Mercoledì 22 Novembre 2017
   
Text Size

Gli ultimi successi dell’A.C. Photographers

mostra foto 1

“E chi sei, Renato?”, così da decenni si etichetta da noi chi scatta delle belle fotografie immortalando ad arte emozioni e momenti che resteranno indelebili, come chi li ha bloccati in un’immagine. Il riferimento è chiaro per chiunque ascolti quella frase, tutti a Casamassima conoscevano e ancora ricordano Renato Altobelli, il fotografo.

 

 

Su di lui scriveremo una biografia accurata perché la sua storia, che si intreccia a doppio filo con quella di Casamassima, merita di essere rammentata e raccontata anche ai nuovi che non lo hanno conosciuto, ma intanto l’A.C. Photographers la scorsa settimana ha dedicato al loro socio onorario una bella sezione dell’ultima mostra allestita a Palazzo Accadia, “Retrospettiva d’autore”. L’esposizione, che ci auguriamo sarà ampliata e replicata nei prossimi mesi, è una mostra ricordo che affianca a tredici scatti di Altobelli, le foto di altri quattro fotografi storici dell’associazione, ancora viventi: Nino Lattanzi, Saverio Macchia, Mario De Matteo e Aldo Fracasso.

 

"Renato Altobelli è stato nostro affezionato socio onorario negli ultimi suoi anni di vita, doveroso dedicargli una mostra in memoria del suo lavoro e della sua bellissima personalità" – ci racconta il presidente Mario De Matteo. In quel periodo ci regalò un po' del suo materiale che abbiamo stampato ed esposto. Avrei una grande curiosità di recuperare il suo immenso archivio, il nipote Renato mi parlava all’inaugurazione di intere casse di negativi, sarebbe bello metterci mano ed esporre quel materiale che racconta di mille manifestazioni ed eventi del nostro paese. Io lo ricordo come una persona straordinariamente umile, disponibile a immortalare qualsiasi momento, un forestiero amato da tutto il paese".

 

In mostra anche Saverio Macchia, socio da oltre 20 anni, di cui vengono proposte due belle foto del Carnevale di Venezia e due scatti di una Casamassima antica con un bellissimo “dialogo” fra generazioni assai distanti fra loro. Di Aldo Fracasso, operatore Rai e socio ventennale, sono esposte delle foto fatte con diapositiva che conferisce una profondità incredibile capace di rendere ogni minimo particolare, molto più del digitale. Del presidente Mario De Matteo sono allestite quattro foto che ritraggono coppie, di amici, coniugi, conoscenti o parenti, e tre scattate in un viaggio di una decina di anni fa offertogli dalla Canon in uno dei luoghi più poveri del mondo, tutte in bianco e nero, su pellicola, e stampate direttamente da lui. Infine le foto più moderne sono dell’ottantenne insegnante di musica per bambini Nino Lattanzi, si tratta di macrofotografie con diapositive, particolari di fiori e piante evanescenti che invitano al sogno.

 

La mostra appare come un bellissimo dialogo fra stili e modi diversi vedere arte e realtà.

 

In questi giorni l’associazione sta riproponendo a Gravina la mostra itinerante “aMare Murgia” che lo scorso anno a Noci riscosse un grande successo tanto da essere replicata a Spinazzola, Trani, Molfetta, Giovinazzo e Bitonto e che viene ora allestita nuovamente a Gravina fino al 7 maggio, dal 19 al 23 maggio a Conversano e dal 7 al 17 giugno a Bisceglie.

“Si tratta di un racconto a più voci dei paesi di mare e quelli dell’entroterra per catturare la ricchezza dei colori e delle forme che rendono bellissima la Murgia. L’intento della manifestazione è quella di rievocare quel legame emozionale fra uomini e paesaggi che solo questo scrigno di terra è in grado di conservare. Quest’anno abbiamo pensato di aggiungere alla mostra alcune poesie inneggianti la Puglia di due scrittrici casamassimesi, Lucrezia Sansolino e Maria Giovanna Nitti. Immagini reali e mentali si uniscono e confrontano”.

 

L’A.C. Photographers è un’associazione culturale molto attiva sul territorio, non mancherà di riservare anche a Casamassima alcune perle fotografiche per l’estate in attesa dell’annuale workshop e concorso settembrino, che quest’anno verterà sulla vendemmia e il mosto per unire cultura, tradizioni e arte.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI