Mercoledì 19 Giugno 2019
   
Text Size

Nitti: “Nessun ostruzionismo ma esigeremo la realizzazione dei ponti ciclopedonali”

Il sindaco di Casamassima, Giuseppe Nitti

“Da quando sono sindaco è il primo attacco frontale e a orologeria che subisco. Un attacco che mi stupisce per tempistica e contenuti”. A parlare, replicando alle accuse in merito alla lottizzazione del cosiddetto ampliamento Auchan è il primo cittadino, Giuseppe Nitti.

“Andiamo con ordine – chiarisce il sindaco Nitti – e tralasciamo una serie di inesattezze raccontate, poiché faremmo soltanto gossip. Come più volte detto, io e la mia maggioranza abbiamo la mano tesa verso l’imprenditoria poiché crediamo che lo sviluppo commerciale ed edilizio portino ricadute positive sul nostro territorio. Ho ereditato una situazione incredibile: ben diciassette lottizzazioni bloccate per l’assenza dell’ufficio Vas, e proprio nelle scorse settimane ho dato il via libera alla costituzione di detto ufficio, al fine di dare un’accelerata alle lottizzazioni. Circa la richiesta di variante di lottizzazione proposta dalla Sud Commerci srl – gruppo Degennaro – mi dolgo di aver letto una ricostruzione soltanto parziale dei fatti.

Infatti, la richiesta di variante di lottizzazione è stata proposta per la prima volta nel 2013, quando ancora non facevo politica. Nel corso dei primi mesi del mio mandato si sono tenuti più incontri a Palazzo di Città tra il rappresentante della Sud Commerci, il sindaco, l’assessore ai lavori pubblici e il responsabile dell’ufficio tecnico, allo scopo di verificare la fattibilità tecnica del progetto. In nessun caso ho espresso contrarietà aprioristica al completamento della lottizzazione. Sono stato sempre fermamente convinto del fatto che i legittimi interessi riconosciuti e tutelati dalla legge vadano garantiti.

Quello che non è emerso, almeno finora, è che il funzionario dell’ufficio tecnico aveva elaborato una proposta di delibera da sottoporre all’attenzione della giunta comunale. Pochi giorni dopo, però, il funzionario ha trasmesso al sindaco e a tutti i consiglieri comunali una nota con cui ritirava la proposta di delibera per la necessità di procedere a ulteriori verifiche. Perché – precisa ancora il primo cittadino Nitti – questo? Perché proprio in quei giorni, a diversi soggetti sono stati notificati avvisi di garanzia ex art. 415 bis c.p.p. per il reato di abuso d’ufficio poiché, tra le altre cose, non è stata data completa attuazione alle opere previste dalla convenzione che disciplina la maglia dip2, ovvero quella maglia di cui si chiede il completamento attraverso la variante di lottizzazione proposta dal gruppo Degennaro.

In particolare, sotto la lente d’ingrandimento della Procura è finita la mancata realizzazione di opere importanti e strategiche per la nostra comunità, tra cui il percorso ciclopedonale di collegamento tra il centro commerciale e il centro del paese e la realizzazione dell’impianto di illuminazione dei ponti esistenti. Si tratta di opere dovute al Comune di Casamassima e mai realizzate, fondamentali per la sicurezza dei cittadini. Non vi è alcuna volontà ostruzionistica da parte del sindaco e della maggioranza di governo. Affronteremo con serietà questa questione, nello stesso modo in cui esigerò la realizzazione delle opere dovute”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.