Mercoledì 22 Novembre 2017
   
Text Size

A.a.a. Cercasi casa disperatamente!

Nike

 

Continuano i recuperi speciali per opera dei volontari del Gruppo Lipu Casamassima, con a capo la Responsabile Rina Addabbo. La scorsa settimana abbiamo raccontato il caso del ritrovamento di un Falco Lodolaio, questa settimana vi proponiamo il caso del rinvenimento di un Tarabusino. Vi raccontiamo inoltre la storia di Nike, un Bracco Tedesco in cerca di nuovi padroni e di un po’ di affetto.

 

Il caso della settimana: Nike

È una femmina di Bracco Tedesco. La sua è una razza da caccia ma a differenza dei suoi simili, Nike non sa cacciare. Ha contratto la leishmaniosi ed è forse per questo motivo che è stata abbandonata al suo destino.

Caratterialmente è dolcissima con le persone, adora le coccole e giocare con la palla. Socievole con i suoi simili, tende un po' a dominare all'inizio, perciò andrebbe meglio con cani poco invadenti e che siano abituati a interagire correttamente con altri cani, soprattutto se femmine. Non è testata con i gatti, sarebbe da valutare. Si cerca qualcuno realmente interessato a offrire una nuova famiglia a Nike.

Attualmente si trova a Bari. Si affida vaccinata, microchippata, sterilizzata. Per info contattare Rosanna al 3497940137

 

Nike

 

 

Recuperi speciali Gruppo Lipu Casamassima

Venerdì 29 Aprile, di buon mattino, una giovane cittadina di Mola di Bari, recatasi sul balcone di casa, si è ritrovata davanti un uccello mai visto prima. Lungo circa 35 cm, un grande e appuntito becco arancione, lunghe zampe dello stesso colore e la livrea di differenti colori dal bruno al rosso al bianco.

Tarabusino

Dopo un primo momento di sorpresa, la giovane ha capito che doveva metterlo al sicuro poiché in casa ospita ben 9 gatti e ha contattato il Gruppo Lipu Casamassima, consegnando loro l’animale. I volontari si sono recati tempestivamente alla Facoltà di Medicina Veterinaria a Valenzano per le cure necessarie. I dottori hanno stabilito che si trattava di un Tarabusino, grande migratore che arriva dall’Africa subsahariana.

Nei nostri cieli il Tarabusino si fa vedere in primavera a ridosso del periodo riproduttivo; è molto diffuso nella porzione settentrionale della nostra Penisola, principalmente lungo il corso del Fiume Po e nel basso corso dei suoi affluenti più importanti; l’Adige e l’intera area umida costiera compresa tra Cervia e Grado; e ancora l’Arno, il Tevere, le zone umide toscane, sarde, siciliane e pugliesi.

Essendo un uccello delle zone umide, si ciba di piccole prede acquatiche come insetti, rane, girini, piccoli pesci, molluschi, crostacei ecc. Costruisce il nido il più delle volte nel fitto dei canneti; non tollera per niente la presenza dell’uomo ed è anche piuttosto territoriale infatti, non costruisce insiemi di nidi, le cosiddette garzaie, ma si tiene a debita distanza dai compagni. In questo caso l’animale stava quasi certamente migrando verso una delle zone umide a nord della Puglia e ha deciso di sostare probabilmente a causa della stanchezza del viaggio. Costatato che non aveva nessun problema fisico, è stato rifocillato e subito liberato per non causargli eccessivo stress.

 

Emergenza acqua contaminata.
Il consiglio della Dott.ssa De Bellis

Questi ultimi giorni il problema della contaminazione dell'acqua ha messo in allarme tutti i cittadini di Casamassima. Anche i nostri amici a 4 zampe e non solo sono suscettibili a questi batteri che causano, come negli umani, gastroenterite. I sintomi clinici sono vomito e/o diarrea.

Altro sintomo clinico che spesso viene sottovalutato è l'ingestione di erba segno di malessere che non deve passare inosservato. Pertanto abbeverate loro con acqua oligominerale e se notate questi segni, rivolgetevi al vostro Medico Veterinario.

ELEONORA MONTRONE

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI