Mercoledì 19 Settembre 2018
   
Text Size

Salone del mobile di Milano: un pizzico di Casamassima...

Salone del Mobile (1)

Si è conclusa domenica la 57a edizione del Salone del Mobile di Milano, uno dei motori dell’economia italiana, con dei risultati davvero positivi sia in termini di affluenza che di qualità delle relazioni commerciali. I numeri confermano la forza attrattiva e la capacità di coinvolgimento e di emozione del design internazionale e del mondo dell’arredo: in sei giorni di fiera 434.509 presenze, provenienti da 188 paesi, con un incremento del 17% rispetto all’edizione 2016, che proponeva le medesime biennali dedicate alla cucina e al bagno, e del 26% rispetto a quella 2017. 1.841 sono stati gli espositori, di cui il 27% da 33 paesi, suddivisi tra Salone Internazionale del Mobile, Salone Internazionale del Complemento d’Arredo, EuroCucina e Salone Internazionale del Bagno, a cui si sommano i 650 designer under 35 del SaloneSatellite.

Salone del Mobile (2)Il presidente del Salone del Mobile, Claudio Luti, ha dichiarato di essere molto orgoglioso “del successo della manifestazione e della qualità degli operatori partecipanti che hanno confermato che il Salone del Mobile è il punto di riferimento di tutto il mondo. Un momento unico, in cui impresa e cultura diventano modello virtuoso di un’Italia che funziona, dove sistema industriale e istituzioni procedono a passo sincrono in nome di un fine comune”. 

Chi ha avuto modo di visitare la fiera ha potuto osservare e toccare il meglio in termini di creatività, prodotto, capacità di innovare e di raccontare attraverso allestimenti carichi di una grande potenza evocativa e la magia delle migliori scenografie teatrali.

Casamassima ha fatto la sua parte. L’allestimento e la comunicazione del Nartist project, ospitato nello stand di Doimo Salotti, azienda veneta storica nel panorama degli imbottiti di qualità, ruotava attorno ad un’opera dell’artista casamassimese Luisa Valenzano e immortalata in fotografia e video dal casamassimese Nico Fiermonte: un occhio dipinto di un bambino che apre le sue palpebre al mondo, che osserva con curiosità ed entusiasmo la creatività, il talento e le passioni.

Salone del Mobile (2)

Nartist® è una nuova realtà multicanale in cui arte, design e industria si incontrano. Il progetto e la sua innovativa e multifunzionale piattaforma web www.nartist.it sono state varate proprio in occasione del Salone del Mobile con lo scopo di presentare le opportunità culturali e commerciali del progetto nato per avvicinare l'arte alla quotidianità attraverso la condivisione di segni ed emozioni che si traducono in ‘Prodotti d’autore’ unici.
Questa progettualità rivoluzionaria è partita da un’intuizione di Gianfranco Nicastri, consulente aziendale di Gioia del Colle, appassionato d’arte, inventore e fondatore dell’intero Nartist project. Dopo aver registrato e brevettato l’invenzione, il progetto sta incontrando l’apprezzamento e la condivisione di alcuni partner industriali, come Doimo Salotti, partner nel settore arredo, e partner istituzionali come Inward e Accademia di Belle Arti di Bari.

Salone del Mobile (1)

Oggi, finalmente pronta a diffondere la sua creatività nel mondo, presenta una prima gamma di ‘Prodotti d’Autore’ fra cui una proposta di inserto artistico posizionato in una libreria che ha fatto sfoggio di sé riscuotendo grandissimi apprezzamenti durante la sei giorni milanese.

Nartist è un progetto innovativo che apre l'arte a imprese di eccellenza del made in Italy consentendo di personalizzare e rendere unici oggetti di arredo, design, luxury e capi di abbigliamento, con l’utilizzo di opere d’arte originali come inserti intercambiabili attraverso un sistema di applicazione amovibile di una tela o tessuto. Le cornici speciali, di dimensioni e materiali variabili, sono applicabili in infinite soluzioni su qualsiasi oggetto di design e arredo come ante e frontali di mobili, braccioli e scocche di divani e letti imbottiti, polsini di camicie e T-shirt, borse e così via. Le cornici ospitano dunque vere opere d’arte, acquistabili sul sito o da commissionare al proprio artista preferito, facilmente intercambiabili, rendendo così esclusivo e personalizzabile all’infinito il ‘Prodotto d’autore’.

In un mondo in cui l’arte è spesso considerata a esclusivo accesso di chi per motivi economici e di status sociale ne ha facoltà e possibilità, il progetto innovativo Nartist crea i canali, gli strumenti e le opportunità per avvicinare al mondo dell’arte un pubblico più ampio. Lo ha capito immediatamente Luisa Valenzano che ha accolto con entusiasmo l’invito risultando fra i primi artisti del progetto.

Le presenze e l’apprezzamento registrati confermano la forza dell’idea, come dell’intero settore dell’arredo, cruciale per la crescita del Paese, e sottolineano la necessità di mettere in campo politiche industriali organiche ed efficaci, irrinunciabili per un pilastro del made in Italy che da solo vale il 5% del PIL. L'auspicio è che il successo del Salone del Mobile dia ulteriore slancio alla crescita delle aziende italiane e che nelle prossime edizioni ci sia sempre più Casamassima, magari sostenuta dall’avviamento in loco della famigerata zona P.I.P.

Appuntamento alla prossima edizione a Milano dal 9 al 14 aprile 2019.

LUNA PASTORE

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI