Giovedì 23 Novembre 2017
   
Text Size

Testimoni di Geova in Russia: ultimatum rinviato ad ottobre

Testimoni di Geova in Russia 2


Esprimono preoccupazione anche due testimoni russe attive a Casamassima


Ha rinviato l’udienza al 12 ottobre il Tribunale di Mosca che lo scorso 23 settembre doveva decidere sull’appello presentato dalla filiale dei Testimoni di Geova in Russia contro l’ultimatum del Procuratore Generale che richiedeva la proscrizione del loro culto. Infatti l’ufficio del Procuratore ha presentato le sue controdeduzioni, circa duecento pagine di documenti, soltanto tre giorni prima dell’udienza del 23 settembre, un tempo troppo breve perché i legali della Filiale dei testimoni russi potessero analizzare e istruire una adeguata linea di difesa. Il giudice del tribunale di Mosca ha preso atto di questa effettiva difficoltà e ha rinviato il tutto. Il nuovo ultimatum scadrà quindi mercoledì 12 ottobre.

Sebbene in Russia ci siano quasi 180.000 testimoni di Geova, il governo vorrebbe lo scioglimento di questo ente giuridico in tutta la Russia a meno che i testimoni cessino quelle che il governo definisce attività “estremiste”. Questo ultimatum ha implicazioni molto estese e preoccupanti. Ingiunzioni del genere, infatti, spesso preludono a una escalation di violazioni di diritti umani verso molti altri cittadini e organizzazioni.

Anche la congregazione dei testimoni di Geova locale esprime la propria preoccupazione per quello che sta accadendo.

Irina Tverdohlebova, membro della comunità che vive in Italia da 15 anni ha dichiarato: “Sono nata nella Repubblica Moldova da genitori russi. Appartenevo alla minoranza russa e con la caduta dell'Unione Sovietica ho conosciuto la persecuzione. Questo è il motivo che mi ha indotta a fuggire dal mio paese. Ora sono veramente preoccupata per l’entrata in vigore di questa legge in Russia, sono scossa, mi sembra vivere di nuovo quei momenti angoscianti. Mi sorprende e mi addolora che i testimoni di Geova conosciuti da più di un secolo, anche nei tempi dell'Unione Sovietica, come promotori e operatori di pace, possano essere considerati estremisti”.

Inga Skantseva, una testimone di Geova che svolge la sua opera di evangelizzazione a favore di emigrati di lingua russa anche a Casamassima, oltre a diversi comuni del barese, ha aggiunto: “Sono sconcertata per ciò che sta accadendo nel mio paese, speravo che finalmente il vento fosse cambiato, che la libera espressione di pensiero e di culto fosse stata conquistata. Ora sono preoccupata per i pericoli cui questi sviluppi espongono i miei familiari e i miei amici che vivono lì”.

Daria Denisova, una testimone di Geova russa, manager finanziario sulla piazza di Milano, confessa la sua forte preoccupazione: “Sono cresciuta nella Russia libera, e questa è una cosa che ho sempre apprezzato. Studiando la storia e ascoltando i racconti di chi era vissuto nell’era sovietica, quando qualsiasi pensiero diverso o punto di vista non tradizionale venivano considerati un crimine, ho sempre pensato che fortunatamente era tutto passato. Purtroppo, quello che sta accadendo adesso in Russia ricorda molto quello di cui avevo letto nei libri di storia, qualcosa a cui non vorrei mai si ritornasse. Vivere in pace, credere in Dio e parlare ad altri della propria fede è diventato una violazione della legge! Mi fa paura anche il solo pensiero di cosa questo significherà non solo per i testimoni di Geova, che in tutto il mondo sono conosciute per il loro amore, pace e rispetto per l’autorità, ma anche per tutti i cittadini russi, che hanno il diritto di esprimere liberamente e pacificamente il proprio pensiero e la propria religione. È vero che l’obiettivo di qualsiasi governo è quello di proteggere i cittadini dal pericolo del terrorismo, ma questa lotta non può impedire a persone pacifiche e rispettose di professare la propria fede e di parlarne ad altri. I testimoni di Geova non hanno mai partecipato né a conflitti armati, né a manifestazioni e proteste contro il governo: sono persone che servono semplicemente il proprio Dio e si sforzano di mostrare amore verso il prossimo. Secondo me la libertà religiosa è specialmente importante in una nazione come la Russia, in cui convivono così tante etnie e culture diverse, perché tale libertà significa rispetto reciproco, e questo a sua volta contribuisce alla convivenza pacifica all’interno del Paese. Vorrei continuare a vedere questa libertà in Russia, e vorrei che essa fosse evidente anche per la comunità internazionale, perché questa libertà è una caratteristica fondamentale di qualsiasi paese moderno in cui si rispettano i diritti basilari dei cittadini”.

Link di approfondimento:
https://www.jw.org/en/news/releases/by-region/russia/anti-extremism-law-part1/

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI