Venerdì 17 Novembre 2017
   
Text Size

Non c'è pace per il "Majorana" di Casamassima

Istituto Alberghiero  'Majorana' - sede di Casamassima


I lavori cominciati per la linea telefonica in verità sono destinati ad altri scopi


Sembra una barzelletta, ma non fa ridere più nessuno. Il Comitato genitori del bistrattato Istituto alberghiero "Majorana" di Casamassima continua a dover lottare per cose ovvie. Sul numero scorso del nostro giornale avevamo annunciato che il sette aprile sarebbero cominciati i lavori per la linea telefonica che ad oggi, a tre anni dall'apertura della Scuola, non c'è. Il sette aprile sono effettivamente cominciati dei lavori, salvo poi scoprire che questi erano destinati alla fibra ottica e alla rete internet, lavori che stanno riguardando l'intero Comune e che non sembrano essere, almeno per ora, finalizzati all'installazione della linea telefonica per il Majorana.

«Il sette sono andata a sincerarmi che i lavori fossero cominciati e ho scoperto, con mio grande rammarico, che quei lavori erano destinati alla fibra ottica. Ho dovuto contattare l'architetto Stefania Angiulli della Città metropolitana - racconta la Presidente del Comitato Mariella Zotti - che mi ha detto che i lavori ad hoc per la linea telefonica sarebbero cominciati il 12 aprile». Come ovvio, martedì scorso, 12 aprile, la Zotti è nuovamente andata a controllare ed ha trovato lo stesso operaio che ha ribadito che stanno lavorando per la fibra ottica. Il problema è che assurdamente, essendo lo scavo lo stesso, nessuno sa dire con precisione quando e se i lavori destinati alla linea telefonica cominceranno (anche se c'è da dire che l'assessore Palmieri ha chiarito, come si legge nel pezzo nella quale sia il Sindaco sia Palmieri replicano alle affermazioni della Zotti che i lavori della linea telefonica sono consequenziali a quelli della fibra ottica) o se sono già cominciati. Sembra insomma impossibile capirlo e anche dalla Città Metropolitana pare nutrano qualche dubbio in merito.

Lo scorso sette aprile dovevano arrivare inoltre alcune attrezzature per la Scuola e almeno in questo caso non ci sono state sorprese: «Almeno le attrezzature sono arrivate - commenta la Presidente Zotti - ma è merito della Dirigente Petruzzelli che oramai disperata autofinanzia gli interventi necessari per il suo Istituto». La battaglia, anzi la guerra del Majorana, continua su più fronti. Un altro problema davanti al quale non si possono solo più alzare le spalle è quello della inefficienza del servizio dei pullman: mancano infatti moltissime corse. Fa sapere la Zotti: «Abbiamo protocollato, noi del Comitato insieme con la Dirigente, una richiesta proprio per cercare di porre fine a quest'altro grosso problema». Dunque, nonostante l'innegabile spirito combattivo del Comitato e della stessa Dirigente scolastica, i problemi dell'Istituto alberghiero non accennano ad avere fine, anzi, assurdamente, sembra allungarsi la lista delle cose che non vanno. Noi continuiamo a sperare in risvolti positivi e risolutivi, possibilmente, prima della vicina fine dell'anno scolastico.

VALERIA MARANGI

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI