Venerdì 17 Novembre 2017
   
Text Size

Majorana, al via i lavori per la linea telefonica

L'istituto alberghiero _E. Majorana_ - Sede di Casamassima


Qualche piccola vittoria per l'Istituto Majorana.
La presidente Zotti: "Le battaglie sono ancora molte"


Continua la lotta dell'Istituto Majorana e del suo determinato Comitato di genitori, capeggiato dalla combattiva Mariella Zotti, contro le tante mancanze che un istituto di Istruzione superiore aperto da poco non dovrebbe affatto presentare. Ritenuta dai membri del Comitato una scuola assolutamente "boicottata" per ragioni che poco centrano con l'istruzione dei nostri ragazzi, l'Istituto alberghiero casamassimese pare registrare tante mancanze: in primis l'assenza di una linea telefonica e di alcune attrezzature fondamentali da collocare nelle cucine.

Come in tutte le guerre, per fortuna, ogni tanto qualche battaglia viene vinta. Dopo tanti solleciti e dopo infiniti palleggi di responsabilità, mercoledì 6 aprile, sono cominciati i lavori per installare la famosa linea telefonica. Il giorno seguente, invece, sono arrivate alcune delle famose attrezzature mancanti.

Abbiamo chiesto alla Presidentessa del Comitato Mariella Zotti se lei e gli altri componenti del Comitato si ritengono soddisfatti. «Siamo soddisfatti - commenta Zotti - ma le battaglie da combattere per il Majorana sono ancora molte: ci batteremo tra le altre cose per avere la segreteria, il bar, un servizio più efficiente per quanto riguarda i pullman (mancano infatti alcune corse). Molte di queste battaglie vorrei che venissero portate a termine prima della fine dell'anno scolastico».

Il percorso per arrivare a questo risultato è stato lungo e tortuoso: è stato necessario confrontarsi più volte con il Sindaco come anche con i responsabili della Città Metropolitana. A tal proposito la Presidente del Comitato genitori racconta: «Il 5 aprile scorso, in mattinata, mi sono recata in Provincia "senza dirlo a nessuno" e senza seguito ed ho nuovamente incontrato i responsabili della Città Metropolitana. Ciò che sospettavo mi è stato confermato in quell'occasione: se si è ritardato tanto a cominciare i lavori per la linea telefonica, è stato solo ed esclusivamente a causa del Comune. Mi hanno fatto capire che inizialmente è stato a causa di un problema del Commissario che ha preceduto Cessa, anche se comunque Vito Cessa si era già insediato ad ottobre 2015 e avrebbe potuto fare di più oltre alle solite promesse vane, solleciti, lettere... in concreto, non ha fatto nulla». Mariella Zotti rincara la dose e accusa apertamente il Sindaco Vito Cessa: «Mi spiace dirlo ma credo che l'ostacolo maggiore sia stato proprio Vito Cessa che non solo non ha mostrato alcuna collaborazione ma in certi casi ho avuto il sentore che ci abbia ostacolato».

Tra le altre cose, la Presidente lamenta il fatto che lavori più poderosi e che riguardano l'intero edificio cominceranno quest'estate ma solo perché, a suo dire, il Comune sarà costretto ad ospitare, per il prossimo anno scolastico, alcune classi della Scuola dell'Infanzia "Collodi" e c'è dunque la necessità di mettere l'edificio a norma. «Questi lavori - aggiunge - cominceranno dopo la chiusura delle Scuole e dovrebbero finire per fine settembre. Io credo e temo tuttavia che andranno avanti per molto più tempo».

La Zotti, dunque, rimane sempre più determinata - come è giusto che sia - ad andare avanti per far valere i diritti della Scuola e dei suoi studenti, annunciando che, nel mese di aprile, verrà organizzato un incontro aperto al pubblico per discutere le tante problematiche inerenti all'Istituto alberghiero. «Ovviamente inviteremo il Sindaco» - chiosa. Nell'attesa che i tanti altri problemi vengano risolti, possiamo tirare un sospiro di sollievo: se pur in maniera lentissima, pare che qualcosa si stia muovendo.

VALERIA MARANGI

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI