Venerdì 17 Novembre 2017
   
Text Size

Linfa di vita a Casamassima

progetto Linfa


Un servizio gratuito offerto ad anziani e persone sole


“Linfa di vita: le piccole azioni dell’innovazione sociale” è il titolo del progetto innovativo che ha preso il via il 7 novembre scorso a Casamassima.
È un programma, voluto e finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito dei “Cantieri di cittadinanza”, che ha dato l’occasione a vari territori di proporre iniziative che rendessero i soggetti disoccupati parte attiva del loro cambiamento, con un intervento in rete fra Ente pubblico e soggetti privati operanti nel ramo dell’inclusione sociale.

Su proposta della cooperativa sociale “Nuove Prospettive”, in partenariato con l’associazione di volontariato “Il Vicinato”, il Comune di Casamassima ha dato avvio a questo progetto in linea con gli interventi in materia di lotta alla povertà, inclusione ed equità sociale, non solo in direzione del miglioramento delle condizioni economiche dei nuclei familiari inclusi, ma soprattutto con riguardo all’incremento dell’autostima dei soggetti medesimi, nel tempo capaci di potersi collocare autonomamente nel mercato del lavoro, valorizzando le proprie potenzialità.

Abbiamo chiesto alcuni dettagli ad Angela Di Donna, presidente dell’associazione "Il Vicinato".

progetto Linfa volontari

Di cosa si tratta?
“Dopo un corso di formazione di 25 ore 11 soggetti disoccupati, individuati con regolare domanda di ammissione presentata ai CAF, si sono trasformati in volenterosi operatori pronti a prestare alcuni necessari servizi alla cittadinanza. Saranno operativi tutti i giorni dalle ore 8 alle ore 13 e potranno essere contattati sia di persona che utilizzando il loro recapito telefonico, svolgeranno il proprio lavoro nelle postazioni individuate presso alcune aree verdi della nostra cittadina come lo spazio verde di via Tagliamento (cell.3711340906), lo spazio verde di via don Mazzone (cell.3288749578), lo spazio verde dell’area 167 di via Bari (cell.3289372243) e la piazzetta Matteotti antistante la scuola primaria Marconi (cell.340321755). Potranno beneficiare dei servizi offerti gratuitamente anziani, persone sole, ragazzi-adulti diversamente abili”.

Cosa faranno concretamente gli operatori?
“Azioni di vicinanza e di supporto alla cittadinanza, come piccoli lavori domestici, giardinaggio, spesa, ritiro ricette mediche e acquisto farmaci, commissioni, pratiche d’ufficio e accompagnamento delle persone sole al di fuori della propria residenza per trascorrere ore di tempo libero, soprattutto nelle aree verdi mantenute nell’ambito del medesimo progetto”.

E noi cosa possiamo fare?
“Sta a noi cittadini diffondere questa possibilità a chi conosciamo e cogliere questa occasione, valorizzandola, richiedendo uno dei servizi che gli operatori offrono e suggerendo eventuali correttivi per rendere tale servizio più adeguato alle esigenze di tutti”.

Qual è l’obiettivo finale del progetto?
“Un’occupazione adeguatamente retribuita è una delle più valide misure terapeutiche e riabilitative per favorire un autentico inserimento sociale e, garantendo pari accesso al lavoro per tutti, produce ricchezza per l’intera comunità”.

Si dice che ‘il lavoro nobiliti l’uomo’, ben vengano allora queste iniziative atte a garantire un’occupazione a chi non la ha, nobilitando loro e chi ne beneficia.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI