Martedì 19 Febbraio 2019
   
Text Size

Allarme sicurezza, il Sindaco scrive al Prefetto

furto

Commercianti e cittadini non si sentono sicuri in casa e per strada

Nitti chiede la convocazione di un tavolo tecnico a Prefetto e Forze dell'Ordine


Casamassima ha bisogno di maggiore tranquillità. A lanciare il grido d'allarme – rispetto a un argomento sul quale più volte abbiamo ricevuto sollecitazioni negli ultimi mesi – questa volta sono commercianti e comuni cittadini che vivono e lavorano sul nostro territorio.

Negli ultimi mesi, infatti – nonostante la presenza e l'impegno costante e assiduo sul territorio di Carabinieri, Polizia locale e forze dell'ordine – scippi, rapine, furti e tentativi di scasso in locali e abitazioni private si sono moltiplicati. Senza contare le 'attenzioni' rivolte da malintenzionati ad automobili e garage.

Una situazione difficile, dunque, sebbene non diversa da quella di altre realtà a noi vicine. Casamassima – sia chiaro - non è certo un luogo inaccessibile, nè ha problemi che appartengono prevalentemente a quartieri di periferia da grande metropoli, ma è pur vero che – a detta di molti - è un posto che ha delle criticità, soprattutto di notte.

Le forze dell'ordine, dal canto loro, fronteggiano la situazione con prontezza, attenzione e senso del dovere. Ma devono, loro malgrado, fare i conti con i mezzi e il personale che hanno a disposizione, a fronte di una cittadina che ormai ha raggiunto i 20.000 abitanti.

"Sono la proprietaria di Caffè Sospeso – questo il testo di un messaggio che ci è arrivato lunedì scorso, 14 gennaio - l’altra notte abbiamo subito nuovamente un tentativo di furto, sventato, fortunatamente, da noi stessi. La situazione, che sta colpendo più attività commerciali e moltissimi paesi limitrofi al momento è deleterea. C'è bisogno che si faccia qualcosa per intensificare i controlli notturni, e c'è bisogno che qualcuno dia voce a quello che stiamo subendo".

"Non è possibile – racconta invece Vito Colucci, anche lui titolare di un'attività commerciale qui a Casamassima – che spaccate, furti e scassi siano diventati eventi all'ordine del giorno. La situazione è preoccupante, soprattutto di notte, tant'è vero che la nostra città al calar della sera sembra davvero terra di nessuno. C'è bisogno di fare qualcosa, perché di questo passo non si può di certo andare avanti".
Timori condivisi anche da altri esercenti e da comuni cittadini, che lamentano lo stato di insicurezza in cui – a loro dire – versa Casamassima.

Una posizione, quella di esercenti e residenti, che non ha lasciato indifferente il sindaco, Giuseppe Nitti, che ha fatto sapere di essersi già mosso per cercare di dare delle risposte al problema.

"Anche io – ha detto il primo cittadino – vivo da sempre a Casamassima e conosco il territorio e i suoi problemi. Ormai da tempo in città, nonostante l'impegno e la presenza costante delle forze di pubblica sicurezza, che ringrazio per il loro prezioso lavoro, scippi, rapine, furti e attività criminali sono quasi all'ordine del giorno. Con la conseguenza che viene leso il diritto dei cittadini di essere e di sentirsi sicuri nelle loro case e per le strade. Per questo motivo, raccogliendo le loro numerose sollecitazioni, ho scritto al prefetto di Bari, Marilisa Magno, al comandante di Compagnia dei Carabinieri di Gioia del Colle, Ennio Maglie, al comandante della locale stazione dei Carabinieri, Filippo Falcone, e al comandante della Polizia locale, Ivano Eramo, chiedendo la convocazione di un tavolo tecnico in cui discutere del problema sicurezza qui a Casamassima. Il tutto, al fine di valutare insieme le possibili soluzioni".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI