Domenica 19 Novembre 2017
   
Text Size

Mamma e papà, vaccinate i vostri figli!

Da sinistra il dott. Infantino, la dott.ssa Ferri, il Sindaco Cessa, il dott. Tafuri e Gianluca Zaccheo

 

“I vaccini sono assolutamente necessari”: con queste parole il sindaco Vito Cessa ha introdotto l’incontro-dibattito che si è svolto ieri, giovedì 6 aprile, dal titolo “Vaiolo, poliomielite, meningite, morbillo… perché i vaccini proteggono dalle malattie”. L’evento, organizzato dal Comune di Casamassima e dall’Ordine dei Medici della Provincia di Bari, si è svolto nella palestra della Scuola elementare “G. Marconi”, moderato dall’addetto stampa del nostro Comune Gianluca Zaccheo, e ha avuto come obiettivo quello di fare chiarezza sull’utilizzo dei vaccini e sull’opportunità della loro somministrazione, tant’è che il dibattito in questione rientra in una serie di incontri di prevenzione sanitaria che il Comune e l’Ordine dei Medici intendono organizzare insieme sul territorio locale.

 

Cessa: “Il problema è l’informazione”

La sala poco gremita

Il moderatore ha passato in primis la parola al primo cittadino Vito Cessa: “Il problema principale della sanità è l’informazione. Ci sono tanti mezzi che permettono di veicolare informazioni, ma spesso non sono corrette. La scienza non è ambigua, è fondata su ricerche, su dati certi, su statistiche, non è soggettiva. Una persona non si può alzare la mattina e invertire la scienza se non ha prove. L’argomento di oggi, quello delle vaccinazioni, è un tema che mi sta molto a cuore. Sono contento di vedere dei colleghi presenti in questa sede, ma vedo anche che c’è poca cittadinanza. Cercheremo un modo di diffondere le informazioni che verranno dette questa sera attraverso i vari canali di informazione. Bisogna dare l’informazione corretta ai cittadini e non a caso oggi, dietro questa scrivania, ci sono solo medici”.

 

Infantino: “I vaccini sono la più grande scoperta”

La parola è poi passata al dottor Antonio Infantino, fiduciario dell’Ordine dei Medici della Provincia di Bari per il Comune di Casamassima. “Oggi il mio ruolo è quello di mettere il ‘bollino’ a questo incontro insieme a quello del Comune perché in questa sede rappresentiamo le istituzioni. Io rappresento l’Ordine dei medici che già nel 2016 aveva pubblicato un documento chiarificatore sia nei confronti dei medici sia nei confronti dei politici e dei cittadini sui vaccini. A tale proposito vorrei porvi un quesito: Secondo voi qual è la principale scoperta della scienza? Sicuramente i vaccini. Molti di voi diranno gli antibiotici. Sì, lo sono, ma loro curano un soggetto già malato; i vaccini, invece, curano un soggetto sano”.

 

L’inchiesta di Piazza Pulita - La7

Prima del dibattito è stata proposta al pubblico presente la visione di un filmato, dalla durata di 50 minuti, che riprende un servizio, proposto dalla trasmissione di La7 “Piazza Pulita”, dal titolo “Vaccini: operazione verità”, in cui si sono confrontati medici sia favorevoli che contrari all’inoculazione dei vaccini, oltre che alternate le testimonianze di genitori pro e contro le vaccinazioni. Da tutto ciò sono scaturite le successive spiegazioni tecniche.

Innanzitutto quelle della dottoressa Nica Ferri che, in qualità di pediatra di famiglia, attraverso l’uso di alcune slide, ha raccontato di come i vaccini abbiamo salvato la vita a un gran numero di persone nel corso degli anni e di come, in alcuni casi passati esteri e italiani, la cattiva informazione ha fatto registrare un crollo delle vaccinazioni per malattie come la pertosse e il morbillo, con il conseguente aumento del numero di decessi. La stessa dottoressa ha dato il suo parere affermando che consiglia a tutti i genitori di vaccinare i propri figli, sottolineando che lo dicono soprattutto le più grandi istituzioni mediche mondiali.

 

Cosa fare se i genitori non vogliono vaccinare i propri figli?

Ha preso infine la parola il dottor Silvio Tafuri, docente di Igiene Generale e Applicata alla Scuola di Medicina dell’Università degli Studi di Bari “A. Moro”, che, rispondendo alla domanda del moderatore “Cosa fa se i genitori non vogliono vaccinare i propri figli?”, ha dichiarato che: “Pur non avendo un ambulatorio aperto al pubblico per vaccinazioni pediatriche, occupandoci di altro, sono capitati alcuni casi e siamo sempre riusciti a convincere i genitori a fare i vaccini, prendendoci le nostre responsabilità”. Il dottor Tafuri ha poi proseguito il suo intervento sfatando quei miti in cui molto spesso ‘casca’ la cittadinanza come quando si sente dire “le malettie infettive non sono più un pericolo”, “i vaccini servono alle aziende per far soldi”, “i vaccini non sono controllati” o “su internet si legge…”.

 

La storia di un allevatore casamassimese.

Prima della chiusura e dei saluti del moderatore, dal pubblico è giunta la testimonianza di un medico veterinario che ha raccontato la storia di un allevatore che ha il suo allevamento a pochi chilometri da Casamassima. A causa di ristrettezze economiche (per gli animali il costo dei vaccini è a carico dell’allevatore) non ha voluto somministrare vaccini. Nei mesi seguenti, dopo aver acquistato purtroppo una vacca infetta, gli altri animali presenti in stalla sono stati infettati anch’essi e molti di loro sono morti, mentre altri sono stati destinati al macello solo perché non erano stati vaccinati.

Poco prima dell’inizio dell’incontro, invece, abbiamo voluto rivolgere alcune domande alla dottoressa Ferri.


ANCHE A CASAMASSIMA SI ‘DISERTA’ DAI VACCINI

La dott.ssa Nica Ferri invita i genitori a diffidare dal ‘dottor Google’

 

Poco prima dell’inizio dell’incontro sull’importanza della vaccinazione, abbiamo voluto rivolgere alcune domande alla dottoressa Nica Ferri, presidente del Consiglio comunale di Casamassima.

 

Dottoressa, qual è la situazione dei vaccini su Casamassima? Ci sono molti genitori restii a far vaccinare i propri figli?

“A Casamassima abbiamo un’alta percentuale di bambini vaccinati, grazie all’instancabile lavoro dei medici e alla loro profonda convinzione, supportata da studi numerosi e qualificati e della validità della pratica vaccinale. Ci sono comunque alcuni genitori contrari alle vaccinazioni, ma con loro, tutti noi medici abbiamo un dialogo e un confronto continuo e costruttivo, finalizzato alla diffusione di informazioni corrette. E sosteniamo anche una comunicazione in grado di contenere e confortare le ansie genitoriali”. 

In qualità di pediatra qual è il consiglio che dà alla cittadinanza?

“Il suggerimento per tutti i genitori è quello di relazionarsi e confrontarsi con i propri medici di fiducia, aprendosi al dialogo, senza pregiudizi, anche perché si tratta di una scelta fondamentale per la salute dei figli. ‘Dottor’ Google, Internet e riviste pseudoscientifiche non sono interlocutori all’altezza di una scelta di salute così importante”. 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI