Giovedì 23 Novembre 2017
   
Text Size

L’Amministrazione anticipa l’apertura di ben tre Centri Polivalenti

Casamassima-L'assessore ai Servizi sociali Antonietta Spinelli

L’Assessore alle Politiche Sociali, Antonietta Spinelli, ci spiega i passaggi più salienti attivati per la buona riuscita del progetto

In occasione della mostra di manufatti a tema pasquale, la signora Vita Valenzano, amabile coordinatrice assieme a Serafina Borreggine e Piero Acito delle attività che coinvolgevano gli amici anziani, presso il Centro polivalente sito in Via Pacinotti, ha chiesto degli aggiornamenti su una sua possibile riapertura.

L’Assessore alle Politiche Sociali, Antonietta Spinelli ha fornito un quadro assolutamente dettagliato della situazione, che abbiamo opportunamente appuntato sui nostri taccuini.

Precisiamo che la Spinelli si dimostra affranta per il malcontento che vige negli animi dei compaesani anziani e che tanto si compiacevano delle ore trascorse presso il Centro. Ricorda caramente Nicola Evangelista, meglio conosciuto come ‘Colino’, che più di tutti ha sofferto l’inaspettata chiusura. Ma il Centro riaprirà ed è confermato dalle diverse attività che l’Amministrazione ha compiuto.

L’impegno investito dal Comune è atto a rispettare esattamente il Regolamento 4, sottoscritto dalla Regione Puglia nel 2007, che prevede dei precisi criteri a cui ogni struttura che voglia accogliere un Centro polivalente deve assolutamente rispettare: «Sin dalle prime ore del mio mandato - afferma l'Assessore Spinelli - mi sono documentata sulla normativa e sui requisiti dei centri aperti polivalenti che dovrebbero accogliere anziani, minori e disabili. Perché, in effetti, il nostro grande progetto è quello di adibire l’intero palazzo di Via Pacinotti a tre diversi Centri Polivalenti: quello per minori, per anziani e disabili».

L’iter intrapreso, affinché questo progetto veda la luce, è abbastanza complesso e percorre le tappe obbligatorie che volgeranno ad ottenere un grosso faldone di documenti che concernono aspetti tecnici: lo stato di agibilità degli edifici, il collaudo degli impianti, le dovute certificazioni anti incendio e l'assenza delle barriere architettoniche. Ma ulteriori documenti riguardano invece la gestione dei Centri. Di conseguenza, urge stilare un organigramma del personale assunto, lo statuto e atto costitutivo dell’ente gestore e la carta servizi, il regolamento interno, le polizze assicurative utenti e anche il piano di sicurezza. Il carteggio completo dovrà poi essere inserito nella piattaforma della Regione Puglia, la quale iscriverà i tre Centri polivalenti a catalogo. Questo assieme all’autorizzazione del Comune potrà finalmente permettere l’inaugurazione tanto attesa.

I lavori richiesti, perché gli edifici siano assolutamente idonei ad accogliere gli ospiti, non richiederanno molto tempo, per questo l’Amministrazione preannuncia l’apertura per il mese di aprile.

In ultimo, la Spinelli fa accenno al trasferimento della Unitre presso gli edifici in Via Fiorentini, i quali allo stesso modo verranno capillarmente vagliati perché risultino a norma di legge.

L’Amministrazione non ha voltato le spalle agli anziani, anzi, hanno evidenziato quanto loro siano un patrimonio prezioso per l’intera comunità e per questo va coccolato a dovere. A breve tutto ciò ritornerà ad essere possibile!

MARIAGRAZIA CAROLINA MILANO

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI