Mercoledì 22 Novembre 2017
   
Text Size

"Armando Giove è una persona squisita"

Mariella Forleo


Mariella Forleo commenta l'arresto del fondatore di Realtà Italia


Casamassima è rimasta a bocca aperta quando ha appreso la notizia: un suo concittadino, politico appartenete a quella sinistra che predica valori di onestà e legalità, è stato arrestato. Per Armando Giove, classe 1969 e residente a Barialto, si aprono le porte del carcere. L'accusa è pesantissima: sarebbe responsabile, assieme agli altri 21 arrestati, di aver preso parte ad un’associazione armata di tipo mafioso, scambio elettorale politico-mafioso e coercizione elettorale in concorso.

Eppure, come detto, nessuno se lo sarebbe mai aspettato. Un profilo politico immacolato, almeno fino all'inizio delle indagini, a novembre dell'anno scorso: laureato presso l'Università Aldo Moro di Bari e importante manager, Giove comincia presto ad interessarsi di politica a livello locale, frequentando gli ambienti della sinistra. Partecipò al tavolo di trattativa della sinistra durante la campagna elettorale della primavera del 2015 come Realtà Italia, movimento da lui fondato. Spiazzò tutti con la sua scelta di nominare come segretaria cittadina Mariella Forleo, all'epoca in guerra con il PD locale per essere stata maltrattata nel corso del suo incarico durante l'Amministrazione De Tommaso.

Ed è proprio a Mariella Forleo che abbiamo voluto chiedere un commento sulla brutta vicenda che ha visto tra i protagonisti proprio Armando Giove.

Armando Giove

«Tra me e Armando c'è un rapporto di amicizia. Per quanto mi riguarda Armando Giove era una persona squisita e si è comportato benissimo con me: non appena nominata segretaria mi ha sempre dato carta bianca, non ha mai interferito, anche perché ci vedevamo poco dal momento che lui si è dedicato alle regionali ed io alle amministrative» – è l'esordio di Mariella Forleo, che prosegue invitando alla prudenza nel dare giudizi lapidari. «Io non ci vedo nulla di tutto quello che si sta dicendo. In questi casi aspetto sempre che la giustizia faccia il suo corso, che ci siano le sentenze: troppo facile montare casi e tirare conclusioni prima. Armando è una persona per bene, corretta nei limiti del nostro rapporto, che comunque era un rapporto di amicizia».

Le accuse non possono essere tuttavia del tutto campate in aria. La segretaria di Realtà cittadina ipotizza che Giove abbia forse peccato di superficialità, trovandosi coinvolto in qualcosa "più grande di lui": «Io penso - facciamoci un attimo un esame di coscienza - che quando si sta in campagna elettorale a livelli regionali si cerca sempre di recuperare voti. Io non entro nel merito della questione perché Armando può anche aver peccato di leggerezza, ma questi metodi di lavoro definiti mafiosi mi sembrano fuori dal suo modo di comportarsi. C'è stata forse qualche intercettazione che riguardava le votazioni e si è montato il caso. Così la vedo io, noi non conosciamo le carte né quello che hanno in mano gli inquirenti. Non possiamo far altro che esprimere il rammarico per quello che è accaduto a una persona che sinceramente per me è una persona per bene. Da parte mia voglio esprimere anche la mia solidarietà alla moglie e alla famiglia che sta vivendo una situazione difficile senza avere nessun tipo di responsabilità. Aspettiamo di sapere ciò che deciderà la giustizia».

Mariella Forleo dunque non immagina il suo amico capace di tanto. A stabilire la verità, tuttavia, ci penseranno i giudici ed il processo che ne seguirà. Per quanto ci riguarda, non chiederemmo di meglio che svegliarci pensando che è stato solo un incubo e che un casamassimese non sia sceso a livelli così infimi, partecipando ad un'alleanza con il clan pugliese più pericoloso, che ha riempito di droga la provincia di Bari, schiavizzato e costretto alla prostituzione centinaia di donne, trafficato con clandestini ed immigrati.

Commenti  

 
#1 fausto 2017-01-26 09:52
armando giove non centra nulla con questa gente non e un mafioso . si e solo fidato di persone sbagliate ...e il sistama italiano e questi giudici che condannano troppo facilmente le persone .....a volte senza prove concrete ...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI