Sabato 18 Novembre 2017
   
Text Size

La strage dei talloncini rossi

talloncini rossi

 

Nella giornata di sabato 10 giugno la cittadina, che sin ora si era mostrata più che virtuosa nella pratica del differenziare, ha collezionato - usiamo la metafora "scolastica" - parecchi brutti voti, che nel linguaggio del sistema di raccolta differenziata della COGEIR significa una serie di talloncini rossi. Una sorta di ammonizione per il rifiuto differenziato non correttamente che, almeno per questa volta, non ha comportato una sanzione ma solo il mancato ritiro dei rifiuti conferiti.

Effettivamente, sopratutto in Via Sammichele i casamassimesi hanno fatto una pessima figura. Era il giorno dell'indifferenziato e, aprendo le buste, sono stati trovati un sacco di rifiuti che dovevano essere destinati altrove, nel vetro, nell'organico ed anche nella plastica, ma di certo non nell'indifferenziato.

La Coegir, in risposta al post di Amo Casamassima che per primo ha fatto notare l'anomalia, ha fatto sapere con un comunicato ufficiale che: «Purtroppo siamo stati costretti a stringere le maglie... stava incominciando a passare il convincimento che nessuno controllava e quindi il sabato si poteva conferire di tutto. Noi monitoriamo costantemente le quantità d'indifferenziato conferito in discarica... e le quantità stavano aumentando in modo considerevole».

Casamassimesi avvisati... Ora diamoci da fare e ritorniamo ai livelli ottimali di differenziata che solo qualche mese fa ci avevano fatto onore e avevano provocato persino un po' di invidia da parte dei comuni limitrofi. È vero che in estate è lecito rilassarsi, ma nel caso specifico della raccolta differenziata, mai abbassare la guardia.


Foto Amo Casamassima

Commenti  

 
#5 rocco 2017-07-25 13:06
portiamoli un po davanti al comune e un po davanti al comando dei vigili eeeee.
 
 
#4 francesco 2017-07-23 11:10
Sono proprietario di un terreno agricolo sito a fianco del ponte di Via Conversano e vorrei segnare a voi della redazione la discarica a cielo aperto situata in quella strada senza uscita. Si trova di tutto ogni giorno macerie di risulta, rifiuti di pezzi di ricambio di auto sicuramente scaricati da operatori abusivi come radiatori, paraurti di auto ecc. anche cartoni con tanto di indirizzo di destinatario! Divani frigoriferi e tanta altra robaccia che ora non ricordo. Il comune cosa fa dice che controlla e multa i trasgressori? L'isola ecologica a quando? Triggiano, Capurso, Adelfia li hanno già quando a CASAMASSIMA chiedo al nostro sindaco!!
 
 
#3 adolfo 2017-07-23 10:52
Sono d'accordo! Ho da gettar via metallo come rubinetteria usata ecc, apparecchiature elettroniche come stampanti video e pc. Dove dove li getto? Sono stanco di tenerli accatastati a casa!!!
 
 
#2 gazzosa 2017-07-20 13:47
al manicomio, prsso ex ospedale miulli di casamassima
 
 
#1 lupomb inca**ato 2017-06-20 06:08
A volte non è solo colpa dei cittadini che non differenziano bene ma di chi li mette in quelle condizioni.Cosa voglio dire? Voglio addossare la responsabilità anche a chi non ha aperto il Centro di Raccolta e, pertanto i cittadini, a volte, non sanno come differenziare alcuni rifiuti che poi finiscono nell'indifferenziato. Il Centro di Raccolta doveva essere aperto prima di iniziare la raccolta differenziata e non dopo. A proposito, quando e dove sarà aperto questo "benedetto" Centro di Raccolta?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI