Venerdì 17 Novembre 2017
   
Text Size

Inaugurato il Centro Aperto Polivalente

Inaugurazione Polivalente Casamassima (3)


Sindaco, assessori e responsabili restituiscono alla cittadinanza l’immobile


Sabato 26 novembre 2016 rimarrà una data importante per moltissimi nostri concittadini. Finalmente, dopo anni di chiusura, è stato restituito al paese il Centro Aperto Polivalente di via Pacinotti, ridando così alla comunità un nuovo spazio dove svolgere le proprie attività ricreative e culturali e aprendo nuove strutture per anziani, minori e disabili.

Il tutto è avvenuto nel primo pomeriggio quando, in una sala del piano terra gremita di gente entusiasta, sono intervenuti il sindaco Vito Cessa, l’assessore al welfare Antonietta Spinelli, la responsabile ai Servizi socio-culturali del comune Teresa Massaro, la presidente della cooperativa “Itaca” Pasqua De Marco, il legale rappresentante del Centro meridionale riabilitativo di Bernalda Giuseppe Cosmai e infine l’onorevole del Partito democratico Dario Ginefra.

Prima di iniziare la conferenza, in un clima festoso, è stato rispettato il rituale del taglio del nastro da parte del sindaco, dell’assessore e della responsabile dei servizi socio-culturali del comune. Dopodiché ha preso la parola il primo cittadino: «Sono onoratissimo di restituire alla città il centro per anziani e di aver inaugurato anche i nuovi centri per minori e disabili. Un grazie all’assessore Antonietta Spinelli, alla responsabile dei Servizi socio-culturali del Comune Teresa Massaro, ai dipendenti comunali, ai partecipanti al servizio civico e alle tante persone che hanno collaborato attivamente alla realizzazione di questo obiettivo. Un traguardo al raggiungimento del quale abbiamo lavorato sin dal nostro insediamento. Sentivamo la responsabilità di dover rispondere a una richiesta avanzataci dalla gente di Casamassima in età matura, ma anche il bisogno di offrire servizi per minori e diversamente abili. Ci siamo riusciti e di questo siamo molto felici».

Con una voce commossa ed emozionata ha proseguito con il suo intervento l’assessore Antonietta Spinelli: «L’apertura dei tre centri aperti polivalenti per anziani, minori e disabili rappresenta il raggiungimento di un importante obiettivo politico e amministrativo. Quando ci siamo insediati sono venuta in via Pacinotti e, dove adesso inauguriamo i tre centri, ho trovato un magazzino abbandonato con muri rovinati, calcinacci e polvere. Ora abbiamo tre realtà al servizio della cittadinanza e ringrazio tutti coloro che hanno dato il proprio contributo perché si arrivasse a questa inaugurazione».

La parola è poi è passata ai tre responsabili dei tre centri presenti nella struttura che, oltre ai ringraziamenti di ufficio, hanno illustrato i programmi e le attività che si svolgeranno in questi locali rimessi a nuovo. La struttura si compone di tre livelli: al piano terra c’è lo spazio dove si svolgeranno le attività dedicate agli anziani, presentate dalla responsabile comunale Teresa Massaro; al primo piano i minori gestiti dalle cooperative “Itaca” e “Sogno di Don Bosco” rappresentate da Pasqua De Marco; infine, al secondo piano, il centro per disabili gestito dal Centro meridionale riabilitativo di Bernalda, di cui ha parlato il legale Giuseppe Cosmai.

A concludere questa conferenza l’intervento dell’onorevole del Partito Democratico Dario Ginefra: «Sono a Casamassima per l’inaugurazione di questa struttura, con lo spirito di chi tiene a battesimo una nuova creatura, per la quale darò il mio contributo, nei limiti delle mie competenze, e per la quale non posso che congratularmi col sindaco e l’assessore qui presenti».

Dopo le parole del deputato, i presenti hanno visitato la struttura, osservando da vicino i vari lavori svolti. Abbiamo raccolto la testimonianza della signora Vitina Valenzano, ex dipendente comunale in pensione, a cui è stato consegnato dalle mani dell’assessore Spinelli un attestato di merito per il lavoro svolto per gli anziani casamassimesi. «Frequento il centro da tantissimi anni - ha commentato Valenzano – e mi occupo del settore artistico. Siamo contenti per questa restituzione, c’è stata la volontà di tutti, anche perché l’anziano è una risorsa del paese e dovrebbe trovare la giusta collocazione nel contesto della comunità. Il nostro grazie va al responsabile del centro, all’assessore e in primis al sindaco Cessa per il lavoro che hanno svolto per la riapertura di questo centro».

Un ultimo momento è stato quello del buffet, allestito nella sala, e l’apertura della torta, un modo per iniziare al meglio questo nuovo ciclo di attività all’interno di questa struttura, pronta a ritornare al servizio dei cittadini casamassimesi.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI