Lunedì 17 Dicembre 2018
   
Text Size

BRUCHI ASSASSINI IN VIA MICHELANGELO

processionaria_001

In via Michelangelo sono nati bruchi di processionaria del pino, o meglio: si sono riprodotti. Dopo la prima segnalazione nella primavera scorsa, ai Vigili urbani (da qualche anno obbligatorio, proprio per la pericolosità di questo insetto), questi animaletti sono stati avvistati nuovamente nella zona. L’insetto nocivo alla salute delle persone e pericolosissimo per molti animai domestici, come i cani ed  gatti, può uccidere la pianta infestata ed estendersi velocemente ad altre piante. La processionaria, oltre a provocare la esfoliazione di piante intere, può costituire un pericolo maggiore per l'uomo e gli altri animali.

Una decina di giorni fa due giardinieri del Comune sono intervenuti per tagliare i rami dov’erano presenti i nidi ancora chiusi; nel mese di gennaio erano intervenuti tagliando i nidi i più esposti, qualcuno più interno è sfuggito a causa della grandezza della conifera (da anni non vengono potati a causa di mancanza di fondi). Se non interviene ASL, i bruchi diventeranno falene e deporranno uova sui rami.

La testimonianza di Gregorio De Iure, un residente: “Già in passato si erano formati nidi di Processionaria in via Michelangelo, anche se a causa della mancata potatura decennale non sempre è facile individuare i nidi. La prima volta dopo una segnalazione al Comune ci siamo rivolti a un privato per rimuovere il ramo infetto. Nel mese di dicembre scorso abbiamo notato circa 12 nidi di processionaria nella facciata posteriore delle conifere. Quando ci siamo resi conto che i bruchi erano usciti dal nido oramai era troppo tardi, abbiamo chiamato i Vigili urbani e ci hanno riferito che avrebbero effettuato una segnalazione alla ASL e al Commissario; qualche giorno dopo sono intervenuti i giardinieri e hanno asportato un ultimo nido ancora chiuso; da loro abbiamo appreso che gli alberi per ora non riceveranno una potatura intensiva a causa di mancanza di fondi. Ci è stato riferito che la tassa sull’immondizia che paghiamo copre solo la pulizia dei cassonetti. Questa viletta non è stata ricordata quando venivano adottate dalle varie associazioni le aree verdi: viviamo una quotidiana situazione di degrado urbano”.

processionaria_002

GLI EFFETTI. Nell’uomo: la larva ha peli urticanti estremamente facili a staccarsi e ad essere trasportati dal vento che si attaccano facilmente a pelle e mucose, provocando una reazione urticante. Ripetuti contatti con la processionaria provocano attacchi allergici sempre più violenti che peggiorano ad ogni nuovo contatto e che possono causare shock anafilattico. Pericoloso il contatto con gli occhi, perché la penetrazione di un pelo può anche se in casi rari, provocare la cecità. Il contatto con la pelle, l’inalazione o l’ingestione causano gravi disturbi. Negli animali: estremamente pericolosa e spesso letale per molti animali. I cani riportano spesso lesioni irreversibili, che costringono alla loro soppressione. Se ad entrare in contatto con la processionaria sono bocca e lingua del cane, l’esito è spesso fatale. Le mucose si gonfiano in pochi minuti soffocando l’animale. Se il contatto avviene con la lingua si avvia un processo di distruzione cellulare con conseguente necrosi e perdita di parti dell’organo a seguito delle quali l’animale, se sopravvive al contatto con l’insetto, muore per l’impossibilità di bere e mangiare.

Commenti  

 
#3 merril 2011-05-26 15:43
la processionaria ,è vero che danneggia le piante, ma non provoca reazioni in tutti indistintamente, ad esempio mio marito diventa una castagna bruciata a me non fanno una piega , preoccupiamoci di cose molto più gravi che ci sono in paese, i bruchi? basta starci attenti!!!!!
 
 
#2 Carl Clauberg 2011-04-12 23:16
Almeno la fanno qualcosa di buono questi bruchi..Peccato che ora la villetta sarà resa un deserto dalle motoseghe degli inetti giardinieri del comune di casamassima e tutto per la voglia irrefrenabile di voler denunciare a tutti i costi qualcosa di naturale, qualcosa che madre natura ha concepito di esistere, come il leone, lo squalo e la tigre..Il nostro umano egoismo ci porta a sopraffare le specie che riteniamo inferiori solo perchè minacciano la nostra esistenza. Fate attenzione e non rompete il c**** coi cani e con le allergie; state più
attenti
 
 
#1 lafinedelmondo 2011-04-12 10:45
oddio. è arrivata la fine. ecco cosa prevedevano i maya per il 2012. cecità da processionaria e soffocamenti per tutti. aiuto....
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI