Domenica 16 Dicembre 2018
   
Text Size

AMMINISTRATIVE, È TEMPO DI MINACCE!

bavaglio

Lo abbiamo comunicato nell'edizione cartacea e lo ribadiamo anche in rete: crediamo molto nella libertà d'espressione e quale diritto intendiamo esercitarlo, per cui pubblichiamo anche qui quanto pubblicato sul settimanale.

Screditarci calunniando la professionalità dei redattori che compiono uno sforzo importante per la comunità è tattica assai meschina

Non è un bel vedere, e nemmeno un bel sentire per le vie cittadine: tremano le segreterie dei partiti, il terremoto politico non si arresta, e i volti dei soliti noti sono visibilmente scuri; qualcosa sfugge alle logiche partitiche e alle quadrature forzate delle alleanze. A pochi giorni dalla consegna ufficiale delle liste c’è aria di marcio e stantio, come quando scoprendo un altarino funereo il tanfo di morte impregna inesorabilmente l’aria.

Casamassima si appresta a scrivere una delle pagine meno felici della sua storia, non bastano delinquenza, spaccio e consumo di sostanze stupefacenti, degrado ambientale e sociale, suicidi per depressioni, abbandoni e casi umani, minori a rischio, vandalismo urbano e sciacallaggio architettonico. Ci volevano anche i ricatti politici. Quelli, in realtà, che hanno caratterizzato silenziosamente e sommessamente questo spaccato di mondo meridionale; un mondo a sud dell’intelligenza e dell’onestà intellettuale, un mercato di voti clientelari coi quali per decenni i casamassimesi hanno convissuto e ai quali, evidentemente, non si sono mai ribellati.

Che si arrivi a minacciare persone per bene perché “non si occupino” di politica locale ci pare troppo. I cittadini assistono, nemmeno imbarazzati, da decenni a questo modus operandi e poco – nel concreto – hanno fatto per rompere la tradizione, becera, degli affari partitici (e personalistici). Pare assai semplice scagliarsi contro “il nazionale” perché sui giornali non si parla d’altro, ma guai a metter penna in quelli locali: siamo stanchi di assistere inermi a un sistema corrotto e corruttibile. Minacciare una testata giornalistica equivale a mettere il bavaglio a un’informazione libera e non ci meravigliamo, a questo punto, che sia scattato lo stesso meccanismo ritorsivo nei confronti di candidati “puliti”.

Questa è mafia. E ci fa sorridere immaginare i soliti volti della vita politica casamassimese sfilare alle manifestazioni di piazza in memoria di magistrati e giornalisti d’onore: ci spieghiamo, ora, come mai siano sempre i soliti a presentarsi alle tornate elettorali. Dove sono i cittadini stanchi di questo sistema? Restano a casa perché minacciati? Oppure ricattati? Potranno i volti nuovi della politica riuscire a comunicare che ci sono, che esistono, e che forse c’è una speranza?

Commenti  

 
#19 PINO 2011-05-01 17:07
IO CHE VIVO NEGLI USA, LEGGENDO CIO' CHE ACCADE NEL MIO PAESE E' UNA COSA SCHIFOSA. I POLITICI PENSANO SOLO AI LORO INTERESSI. IL PROBLEMA DELLA DROGA A CASAMASSIMA E' INIZIATO QUANDO SONO VENUTI AD ABITARE I BARESI. HO LETTO LA MORTE DI SANTE PER DEPRESSIONE. IO CONOSCEVO BENE SANTE. A CASAMASSIMA NON C'E' NESSUNO CHE TI AIUTA, OGNUNO PENSA PER I FATTI PROPRI.
I CANDIDATI SINDACI NON FARANNO NIENTE PER IL PAESE. ADESSO TUTTI SI RICORANO DELLE PERSONE, MA DOPO IL VOTO NON GUARDANO IN FACCIA A NESSUNO.
SEGNALA ALL'AMMINISTRAZIONE.
 
 
#18 forleo 2011-04-12 23:33
Apprendo, con un pò di ritardo, la notizia delle minacce ricevute dalla redazione e ne sono colpita profondamente. Anche se non ho capito bene a chi fossero indirizzate, non posso esimermi dal dare la mia piena solidarietà alla redazione di Casamassimaweb. Tempo addietro, grazie alla disponibilità di questo giornale, ebbi modo di esprimere il mio parere sul clima che si sarebbe creato in questa campagna elettorale. Il peggio, probabilmente, deve ancora arrivare e il mio auspicio è che i cittadini di Casamassima escano, una volta per tutte, dalle logiche clientelari che imprigionano la loro libertà di esprimere il voto secondo il loro credo politico e la personale conoscenza della moralità dei candidati. In un momento delicato come questo, l'unica risposta utile alla soluzione dei problemi di questo paese, che non sono solo tangibili come le strade dissestate,è nelle mani di tutti noi. Mi auguro, davvero, che i casamassimesi, dopo attenta e seria riflessione, imbocchino la strada rivoluzionaria della riappropriazione della propria coscienza e di quella collettiva. A Marilena Rodi, persona stimabilissima ed ottima professionista, va tutta la mia comprensione e tutta la mia solidarietà. Oltre, naturalmente, al mio affetto e all'invito ad andare avanti con il coraggio che la contraddistingue come donna e come giornalista.
 
 
#17 micah 2011-04-12 15:47
ANTONIO SANTORSOLA for president :-)
 
 
#16 antonio santorsola 2011-04-12 13:28
La base fondamentale di una giusta scelta è la conoscenza, a questo fine è importante far tesoro sempre e comunque di tutti gli strumenti che offrono la possibilità di confronto fra i cittadini. I giornali locali, web e non, danno questa possibilità. Quindi incoraggio nuovamente la redazione ad andare avanti.
Non è un caso, ad esempio, che la città di Conversano sia "avanti" rispetto a quelle limitrofi. E' naturale che un giornale o un giornalista possa essere schierato, ognuno di noi ha delle idee, ma non posso dire che casamassimaWeb abbia mostrato alcuna preferenza. Gli articoli pubblicati mi sono sembrati sempre sobri ed imparziali. Questo sito web è diventato scomodo soprattutto perchè permette ai Casamassimesi di esprimersi tanto da farci scoprire che il malcontento è generale. E' vero, molti di noi casamassimesi nascondono la testa sotto la sabbia, ma un sito o un giornale (come lo era Minima) può far soffiare quel giusto vento capace di spostare la sabbia che ci ricopre.
 
 
#15 Osservatore 2011-04-12 10:48
Volevo già scriverlo da qualche giorno: è inutile fantasticare sulla parentela tra padre e figlia! Pensate alle cose serie, pensate che grazie a questa testata riusciamo ad avere tante notizie, non sponsorizzate da associazioni o partiti politici. Lo sapete che c'è gente che dedica il suo tempo a realizzare gli articoli e pubblicarli? Se togliamo queta fonte di informazione, me ne indichereste un'altra che fornisce notizie aggiornate e con costanza? Grazie a tutta la redazione.
 
 
#14 giorgio 2011-04-12 08:46
quanto denunciate in questo articolo e' di una gravita' inaudita ma proprio per questo sarebbe bene che foste piu' chiari..... chi ha subito le minacce? casamassimaweb? autonomia cittadina? cosa vi fa pensare che le minacce abbiano una matrice politica e non siano opera che so di un malavitoso o di un mitomane? immagino che abbiate sporto denuncia ai carabinieri... cosa vi hanno detto?
 
 
#13 Meno Divertito 2011-04-12 08:45
Le minacce anch'io non ho capito chi le ha ricevute e a chi le hanno rivolte, se alla Lista Rodi o alla redazione o entrambe. Se ci sono state vanno denunciate agli organi competenti e non a mezzo stampa, altrimenti, potrebbero sembrare labili. La denuncia c'è stata? Se non c'è denuncia per me la notizia non esiste, la notizia sarebbe perchè non è stata fatta denuncia?
 
 
#12 stancooo 2011-04-12 08:31
Io sono solidale con la redazione e siceramente il lavoro che effettua Casamassimaweb è lodevole di apprezzamento. Io ricordo, che quando circolava la voce della candidatura come Sindaco del sig. Rodi, subito molte persone attaccarono la sig.ra Marilena Rodi con le solite accuse ingiustificate che oramai sono all'ordine del giorno.
Quello che vedo in quest'ultimo periodo è una cosa veramente scandalosa, perchè basta leggere i commenti sugli articoli delle ultime vicende casamassimesi e si capisce che come al solito e come in altre occasioni il Casamassimese e bravo solo a parlare ma non agisce mai. Tutti, giudicano, accusano, commentano, ma nessuno fa nulla. Dai posto che ho letto ho visto che parecchi sanno di avvenimenti illeciti che vengono perpetrati nel nostro paese, aqueste persone dico invece di parlare perche non denunciano alle autorità competenti?
Purtroppo con le parole si costruiscono i castelli. Tutti dicono che in queste elezioni sono presenti sempre le stesse persone, guidati sempre dai soliti manovratori occulti, ma a nessuno è passato in mente di formre una lista civica con facce nuove e persone per bene. Qua se tutti quelli che al posto di sparlare e scrivere, facessoro fatti concreti, credo che casamassima non sarebbe l'ultimo paese dell'interland barese, ma il primo. Non posso che fare i miei umili complimenti a tutta la redazione, per il bel lavoro che compie ogni giorno.
 
 
#11 Marilena Rodi 2011-04-12 08:21
@Antonio: il mio articolo è uscito sul settimanale di sabato (quindi ha una datazione diversa rispetto ai manifesti che si leggono in giro). L'articolo ha ispirato e concretizzato qualcosa che stava accadendo anche alle liste civiche e hanno deciso di renderlo manifesto, appunto.
Siamo arrivati alla condizione di minacciare uno per l'altra e viceversa, e forse pure altri. Mi spiego?

Per quanto mi riguarda per indagini e inchieste, gli altri evidentemente per altro.

La credibilità è una cosa seria e mi pare che sia sotto gli occhi di tutti quanto stiamo cercando di fare per questa comunità (come testata giornalistica).
Abbiamo giovani che stanno facendo il percorso per prendere il patentino, volenterosi che hanno rinunciato a velleità lucrative (visto che non siamo ancora in grado di retribuire i nostri collaboratori) e di credere in una passione. Quanti giovani conoscete così?
Evidentemente sono motivati, e cosa possiamo insegnare loro se alle prime calunnie ci tiriamo indietro?

La redazione tutta ha scelto di essere leale verso i lettori.
 
 
#10 antonio santorsola 2011-04-12 07:08
Ok, non dubito della veridicità delle minacce, è il caso di sottolineare pero' che quello che leggiamo qui e quello che leggiamo sui muri sono in pratica lo stesso messaggio. Quindi andrebbe fatto un chiarimento, chi è stato minacciato? Probabilmente è stata minacciata la redazione per colpire Vito Rodi (che non conosco), ma è giusto specificarlo. Un consiglio, fate una denuncia formale e sia Vito Rodi che la redazione del giornale riacquisterebbero credibilità. E' l'unico modo per dissipare i dubbi di contiguità fra la redazione e la candidatura di Vito Rodi.
 
 
#9 gianni 2011-04-11 22:38
ciao marilena noi ci conosciamo da tempo,IO ti conosco e so che persona sei:Indomabile sincera e leale ,principalmente in quello che scrivi e che vuoi comunicare.Non perdere di vista l'obbiettivo, e sappi che chi come me crede in questo paese e nei casamassimesi non si arrendera' mai hai ricatti e si IMPEGNERA' per far si che tutto possa finalmente riprendere la strada ormai persa:CASAMASSIMA
 
 
#8 Peppino 2011-04-11 22:11
E solo l'inizio e già ci sono le solite minacce, figuriamoci se a vincere poi saranno persone che hanno buoni e nuovi propositi diventerebbero agnellini in pasto hai lupi. Purtroppo la realtà e che la politica è malata del solito e incurabile cancro mafioso atto a curare gli interessi di alcuni e non dei cittadini.Anche se si hanno buoni pretesti e si crea una squadra di gente onesta e volenterosa di fare buone cose,prima o poi devi sottostare alle minacce di gente lucrosa che sa usare solo l'arroganza,l'ignoranza e la spavalderia. Sono solidale con la redazione che secondo me esprime il pensiero di tutti ma mette in mostra sopratutto la voce di chi e stufo del solito e schifoso copione dei soliti zimbelli che scendono in politica solo per farsi le "le garze piene" a discapito dei fessi ma onesti cittadini che vogliono le cose giuste; se poi abbiamo un tenera e assente giustizia be allora il comune degli onesti cittadini sarà sempre solo una FAVOLA.
Non è una resa ma è difficile che le cose cambiano, certo dobbiamo votare e credere in quelle persone nuove che si prospettano con progetti e gruppi di persone nuove e pulite; non doppiamo sprecare il nostro voto alle stesse e solite facce della politica del nostro paese.

purtroppo quello che succede in politica ed in italia alcune volte mi fa vivere come se fossi all'interno di una barzelletta, dove l'illecito diventa lecito,l'ingiusto diventa giusto e la giustizia premia i disonesti e ridicolizza gli onesti........BHO!!!!? c capisch e brav
 
 
#7 Marilena Rodi 2011-04-11 20:15
Grazie a quanti hanno espresso solidarietà, anche in altri dove.

Casamassima non è un palcoscenico, ma terra di indagini e di inchieste. E noi lo stiamo facendo.. non servono le lettere per far arrivare i messaggi, nel 2011.
 
 
#6 Piripicchio 2011-04-11 19:38
Io ritengo che sia solo un modo per mettersi in mostra e farsi pubblicità gratuita!! Lettere minatorie ecc sono cose che andavano di moda sino a qualche anno fa, probabilmente ci sarà stato qualche rientro in politica!!!
 
 
#5 francesco 2011-04-11 19:31
io mi sento di dare massima solidarieta' alla redazione perche' il servizio che offrono e' ottimo e sembra anche par-condicio...
 
 
#4 Marilena Rodi 2011-04-11 14:54
Cara Tonia, grazie per questa nota.

In tempi non sospetti, oltre 3 mesi fa, ho rimesso il mio mandato di caporedattore di questa redazione; essendo composta (a quel tempo) da 2 elementi (+1 solo sport) il risultato è stato che l’edizione cartacea è naufragata (non è uscito per un mese) e la versione online ha molto rallentato. Il coordinamento era passato al direttore che sovrintende tutto il network (cioè 16 redazioni in 16 paesi in provincia di Bari) e che non vive a Casamassima. Non ho ripreso il ruolo di caporedattore, ma mi limito solo a fare da coordinatore delle notizie che arrivano, quelle da sviluppare su segnalazioni e a svolgere le indagini sul territorio, cercando di restare aderente alla linea editoriale di tutto il network; la redazione di Turi, per esempio, qualche tempo fa provocò un’interrogazione parlamentare (chiediti come mai). Stile editoriale è quello di essere imparziali e ascoltare (e dare spazio) a tutti, e così stiamo agendo. La redazione casamassimese risponde alla centrale, dove anche (per esempio) viene impaginato e stampato il settimanale.
Confondere “fischi per fiaschi”, a Casamassima, è quotidiano, visto che non c’è una cultura di informazione. E proprio per questo le minacce sono state dirette a questa redazione nella mia persona, similitudini sono avvertibili in quello che hai letto per strada. Solo perché si tende a confondere i ruoli, cosa che la nostra testata non ha intenzione di accettare perché in nessuna occasione abbiamo favorito l’uno piuttosto che l’altro.

Per quanto attiene i nomi: io sono rientrata a Casamassima da poco e lavorando per il giornale ho scoperto cose che ora denuncio; i casamassimesi dov’erano?

ps. Questo articolo era sul settimanale di sabato.
 
 
#3 tonia cipriano 2011-04-11 14:19
questo articolo l'ho appena letto in giro per strada. Penso però ( ad onor del vero) che sia stata omessa un ultima parte, cioè il mittete cioè il candidato sindaco Vito Rodi, penso sia il padre di Marilena Rodi? sbaglio?. ora io non ho l'onore di conoscere il Sig. Vito Rodi, ma forse sarebbe stato meglio scrivere tutto quello che c'era scritto sul manifesto.......credo............ora posso fare due domande? veramente con il dubbio di una cittadina pulita. La prima: se ci sono state queste minacce, rivolte a chi? perchè ora non si capisce, se rivolte a casamassima.web oppure a vito rodi..seconda domanda: sul manifesto ci si chiedeva: perchè ci sono sempre i soliti noti? ma il sig. Vito Rodi a quanto ho letto è da 20 anni che è ( in politica) sbaglio?????......spero che qualcuno mi illumini...........a proposito per debellare la (MAFIA) SI FANNO NOMI E COGNOMI!!!!!!!!!!!!
 
 
#2 Fritz 2011-04-11 13:22
Facendo un semplice ragionamento, è chiaro che per essere stata minacciata, la redazione deve aver pubblicato qualcosa di scomodo: politicamente o meno, come articolo o come commento di qualcuno. Sebbene sarebbe immediato associare alla politica, queste minacce, io credo che dietro, come al solito, ci sia la solita regia, ovvero, gli uffici tecnici...
 
 
#1 una 2011-04-11 12:59
Come mai non ci sono commenti sotto questo articolo? forse solo perchè è stato pubblicato da circa un'ora ...o perchè l'umiltà regna sovrana, nel nostro paese fatto di gente gretta e tonta? o solo "cecata"??? "non vedo, non sento, non parlo".....minchia!
Chiunque abbia messo piede in "quel di comunopoli"....sa benissimo che da noi ci sono infiltrazioni, che di politico hanno ben poco...per cui, continuiamo a chinarci a 90° e a farci "sfruttare" dai forti poteri...tanto il sangue, lo abbiamo dato gia' tutto ormai.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI