Domenica 19 Novembre 2017
   
Text Size

Campane degli indumenti sempre strapiene

IMG-20170523-WA0006

 

L'Amministrazione comunale nell'ultimo periodo - c'è da ammetterlo - si sta davvero impegnando per debellare il fenomeno dell'abbandono dei rifiuti con telecamere, salate sanzioni e sacrosanta inflessibilità. Ma ancora non basta, ancora non è sufficiente. L'ultimo indecoroso spettacolo in ordine di tempo è quello delle campane degli abiti usati, stracolme da settimane. A segnalarci la situazione Vito Mazzei, consigliere comunale e coordinatore politico del Movimento Rivoltiamo Casamassima - Autonomia cittadina.

Mazzei ci mostra delle foto e sfoga ai nostri microfoni la sua indignazione. Senza risparmiare sul sarcasmo, il consigliere afferma: «Un'altra medaglia per il sindaco Cessa... Le campane degli indumenti sempre strapiene, puntualmente diventano discariche pubbliche incoraggiando gli  incivili a depositare anche altri rifiuti... Ancora una volta la gestione della raccolta risulta insufficiente e condiziona negativamente l'immagine del nostro paese. Ma chi controlla? Altro che medaglie e premi, altro che l'immagine virtuosa del paesello immaginario del nostro caro sindaco. E intanto... Io pago... E quanto pago! Ecco le foto di Largo Fiera, in particolare del piazzale antistante la scuola elementare Marconi, una zona sensibile per il bell'esempio che diamo ai giovani scolari...».

I bidoni per la raccolta di abiti usati sono in effetti quelli meno controllati, ma questo non significa che il conferimento non avvenga correttamente. Piuttosto viene quasi spontanea fare una riflessione: il "sovraffollamento" di abiti usati e buttati è indice della lentezza degli operatori a svuotare le campane o nasconde altro, qualcosa che ha piuttosto a che fare con la nostra società eccessivamente consumistica? Riflettendoci, in un contesto dove i poveri sono sempre più poveri e i ricchi sempre più ricchi, da una parte di popolazione che si veste con gli scarti altrui, dall'altro c'è chi considera davvero "usa e getta" i propri indumenti. Se ci pensiamo un po'ovunque "la donazione dei vestiti" è raddoppiata. Ma qual è  il confine tra solidarietà e cittadini viziati?

Al di là delle nostre personali considerazioni, è importante che anche per i cassonetti deputati alla raccolta degli indumenti ci sia lo stesso zelo che gli operatori ecologici impiegano per tenere pulita la cittadina.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI