Mercoledì 22 Novembre 2017
   
Text Size

Ripristinato il servizio notturno nei Punti di Primo Intervento

Casa della Salute casamassima

 

Dopo le polemiche scaturite per la chiusura notturna delle strutture ospedaliere, l’Asl fa marcia indietro

 

Aveva destato scalpore la decisione riguardante la chiusura notturna dei punti di Primo Intervento in alcuni Comuni della provincia barese, tra i quali compariva anche quello di Casamassima. La comunicazione, datata 29 aprile, disponeva la chiusura notturna dei punti di Primo Intervento in esecuzione già dal primo maggio. Decisione, questa, che non era passata in sordina e che aveva scatenato le ire dei sindaci dei Comuni interessati quali Bitonto, Casamassima, Castellana Grotte, Giovinazzo, Mola, Polignano, Grumo, Locorotondo, Alberobello e Rutigliano.

Il Direttore dell’Asl di Bari, Vito Montanaro, promotore della sospensione del servizio notturno, aveva giustificato tale provvedimento con la mancanza di personale medico che potesse garantire la copertura. Tutti i punti di Primo Intervento dei comuni sopracitati erano dunque funzionali solamente per 12 ore al giorno, contrariamente alla normativa che regola il sistema sanitario pugliese che non prevede l’apertura delle strutture ospedaliere solo per mezza giornata.

A distanza di qualche mese, il Direttore Asl ha fatto marcia indietro: i Comuni interessati dal "taglio" vedranno ripristinato il servizio di Primo Intervento nella fascia notturna. La mancanza di personale medico è stata colmata? A quanto pare no; il problema persisterebbe ma sarebbe stato ovviato con l’impiego di medici abilitati al 118, su base volontaria e a turnazione, con l’innesto di nuovo personale, privo sì di abilitazione ma possessore di attestazione di frequenza del corso necessario a conseguirla.

Una soluzione che, nonostante possa far storcere il naso ai più, colma quel vuoto di personale medico che tuttora sussiste e ripristina un servizio più che necessario per la cittadinanza. Interpellato a riguardo, il Sindaco di Casamassima, Vito Cessa, si dice soddisfatto e afferma: «Ero certo che l’Asl avrebbe trovato le risposte più giuste alla soluzione di questo problema».

ELEONORA MONTRONE

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI