Lunedì 20 Novembre 2017
   
Text Size

Nasce “Casamassima Car Pooling”

car pooling casamassima


Il gruppo facebook, creato dai Giovani Democratici, punta a rispondere alle esigenze dei pendolari casamassimesi


Il “car pooling”, termine inglese che letteralmente significa “auto messa in comune”, è una pratica diffusa già da qualche anno nel nostro Paese, anche se stenta a decollare in maniera definitiva. Il principio di tale pratica è quello di condividere la propria auto negli spostamenti quotidiani a fronte di un piccolo contributo per le spese di viaggio da parte del passeggero ospitato. L'obiettivo principale, dunque, è il risparmio, sia per chi offre un passaggio che per chi ne usufruisce. Uno dei motivi per cui il car pooling sta prendendo piede sul nostro territorio è, infatti, l'aumento costante del prezzo dei biglietti dei mezzi pubblici. Se a questo aggiungessimo la carenza di corse in determinate fasce orarie, riusciremmo a comprendere il perché anche a Casamassima sia nata la necessità di introdurre questa buona pratica.

I ragazzi del circolo GD “Pier Paolo Pasolini”, nel mese di Maggio, si sono interrogati sui bisogni dei pendolari casamassimesi, in particolar modo quelli che quotidianamente si recano a Bari per studio o lavoro, e dopo un confronto con realtà già esistenti e molto attive, come quella di Noci ad esempio, hanno deciso di creare il gruppo Facebook “Casamassima Car Pooling”. La risposta dei casamassimesi è stata più che positiva, nel giro di una settimana sono stati condivisi i primi viaggi da e verso il capoluogo.

“Il funzionamento del gruppo - commenta il segretario dei GD Gennaro Gigli - è molto semplice. Se si vuole condividere un passaggio basta scrivere un post all'interno del gruppo con data, ora, luogo di partenza e di arrivo, numero di posti a disposizione nel veicolo, contributo richiesto e aspettare che qualcuno risponda. La stessa procedura vale per chi vuole richiedere un passaggio”.

“È stato gratificante vedere la risposta dei cittadini del nostro paese - aggiunge Alberto Santoro, membro del circolo dei GD e uno tra i primi ad usufruire del servizio - tantissimi sono stati i messaggi di apprezzamento. È questo che accade quando si lavora per il bene comune. Un altro aspetto da non sottovalutare, oltre a quello economico, è quello sociale. Condividere un passaggio diventa, così, occasione d'incontro e di comunicazione, un modo diverso di affrontare i nostri spostamenti con qualche chiacchiera e, magari, un sorriso”.

GIOVANI DEMOCRATICI CASAMASSIMA

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI