Martedì 26 Marzo 2019
   
Text Size

Tina Maurelli, pioniera controcorrente

Tina Maurelli con la figlia

A gennaio apre una Gastro-birreria

C’è chi ancora la chiama la signora del Melior, chi la signora del negozio di borse sotto i portici, per molti è semplicemente Tina, l’amichevole titolare della pelletteria Corium in via Noicattaro.

Tina Maurelli è una imprenditrice di Triggiano che da vent’anni investe su Casamassima credendo nelle potenzialità del territorio, nei rapporti instaurati nel tempo, nell’importanza di operare più che di parlare. Tina la potremmo definire una pioniera controcorrente, una donna che captando le esigenze del paese che la ospita, ha deciso di soddisfarle facendo la differenza nel suo piccolo.

“Ho aperto il Melior nel 2000, 18 anni fa, ho ritenuto Casamassima una buona piazza dopo l’apertura del centro commerciale e così ho subito puntato via Noicattaro, una strada che ancora non lascio, ma sulla quale ho ulteriormente puntato nel 2010 con la pelletteria e oggi rilancio aprendo agli inizi del prossimo anno una gastro-birreria, un locale innovativo che manca a Casamassima e nelle immediate vicinanze”.

Il Melior è stato il primo caffè casamassimese, il primo bar in cui donne e giovani avevano piacere di fermarsi ai tavolini a dire due chiacchiere in un’atmosfera quasi cittadina. “A Triggiano già c’erano un paio di bar di questo tipo, ma soprattutto avevo l’idea dei locali baresi. La risposta fu immediata, tanto che nel 2003 fui quasi obbligata ad allargarmi con la sala più grande e con lo spazio all’esterno. Indubbiamente è stata una novità e con soddisfazione sottolineo che molti degli attuali giovani titolari di bar casamassimesi sono miei ex dipendenti.”

Tina ha innescato una certa evoluzione del modo di vivere il paese e di trascorrere il tempo libero che oggi è entrato nel mood di tutti, giovani e meno giovani. Così nel febbraio 2010 vende il Melior e già nel mese di maggio apre, sempre su via Noicattaro, una elegante pelletteria con capi rivolti sia alle signore che alle giovani fashionist nostrane, con marche che mancavano completamente in paese.

“La bellissima struttura residenziale di via Noicattaro, angolo via Pasolini era appena stata completata, con quei portici bianchi e spaziosi che già mi immaginavo pronti per il passeggio, per lo shopping e per il tempo libero. Sono stata la primissima ad aprire. Era una tipologia di struttura nuova a Casamassima, che ancora oggi ha un appeal particolare e che si anima sempre di più grazie all’offerta gastronomica. Per questo, non appena ho avuto la possibilità, ho spostato al civico 5 la pelletteria, e al numero 7/A stiamo terminando i lavori per questo nuovo locale. Continuo a crederci nel paese e ad un certo punto ho desiderato tornare ai miei inizi sentendo l’esigenza di aprire un nuovo locale per i giovani, ma in cui famiglie e bambini non si sentano esclusi.”

La Gastro-birreria sarà sicuramente un’alternativa nuova per le serate casamassimesi, Tina promette di far trovare ai cultori dell’oro biondo un’attenta selezione di birrifici, alcuni anche pugliesi, e personale pronto a guidare alla scelta della birra giusta per ogni palato, accompagnata da un buon hamburger, sandwich o stuzzicheria pugliese di ottima qualità. Ogni proposta gastronomica è finalizzata a mettere in risalto la centralità della birra e della Puglia. Cena e piacere assicurati, seduti ai tavolini accuratamente sistemati nella saletta interna: un luogo fresco e familiare pronto ad ospitare 50 persone.

“Mi sento molto integrata a Casamassima, conosco tantissima gente, se cammino per Triggiano invece non mi ferma nessuno. Benché Casamassima possa avere delle problematiche, come tutti i paesi del resto, non mi sento di infierire, ma anzi di mettere del mio per migliorare. Se ci si crede in una realtà e si hanno le possibilità, è possibile fare da traino e trasformare mentalità e abitudini. Occorrono pazienza e coraggio. Non serve lamentarsi e non serve parlare.”

Tina ha sempre sostenuto anche la nostra redazione e moltissimi eventi organizzati da tante associazioni del territorio “Negli ultimi tre anni ho eliminato la pubblicità sui muri privilegiando esclusivamente le iniziative locali perché si creano rapporti di rispetto e amicizia. Ogni euro speso in sponsorizzazione mi è ritornato e ho acquisito nuovi clienti. Non ho parenti qui, non ho amici storici, ma una serie infinita di conoscenti e anche qualche nuova amicizia nata nel tempo. Non riesco a non interessarmi della comunità che mi ospita da ormai quasi vent’anni. Casamassima mi ha dato tante soddisfazioni”.

LUNA PASTORE

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI