Mercoledì 18 Luglio 2018
   
Text Size

Il Centro polifunzionale territoriale è realtà

Inaugurazione Casa della Salute Casamassima

Inaugurata la struttura intitolata al compianto Antonio Busto

"Non ho vissuto invano se nel bene donato ho ispirato entusiasmo, se in ogni sorriso condiviso ho suscitato felicità, se tendendo la mano ho arginato le vostre difficoltà. Non ho vissuto invano se, nell'infinito amore verso il prossimo, ho realizzato, insieme a voi, un progetto di vita per il bene Comune. In memoria di Antonio Busto".

Casa della Salute targa Busto

E' il significativo messaggio riportato sulla targa, collocata al primo piano dell'ex ospedale Miulli, dove adesso sorge il Centro polifunzionale territoriale, che è stato scoperto mercoledì scorso, 4 luglio, in occasione dell'inaugurazione della struttura. Il centro polifunzionale territoriale, progetto per il quale Antonio Busto si è impegnato con tutte le sue forze, adesso è finalmente realtà.

A prendere parte alla cerimonia di inaugurazione tantissimi concittadini e numerose autorità: il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, il direttore generale dell'Asl Bari, Vito Montanaro, il responsabile del Comitato per la Casa della Salute, Franco Busto, il sindaco di Casamassima, Giuseppe Nitti, il parroco don Carlo Lattarulo, il comandante della locale stazione dei Carabinieri, Filippo Falcone, il referente del centro polifunzionale territoriale e dell'ordine dei medici per il comune di Casamassima, Antonio Infantino, i medici di medicina generale che saranno impegnati nella struttura, i componenti dell'associazione Antonio Busto e gli ex sindaci Mimmo Birardi, in carica dal 2011 al 2014, e Vito Cessa, primo cittadino dal 2015 al luglio dello scorso anno.

Casa della Salute targa Busto

"Quando gli ospedali sono troppo piccoli – ha spiegato nell'occasione il presidente Emiliano – il loro rendimento non è soddisfacente. Bisogna pertanto costruire ospedali più grandi, ma siccome non si può lasciare il territorio senza presidi è necessario dar vita a strutture come il Cpt di Casamassima. L'iter per l'apertura di questa nuova realtà è stato lungo e impegnativo, ma oggi siamo soddisfatti del risultato ottenuto. Un risultato per l'ottenimento del quale il giovane casamassimese Antonio Busto aveva dedicato tante energie e tanto impegno".

"Nel Cpt – ha detto invece Antonio Infantino – lavorano 21 persone, tra medici (7), infermieri e personale. E' una struttura territoriale, un piccolo ospedale al quale manca soltanto la possibilità dei ricoveri. Qui gli assistiti vengono ricevuti, seguiti, valutati. Uno dei punti di forza è la contiguità di questa struttura con gli ambulatori che si occupano di cardiologia, pneumologia, endocrinologia, urologia, diabetologia,otorinolaringoiatria, radiologia".

"In Puglia – ha proseguito Emiliano – stiamo dando vita a tantissime strutture come il Cpt di Casamassima che servono a riconvertire gli ospedali che man mano vengono dismessi, offrendo gli stessi servizi degli ospedali, senza sovraccaricare questi ultimi. Gli ospedali, infatti, devono interessarsi delle malattie acute".

 

Emiliano: "Antonio Busto ha piantato dei semi che stanno dando frutti straordinari"

Emiliano inaugazione Cpt

"Ci sono dei luoghi – e la famiglia è uno di questi – in cui si impara a ragionare costruendo il bene comune. Conoscendo Franco (Busto, ndr) non faccio fatica a comprendere le motivazioni che hanno spinto Antonio Busto a dedicarsi al Centro polifunzionale territoriale". Parole pronunciate dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, nel momento in cui è stata scoperta la targa che intitola il Cpt di Casamassima ad Antonio Busto. "Non è facile dedicarsi agli altri senza condizioni – ha proseguito Emiliano – ma Antonio l'ha fatto, seminando dei semi che hanno dato, e continueranno a dare, frutti straordinari".

"Vito Cessa – ha poi aggiunto Emiliano – mi ha sollecitato, durante tutto il suo mandato da sindaco, affinché questo progetto diventasse realtà".

"Ringrazio il presidente Emiliano – ha detto in risposta l'ex sindaco, Vito Cessa. Oggi abbiamo compiuto il primo passo di un percorso, quello di questa struttura, che deve andare avanti. L'auspicio è che il Cpt adesso operi in stretta connessione con le altre realtà della Asl. Così com'è, infatti, rappresenta un punto di partenza, un risultato parziale, adesso speriamo che il processo possa andare avanti e completarsi".

 

Franco Busto: "Il Cpt è una dedica di Antonio alla sua città"

"Questo progetto – ha detto invece Franco Busto, coordinatore del Comitato cittadino per la Casa della Salute – è stato realizzato grazie alla Regione Puglia, al presidente Emiliano, al direttore dell'Asl Bari Vito Montanaro, a Leo Caroli, a tutti coloro che hanno dato il loro contributo. La struttura è una dedica di Antonio alla sua città: questo era il suo desiderio".

 

Il Sindaco Nitti: "Questo non è un punto di arrivo, ma di partenza"

Nitti inaugazione Cpt

"Con l'attivazione del Centro polifunzionale territoriale arriva a compimento un percorso partito da molto lontano, con l'amministrazione guidata da Vito De Tommaso nel 2006, e poi coltivato dalle successive amministrazioni. Solo una coincidenza temporale ha voluto che io sia sindaco in questo momento, ma da cittadino casamassimese non posso che manifestare la mia soddisfazione per il risultato raggiunto". Il primo cittadino Giuseppe Nitti ha commentato così l'apertura del Cpt inaugurato mercoledì scorso, 4 luglio.

"Un risultato sofferto – ha proseguito il sindaco - atteso, sperato e spesso rimandato, ma adesso centrato grazie al lavoro di collaborazione tra Comune, Asl, Regione, Comitato per la casa della salute. Questo a testimonianza del fatto che quando le istituzioni si uniscono gli obiettivi si raggiungono. Ma tutto ciò non può considerarsi un punto di arrivo. Anzi, deve rappresentare il punto di partenza, e lo sguardo deve essere volto a rinforzare questa struttura al fine di garantire un servizio ancor più ampio alla cittadinanza.

Medici inaugazione Cpt

Motivo di grande emozione è il fatto che la struttura sia stata intitolata ad Antonio Busto, un giovane casamassimese, un amico per me, che tanto si è speso per l'apertura del Cpt qui a Casamassima. Ricordare Antonio con una targa mi provoca un dolore immenso, ma sono sicuro che lui continua a guardarci, e che in questo momento è il più soddisfatto per quanto realizzato. Vorrei ringraziare il Comitato per la casa della salute presieduto da Franco Busto, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, il direttore generale dell' Asl Bari, Vito Montanaro, i medici e il personale che opererà all'interno del Cpt. Se la cittadinanza potrà d'ora in avanti usufruire di servizi medici organizzati ed efficienti il merito è soprattutto loro".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI