Lunedì 20 Novembre 2017
   
Text Size

Ausili didattici per le scuole di Casamassima

ausili didattici casamassima (2)


L’assessorato ai Servizi Sociali tutela il Diritto allo Studio con un’iniziativa mirabile.
A beneficiarne tutte le scuole del territorio

Il sindaco Vito Cessa e l’assessore alle Politiche Sociali, Antonietta Spinelli, in sinergia con i dirigenti di tutte le scuole presenti sul nostro territorio, sono stati fautori di un grosso passo che si è voluto compiere verso la tutela del diritto allo studio, perché questo sia garantito a tutti e in eguale misura. Di conseguenza, a beneficiarne, in particolare modo, sono i bambini e ragazzi che presentano dei disturbi nell’apprendimento e che necessitano di pratiche educative e strumenti didattici specifici.

Questo grosso passo conta numerosi e diversi ausili didattici che, nella mattinata di mercoledì 2 marzo, sono stati consegnati alle sedi centrale e succursale della ‘Dante Alighieri’; alle scuole ‘Guglielmo Marconi’ e ‘Giovanni Rodari’, che contemplano, in quanto circoli didattici le Elementari e le rispettive scuole dell’Infanzia; all’Istituto ‘Pia Domus Cristo Re’ e a quello superiore ‘Majorana’. In merito a quest’ultimo, Antonietta Spinelli, specifica che, sebbene il ‘Majorana’ costituisca un distaccamento e che le proprie dotazioni siano di esclusiva competenza della Provincia, è pur vero che, a seguito di confronti col direttivo, si è evinto il bisogno di supportare diversi studenti che presentano difficoltà nell’apprendimento. Di conseguenza, è sembrato doveroso, in nome del diritto allo studio e della tutela del supremo interesse per i minori, mostrare sensibilità e fornire egualmente la struttura di fondamentali ausili didattici, eludendo ogni valutazione su chi debba esserne o meno competente.

Il materiale consegnato presenta personal computers, tablets e strumenti altamente tecnologici come ad esempio le lavagne interattive multimediali (LIM), uno strumento di integrazione con la didattica d'aula poiché coniuga la forza della visualizzazione e della presentazione tipiche della lavagna tradizionale con le opportunità del digitale e della multimedialità. Ma non solo. Fondamentale la mole di libri corredati di cd rom e giochi che supportano l’insegnamento e l’apprendimento.

«Sicuramente nessun intervento amministrativo, considerato singolarmente, è risolutivo delle numerose esigenze della popolazione, ma oggi - esterna entusiasta l’assessore Spinelli - mi piace ‘pubblicare’ una ‘bella pagina’ per il Diritto allo Studio dei ragazzi casamassimesi. Ben quaranta mila euro, investiti dall’Assessorato ai Servizi Sociali sull’avanzo di amministrazione, in fase di assestamento di bilancio 2015. Il bilancio è un atto di volontà politica molto importante e, sebbene residuale rispetto alla gestione commissariale, ha visto attuate molte scelte proprie di questa amministrazione, rispondenti al programma politico di coalizione. In particolare, l’acquisto di questi ausili, si coordina con i finanziamenti di sessantamila euro per assistenza specialistica nelle scuole per alunni diversamente abili con Legge 104/1992 (garantita da progetto di Piano Sociale di Zona) e Progetto attività di nuoto ed informatica per circa 40 ragazzi disabili dai 4 ai 25 anni (delibera nr. 203 del 14 dicembre 2015), affidato con gara ad evidenza pubblica all’associazione Social Maxima ed in partenza a breve, su cui l’assessorato ha investito ben diciassette mila e quattrocento euro su bilancio comunale».

«Attraverso un esame delle economie di bilancio - continua l'assessore - è stato infatti istituito un capitolo nuovo denominato ‘attività progettuali per diversamente abili’, congiuntamente all’individuazione di residui sul capitolo ‘tutela handicap’. L’attività di accertamento di residui attivi e passivi, svolta in questi giorni dall’assessorato insieme al Responsabile di Servizio, ha fatto emergere l’esistenza di residui 2014 non più utilizzabili, poiché consistenti in economie non rilevate e reinvestite».

«L’assessorato - conclude Spinelli - continuerà a svolgere un’attività di analisi sul bilancio di settore, come da relazioni in atti presso la Ragioneria, al fine di recuperare ogni economia e reinvestirla in attività concrete che possano dare risposte ai cittadini. Il tutto, vede anche attuazione di rete fra dirigenti scolastici, neuropsichiatria infantile e soggetti giuridici affidatari, come da verbali in atti, al fine di inserire ed organizzare i corsi per i beneficiari in base alle patologie, al fine di garantire un intervento mirato ed efficace, col coinvolgimento delle famiglie, che hanno compilato schede appositamente redatte dal Servizio sociale».

Affidiamo la chiusa dell’articolo alle dichiarazione del primo cittadino, giustamente soddisfatto del raggiungimento di questo piccolo ma grandioso traguardo: «La scuola era ed è uno dei primi punti del nostro programma, oggi abbiamo fatto un piccolo passo in avanti con l'acquisto e la consegna di nuovi ausili didattici. Uno degli aspetti più belli di essere il sindaco di una città è poter vedere concretizzarsi quei progetti in cui credi».

MARIAGRAZIA CAROLINA MILANO

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI