Mercoledì 12 Dicembre 2018
   
Text Size

INFORMAZIONE SANITARIA: IL REFLUSSO GASTRO-ESOFAGEO

gerd

In questo appuntamento con la salute, incontriamo la dottoressa Alba Panarese, dirigente medico presso l’Unità operativa di Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva dell’IRCCS “De Bellis” di Castellana Grotte (Ba), affrontando un argomento di notevole importanza, parliamo della malattia da reflusso gastro-esofageo.

Dottoressa cos’è la malattia da reflusso gastro-esofageo?

È una patologia dovuta alla risalita di acido o materiale alcalino, dalla cavità gastrica al lume esofageo fino anche al faringe e talora, impegno delle prime vie aeree.

Quale incidenza ha la malattia da reflusso?

Gli studi epidemiologici affermano che il 25% della popolazione italiana soffre di questa patologia.

Che danni può provocare il reflusso?

Può provocare nella forma erosiva, erosioni acute o croniche che con il tempo possono comportare complicanze come la stenosi peptica. In alcuni soggetti, il reflusso è causa del cosiddetto Esofago di barrett, che si diagnostica endoscopicamente e si conferma con l’istologia. Il reflusso comunque può essere causa di manifestazioni extra-esofagee come faringite, laringite ed otite e talora manifestazioni come l’asma bronchiale.

reflussoPer diagnosticarlo bisogna sempre effettuare una gastroscopia?

Si, effettuare una gastroscopia è importante in soggetti reflussori, perché aiuta a capire se ci sono condizioni predisponenti al reflusso e cosa comporta il reflusso in singoli casi. È importante effettuare anche una ph-impedenziometria.

Cos’è la ph-impedenziometria?

Attraverso un sondino posizionato in esofago e introdotto dalle cavità nasali, ci permette di rilevare la presenza di reflussi acidi, alcalini e gassosi nell’arco delle 24 ore.

Bisogna seguire dei consigli o norme precise per curare il reflusso?

È importante eliminare abitudini poco salutari come il fumo e il consumo di alcolici. Ridurre la componente grassa, non fare mai pasti abbondanti, limitarsi nella assunzione di caffè, thè e cioccolata. È importante eliminare le spezie alimentari. Un altro consiglio importante è quello di non coricarsi subito dopo i pasti (aspettare la digestione)e se necessario sollevare la testata del letto di circa 15 cm durante il riposo notturno.

Dottoressa si cura con farmaci il reflusso?

La malattia da reflusso richiede l’uso dei farmaci che riducono la secrezione acido-gastrica. Questi farmaci però vanno associati a procinetici e antireflussori.

Il reflusso aumenta in caso di stress?

Potrebbe aumentare a causa della minore motilità procinetica.

Una donna in gravidanza è soggetta a reflusso?

Si, per la modificazione della secrezione gastrica, per la variazione della motilità gastro-intestinale e per l’aumento del volume addominale.

Dottoressa i bambini possono presentare malattia da reflusso?

Si, i bambini possono presentare la malattia da reflusso, che può manifestarsi con sintomi extra intestinali come otite, faringite e laringite.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI