Giovedì 23 Novembre 2017
   
Text Size

A.a.a. cercasi casa disperatamente!

Gattini in cerca di casa

 

Questa settimana ci occuperemo del caso di 6 piccoli gattini, rivenuti tra le ruote di una macchina. Inoltre, grazie alla collaborazione con la responsabile del Gruppo Lipu Casamassima, Rina Addabbo, possiamo imparare a riconoscere i passeri e saperne di più sulla loro alimentazione.

 

Gattini in cerca di casa

Sono 6 e sono nati il 17 giugno. La mamma li nascondeva continuamente nella marmitta delle macchine facendo correr loro, inconsapevolmente, un grave pericolo. Due signori adulti hanno deciso di toglierli di lì prima che accadesse loro qualcosa ma non possono né sanno come occuparsene. Abbiamo bisogno di aiuto urgente: si cerca balia e stallo per i piccoli sfortunati che altrimenti non sopravvivranno a lungo.

Per informazioni telefonare al 3933090862. I volontari dell’associazione “Legalo al cuore” sapranno fornirvi tutte le informazioni del caso.

 

Il passero

Conosciuto anche come Passera Europea (Passer domesticus), è il tipico “passerotto” che vediamo in città, ed è in assoluto la specie più nota e quella che ha saputo meglio sfruttare a proprio vantaggio la presenza dell’uomo. Vive, infatti, ovunque: nei casolari, nei palazzi in città o in campagna, non è raro che si avvicini alle case o si posi sui davanzali delle finestre, per becchettare qualche briciola o semplicemente per fare una breve pausa tra un volo e l'altro.

Passero

È lungo circa 15 centimetri, per un’apertura alare di circa 24-26 centimetri e peso fino a 40 grammi, è caratterizzato da vertice grigio scuro, nuca castana, gola nera e guance biancastre. La femmina si distingue facilmente dal maschio per la gola nera, le parti superiori di colore bruno e parti inferiori bianco-grigiastro. Se in aria, è un uccello veloce e aggraziato, a terra le gracili zampine non si rivelano molto adatta a camminare, perciò si muove con dei piccoli e buffi saltelli.

Il periodo riproduttivo del Passero comune inizia ad aprile. Nidifica preferibilmente nei buchi e nelle fenditure sulle facciate delle case, ma anche su rocce, scarpate e – più raramente – tra i rami degli alberi alla base dei nidi di altre specie. Può produrre fino a tre covate l’anno, ciascuna composta da 3-5 uova di colore bianco, finemente macchiettate di scuro. Di solito, sono entrambi i genitori a occuparsi della cova, che dura circa 10-14 giorni. I pulcini s’involano a 10-19 giorni dalla schiusa delle uova.

Il Passero comune è granivoro, si nutre prevalentemente di cereali, soprattutto grano e simili, ma anche di verdura, frutta e in estate non disdegna larve e insetti. Uno dei suoi comportamenti peculiari è il “bagno di polvere e terra”, pratica che compie quando sente il bisogno di liberarsi dai parassiti.


Pericolo insetti per i nostri pets. Il consiglio della Dott. De Bellis

Con l'arrivo dell'estate aumenta la presenza di vari insetti tra cui le vespe e le api che agli occhi dei nostri amici pets sono un simpatico gioco da prendere in bocca. Purtroppo, però, la puntura è altamente rischiosa perché provoca una grave reazione allergica o shock anafilattico che si può manifestare con gonfiore degli occhi, del muso e della lingua, creando grave edema facciale e - nei casi più gravi - edema della laringe con chiusura delle prime vie respiratorie e conseguente blocco nella respirazione.

Appena ci accorgiamo di questi sintomi bisogna correre dal medico veterinario ma se si è impossibilitati è bene tenere a casa dei farmaci di primo soccorso. Rivolgetevi al medico veterinario di fiducia per la prescrizione di questi farmaci e diffidate da qualunque altro rimedio che non vi sia stato indicato da uno specialista.

ELEONORA MONTRONE

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI