Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

LE BUCHE CITTADINE ARRIVANO IN CAMPAGNA

buche_04

Se si prende la provinciale 75 Acquaviva-Casamassima dopo circa 3.5 km ci si imbatte in una strada sulla sinistra, comunemente denominata Tarantina, appunto perché anticamente collegava Bari e Taranto.

Pur non essendo la via principale per recarsi ad Acquaviva è comunque molto frequentata e non solo dagli agricoltori che hanno i campi nella zona: porta infatti alla masseria Mofetta, al casello autostradale di Acquaviva e inoltre è preferita da molti camion che lavorano nel centro di betonaggio poco distante, che in questo modo pobuche_01ssono scorazzare fra Casamassima, Acquaviva e Sammichele senza dover entrare nei paesi.

La strada in questione è in parte nel territorio di Casamassima e in parte nel territorio di Acquaviva, e stando ai cartelli che si incontrano, fa parte di un percorso ciclo-turistico tra i comuni di Acquaviva delle Fonti e Cassano Murge, ed  effettivamente nella zona di competenza acquavivese è normalmente transitabile, ci sono tracce di interventi di riparazione.

Le difficoltà sorgono entrando nella Tarantina da Casamassima: dopo circa 600 metri ci si imbatte in un centinaio di metri che, a voler essere gentili, si possono definire disconnessi.

L’acqua nelle buche non ci ha permesso di renderci conto della loro profondità ma se ne può avere un’idea se si considera che l’ultima pioggia risaliva a tre giorni prima delle foto mentre poco più giù il manto stradale risultava asciutto.

Si notano bene invece le crepe e i segni sull’asfalto che presto porteranno alla formazione di nuove buche o all’allargamento di quelle esistenti.

Conosciamo bene la situazione in cui versano le strade cittadine e lo stato dei lavori di riparazione, che guarda caso, avrebbero avuto inizio alla vigilia della caduta dell’amministrazione: e dunque perché dovrebbe stupirci  trovare in queste condizioni anche le strade di campagna?

buche_02Abbiamo da poco sentito parlare di proposte per rivalutare il territorio e per attirare turismo (i vari PIST, GAL e Bottega del Futuro) ma come possiamo sponsorizzare un territorio che si presenta in tali condizioni?

Ma forse un motivo c’è. Infondo la Tarantina non è una strada principale e vogliamo augurarci che finora chi di dovere non si sia ancora accorto del dissesto.

Oppure, abitudine tipicamente italiana, dovremo aspettare che qualcuno si faccia seriamente male. Allora, forse si correrà ai ripari.

Commenti  

 
#8 Vito Cassano 2011-01-15 11:13
Carissimo dello staff redazione, giusto per rispondere alla simpatica ma maliziosetta stoccatina, vi dico che sarebbe bastato un solo tocco perché il subcommissario vi aprisse la porta, fuor di metafora, ho l’impressione che mi stiate confondendo con qualcun altro. Il senso della mia nota era il sottolineare che se ci fosse stato un sindaco, forse sareste stati ricevuti più facilmente. Tutto qua. Vi confesso che fin dall’inizio sono stato tentato di chiedervi di inserirmi nella vostra squadra, ma i miei 63 anni mi hanno consigliato di soprassedere. La mia filosofia di vita è: vi è un tempo per ogni cosa. Preferisco utilizzare questo utilissimo strumento per dire il mio pensiero, con la speranza che sia apprezzato al pari di ogni altro, sempre che superi gli indispensabili criteri di selezione dei post che informano il vostro amministratore. Cordiali saluti
 
 
#7 staff redazione 2011-01-14 17:04
Giusto per la cronaca: siamo tornati per l'ennesima volta a bussare alla porta del commissario e abbiamo aggiunto quella del subcommissario Vito Cassano, ma entrambi non erano "disponibili". E siamo alla 5° o 6° settimana consecutiva.
 
 
#6 Vito Cassano 2011-01-14 16:43
Ora che abbiamo contabilizzato le buche nostre e quelle altrui, vogliamo chiedere al commissario straordinario di provvedere con i suoi straordinari poteri visto che con gli ordinari poteri la giunta caduta non è riuscita a sistemare il manto stradale? Magari ricevendo “La voce del Paese” e informandolo di cosa intende fare?
 
 
#5 Kant 2011-01-14 12:24
caro "ilcasamassimese" anche se quelle buche sn nel territorio di acquaviva, non cambia il discorso! ci sono, alcune sono anche pericolose e pertanto vanno aggiustate!!!!
 
 
#4 Kant 2011-01-13 22:05
Invece mi complimento x il finale... è tipico dell'italia, prendere seriamente un fatto solo dopo che è successo qualcosa di grave!!!!
 
 
#3 ilcasamassimese 2011-01-13 21:15
La bica nella foto ritengo si trovi in territorio di Acquaviva delle Fonti!!! Diamo a Cesae quel che è di Cesare!! Se l'amministrazione di centro sinistra non è stata in grado di sistemare le strade interne del nostro paese ......... figuriamoci se sistemava quelle dell'interland!!! Qualche componente dell'amministrazione è proprietario di terreni?? Possiamo dare un'occhiata alle strade che portano da quelle parti!!!!!
 
 
#2 Giulio 2011-01-13 20:42
io lo invertirei in : le buche di campagna arrivano in città
 
 
#1 Atreiu 2011-01-13 10:17
Complimenti per il titolo
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI