicolaornati i tanti casamassimesi che lo hanno conosciuto e amato durante la sua lunga permanenza da noi. E anche se l’arciprete era ricoverato da tempo, la sua scomparsa ha colto comunque di sorpresa le tante persone alle quali lui era leg ato. Chi scrive ha avuto il piacere di conoscerlo, come tanti ragazzi di Casamassima, e ricorda con molto affetto il suo modo di fermarsi a salutare i giovani che frequentavano la chiesa: non mancava mai un suo schiaffetto affettuoso, dato sulla guancia con una certa forza dopo l’immancabile premessa: “Via le mani dal viso”. E poi subito un abbraccio. Ma tante sono le persone, adulte e anziane, che lo hanno apprezzato al pari dei “suoi” ragazzi. Così come numerosi sono i nostri concittadini, di tutte le età, che stasera si stanno radunando in chiesa per la veglia.

Con la morte di Don Nicola si chiude una lunga parentesi per la vita religiosa e sociale del nostro paese. Una parentesi che si è interrotta dopo l’ultimo ricovero di settembre e la successiva operazione alla testa, due momenti che hanno rappresentato soltanto la tappa conclusiva di un percorso che l’ha visto fare i conti con i tanti ostacoli alla sua salute, presentatisi negli ultimi anni.

I funerali saranno celebrati, domani pomeriggio alle 16.00, nella chiesa Madre, quella chiesa che per tre decenni ha visto don Nicola celebrare messa.

 

Commenti  

 
#59 Marta 2012-01-17 01:37
Io sono di Bari ma da sempre conosco l'amato don Nicola di cui ero e continuo ad essere figlioccia. A me, cosí come alla mia famiglia, ha donato sempre e solo amore e, insieme ai miei genitori, mi ha insegnato il vero significato della generosità. Mi rattrista pensare che attorno a lui si possano generare diatribe, conflitti e offese... in fondo non facciamo parte tutti di una stessa Chiesa? Perché allora non partire dai punti in comune, ovvero le motivazioni profonde del nostro essere cristiani, piuttosto che fossilizzarsi su cieche posizioni di superficie che non fanno altro che alimentare futili e distruttivi integralismi?
 
 
#58 Asia Stella 2011-06-21 21:15
Susanna C, non Le permetto nella maniera più assoluta di scrivere che le mie sono "scemenze". La mia era una risposta esemplificativa all'utente indicato e, per Sua informazione, mi riferivo esclusivamente alla ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE, non all'INVENZIONE. Prima di formulare qualsiasi tipo di pensiero, cerchi di interpretare meglio quello altrui. Infine, La invito vivamente a rivolgersi alla sottoscritta dandole del "lei", come si conviene tra persone che tra loro non si conoscono.
 
 
#57 indignato 2011-06-21 10:07
Alfiere Nero, apprezzo il suo modo di esprimersi ma non condivido il suo pensiero..ho intuito la sua identita ma questo non vuole essere una minaccia e solo che mi sento indignato e non solo per la professione che svolge che dovrebbe portarla ad essere incline al rispetto della morte e della sofferenza ma anche perchè lei adesso ricopre una carica importante. ci rifletta su e si ravveda. La prego.
 
 
#56 totti 2011-06-20 23:45
credente impenitente.... ti vorrei dire solo una cosa , anzi ti vorrei cososce di persona solo per dirti di smetterla di dire tante ca*****, forse tu nella tua vita vivi solo di questo, i tariffari, i disgraziati, il lavoro,che altro devi scrivere domani? la ruta gira per tutti mia nonna diceva sempre OGGI A A ME,DOMANI A TE.
 
 
#55 aa 2011-06-20 23:24
susanna carissima forse no conosci bene la storia,perniola non è stato mai cacciato, forse decise di andare in africa la terra che lui amava tanto al suo ritorno e la malattia che lo ha colpito . nessuno ha cacciato don nicola . infomati meglio prima di dire delle chiacchiere
 
 
#54 Susanna C. 2011-06-20 22:11
Asia Stella, forse non sai o fai finta di non sapere, che il 3 Maggio ricorre l'evento dell'Invenzione della Santa Croce. Fu Sant’Elena, madre dell’imperatore Costantino, a scoprire la Croce originale sul colle del Golgota, 300 anni dopo la Crocifissione. Ogni anno, il 3 maggio, la Chiesa commemora questa scoperta con una festività chiamata “L'invenzione della Santa Croce”. Questa data è stata scelta poiché il 3 maggio dell'anno 628 l'imperatore Eraclio recuperò dai Persiani il pezzo della Croce che era stato lasciato a Gerusalemme da Sant’Elena, mentre le altre due parti erano state inviate a Roma e a Costantinopoli.

Il 14 Settembre invece, ricorre l'ESALTAZIONE della Santa Croce e a Casamassima, come a Roma e in tutte le parti cristiane del mondo, si festeggiava..fino a 28 anni fa.
Informati prima di scrivere scemenze..
 
 
#53 VN 2011-06-20 21:30
Approvo, condivido e tra l'altro apprezzo molto il puntualissimo commento nr. 50 della Sig.ra Anna. Complimenti.
 
 
#52 Asia Stella 2011-06-20 20:59
vorrei rispondere a "schifatoperenne". Ha per caso preso visione delle visure catastali degli immobili di don Nicola?o per caso ha dato un'occhiata alla dichiarazione ici di don Nicola?per sua informazione non ha spostato alcuna ricorrenza di Santi. Probabilmente lei si riferisce alla festività dell Santa Croce che vorrei informarla ricorre il 14 settembre e NON il 3 maggio. Quet'ultima, infatti, è una festività popolare non liturgica!Per quanto riguarda il dettar legge e lo screditare la parola di Dio, credi che lei non sia MAI stato presente ad una messa celebrata da don Nicola dal momento che durante le sue omelie si traevano solo e soltanto insegnamenti, null'altro;dunque credo che don Nicola abbia sempre ben letto e ben interpretato le sacre sritture!mi dispiace che don Nicola non ci sia più altrimenti l'avrei volentieri invitato a conoscerlo e a seguire una sua messa!La saluto cordialmente....una lazzarona (per sua informazione questo è un nomignolo che don Nicola attribuiva alle persone a lui più vicine)!!!!
 
 
#51 VN 2011-06-20 20:47
Alfiere Nero Lei che dall'alto dell'anonimato infanga gratuitamente la memoria di un uomo GIUSTO, ma a messa ha mai partecipato?
 
 
#50 Anna 2011-06-20 16:09
Per poter affermare che una persona è buona o cattiva, che ha fatto del bene o che ha fatto del male, bisogna conoscerla sino in fondo, bisogna conoscerne i lati positivi e i lati negativi...a tutto tondo insomma.
Premesso, inoltre, che una persona non si può classificare in buona o cattiva, credo che i giudizi su Don Nicola non spettino a noi. A noi tocca semplicemente imparare da lui: se pensiamo che ci abbia insegnato qualcosa, cerchiamo di mettere a frutto i suoi insegnamenti se invece pensiamo che abbia fatto degli errori cerchiamo di non fare noi lo stesso. Chi ha camminato al suo fianco in questi 28 anni ha ricevuto da lui schiaffi e carezze, rimproveri ed elogi, nessuno ha ricevuto solamente rimproveri e schiaffi o solo elogi e carezze...impossibile!!! Altrimenti non potremmo dire di averlo conosciuto! E' semplice sparare commenti a raffica...don Nicola è stato fra noi 28 anni e credo che se un bilancio fosse necessario bisognerebbe valutare tutti i 28 anni e non solamnete quelli che fanno comodo a noi! Ricordiamo com'era la nostra comunità prima del suo arrivo! Riflettiamo su quanti passi avanti abbiamo fatto nel nostro cammino di fede da singoli e da "carovana in cammino"!!!
Io ho sempre considerato la chiesa matrice come la casa dei cristiani che ci hanno vissuto da cristiani e non solo da "architetti"...
Don Nicola è stato messo alla guida di una chiesa fatta di persone e non di pietre e leggendo i commenti credo che possiamo dividerli in due gruppi: "quelli delle pietre" e "quelli delle persone"...
 
 
#49 mc 2011-06-20 09:00
molti lo hanno criticato ma tantissimi lo hanno amato e seguito!!! io ho partecipato per anni ai campi scuola con lui e ricordo con gioia quelle avventure. mi ha aiutato durante un periodo "burrascoso" della mia vita e non lo dimenticherò mai. l'unico mio dispiacere è quello di non aver frequentato più la Parrocchia negl ultimi tempi, ma nonostante ciò lui mi ha sempre salutato con affetto. a lui volevo e vorrò sempre un gran bene.
 
 
#48 vincenza 66 2011-06-19 19:50
vorrei dire anche se sono lontana dal mio paese don nicola ha sempre avuto per me e la mia famiglia una parola bella grazie cmq ci mancherai
 
 
#47 cristina 2011-06-19 19:42
quante chiacchiere e cattiverie don nicola è stato un angelo e sarà sempre quell'angelo che dio ci ha inviato come guida spirituale ti vogliamo bene. ora guidaci da lassù
 
 
#46 alfredo selvaggio 2011-06-19 16:46
poveretto
 
 
#45 Ale 2011-06-19 16:33
Sono di Bari, non di Casamassima ma conoscevo Don Nicola da una vita, e quando ho avuto la possibilità di scegliere il mio servizio civile, non ho esitato un attimo a scegliere di svolgerlo nella sua struttura di Cristo Re. Fù un'esperienza indimenticabile, che mi ha dato tantissimo, e lui era da sempre un sacerdote energico, deciso, all'avanguardia..ma sempre per gli altri..sempre con un fine umano. La sua voce risuonava forte per scuotere gli animi, ma allo stesso tempo regalando sorrisi e gesti affettuosi e naturali. Era per i giovani ma con i giovani voleva entrare nel cuore di tutti i grandi. Ho appreso la notizia solo oggi e lo ricordo con una preghiera..in silenzio..
 
 
#44 un tuo lazzarone 2011-06-19 14:37
vogio rispondere una sorella che nel forum ha detto di essere credente... forse di un dio che non esiste e che non sa che cosè la carità,e di essere tra l'altro una assidua frequentatrice... forse avere un pasto o di esse come hai definito tu... disgraziati a quei fratelli e sorelle che nella vita hai avuto problemi.... e un peccato? ti sei posta tu dall'altro lato? e se eri tu come qui disgraziati, che cosa avresti fatto? bè la risposta te la dò io.
sicuramente don nicola ti avrebbe acolto e invitato a far parte di loro, non ti avrebbe mai lasciato sola ti avrebbe accolta come sua figlia e come un padre fà con i propi figli ti avrebbe ceduto il suo pitto. scusami hai provocato dento di me un certo disgusto per quanto hai scrtto... forse non lo hai conosciuto fino in fondo ti sei fermata ad ascoltare le chiacchire che le persone e anche tu dici. la prossima volta che siedi a tavola e hai un pezzo di pane tra le tue mani pensa a qui pooveri disgraziati che "forse" quel pezzo di pane e un tetto da poterlo mangiare fore non c'è la vranno più
 
 
#43 VN 2011-06-19 11:08
Come ci si può permettere di criticare la vita di un UOMO DI DIO senza vergogna, un uomo che ha dato testimonianza delle parole del vangelo che promilgava con la sua stessa vita. In un caso come questo il libero diritto di espressione dovrebbe essere "sospeso".
La vita di Don Nicola comunque la si guardi è OGGETTIVAMENTE un esempio per tutti.
 
 
#42 antonella 2011-06-19 11:04
una cosa so di sicuro la messa di don nicola era molto piacevole...spesso mi ha commosso con le sue parole...e al momento non c è nessun prete che in questo potrà sostituirlo.
 
 
#41 alfiere nero 2011-06-19 10:46
Non sono d’accordo. Comprendo la commozione e lo spaesamento di tutti coloro che di fronte alla scomparsa di don Nicola non gradiscono critiche. La mia, modestamente, non è una riflessione palesemente falsa, ed è per questo che anche in questo momento triste ( la morte di un essere umano è sempre triste ) non inclino alla piaggeria. E' la riflessione di una chiesa matrice che non esiste più. Mi piace ricordarla così com'era, perchè mi piace credere che l’involuzione architettonica " minimalista " che ha subito non sia stato uno stupro al simbolo stesso di Casamassima, ma fatto con intenzione “amabile” anche se assolutamente non condivisibile da ogni studioso dell'arte. La Chiesa Matrice era qualcosa che ci apparteneva intimamente : quando ci entravi prima dell'involuzione, sentivi l'odore del tempo, dell'eternità; era sensibile e tangibile che ogni sua parte era stata testimone dell'esistenza dei nostri cari più lontani e della nostra stessa. Purtroppo per me questo è un capitolo decisivo per definire l'opera del nostro ex Arciprete. E' stata un operazione di marketing come tutte quelle che accompagnano il consumismo religioso ( vedi Padre Pio )? E' stata una tutta mondana operazione di architettonica "chirurgia inestetica"? Viviamo un tempo strano, un’epoca senza più una religione condivisa, ma con una grande domanda di spiritualità. La Chiesa Matrice così come'era era intrisa di spiritualità, questa di mondanità. Nonostante tutto non me la sento di giudicare. Ma di capire perchè. Il perchè di questa operazione disastrosa. Questo desiderio di capire discende direttamente dal sentimento del valore della persona come portatrice potenziale di occhi per vedere le verità assiologiche e quindi da una forma del rispetto per la sua intangibilità, anche là dove dobbiamo constatare che questi "occhi per vedere" una persona se li è accecati. Questo desiderio di capire è quello che rompe il silenzio dell’innocente e gli fa chiedere, forse anche gridare ancora: perché ? Ma è anche quello che, praticato, produce generosità o nobiltà nei sentimenti che si tende a nutrire nei confronti del prossimo, come pure compassione e indulgenza. Non inibisce l’indignazione di fronte a prepotenza e arroganza che pure don Nicola aveva: inibisce l’odio nei confronti della persona stessa, lasciando sussistere in suo luogo il buio dell’impossibilità di capire. "Peccata enim quis intelligit ?" scrive Agostino. E seppure non condividessimo gran parte dell’ethos di Agostino, non potremo evitare di constatare con lui questo fatto che tanto spesso contrasta il desiderio di capire ma non dovrebbe idealmente spegnerlo, l’impossibilità di capire. Quindi, caro don Nicola, dal mio punto di vista ti perdono per la visione visione messianica che ho della Storia, nonostante tu ci abbia tolto una parte della nostra Storia.
 
 
#40 Susanna C. 2011-06-19 09:31
Ha litigato e mandato via tutti i preti di Casamassima; è stato l'ingiusto artefice della cacciata di Mons. Giovanni Perniola. Requiescat In Pacem..
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.