Mercoledì 19 Dicembre 2018
   
Text Size

CASAMASSIMA ADOTTA DUE ASINELLI

asinelli1

Due quadrupedi in prima linea. Ma sgombriamo subito il campo da possibili fraintendimenti: Mirko e Sissi, due asinelli, non hanno gare da vincere né palii da far sollevare. E questo perché il loro terreno d’azione non è il selciato di una piazza o il percorso di un ippodromo: le loro sfide sono quelle del “sociale”.

I due animali, infatti, sono i protagonisti di “A passeggio con gli asinelli Mirko e Sissi”, un’iniziativa sostenuta dai Servizi socio-culturali del Comune di Casamassima e dall’associazione di volontariato “Comunione è vita”, che nei mesi di giugno e luglio ha fatto sì che numerosi bambini tra i 4 e i 12 anni e tanti adulti partecipassero ad attività ludico-ricreative svoltesi in campagna presso la masseria “La Ghianda”. Di questo gruppo, che talvolta ha raggiunto la presenza di 50 ospiti, hanno fatto parte anche ragazzi diversabili. Tutti insieme hanno avuto la possibilità di stare all’aperto, di spazzolare e pettinare gli animali, di farli camminare nel recinto appositamente realizzato con gratuità dai proprietari della masseria, di portarli a passeggio con la lunghina e di cavalcarli.

A passeggio con gli asinelli Mirko e Sissi – osserva a tal proposito la presidente di “Comunione è vita”, Rosanna Selvaggi – è una iniziativa aperta a tutti, piccoli e grandi ma soprattutto a ragazzi diversabili, che consente loro di avere un contatto diretto con gli animali riuscendo anche a montare in sella ai cavalli e a passeggiare con gli asinelli nei tratturi di campagna scoprendo profumi, storie e percorsi di una inedita campagna casamassimese”.asinelli2

Con Mirko e Sissi vi erano anche altre 5 asinelle e 2 cavalli messi gratuitamente a disposizione dei proprietari della masseria. A guidare il gruppo, Carmine, un giovane 25enne ipovedente con esperienza e socio dell’associazione. Con grande dedizione, spirito di iniziativa e capacità relazionale ha fatto gli onori di casa (è nipote dei titolari della struttura in cui si sono svolte le attività).

Poi Rosanna Selvaggi fa anche un’altra precisazione, “Mirko – dice – è stato acquistato con i finanziamenti comunali (tremila euro, ndr) ed affidato all’associazione per avviare l’iniziativa, mediante un protocollo di intesa”.

Questa nuova formula di cooperazione tra Servizi socio-culturali, associazione e privati rappresenta uno step importante nel percorso di crescita della comunità casamassimese, offrendo una possibilità di sviluppo futuro per le diverse attività che possono essere messe in campo grazie all’avvio di proposte operative per i ragazzi diversabili e normodotati. Un’opportunità per costruire con loro l’integrazione, la realizzazione e la crescita personale sul territorio.

Commenti  

 
#1 sofia senior 2010-08-04 20:24
Bravi una entusiasmante iniziativa da esportare, ne parlerò a Mantova dove vivo e lavoro: a Turi (famosa per le mule) vego in vacanza quando si può.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI