Domenica 19 Novembre 2017
   
Text Size

Piattaforma alimentare a Casamassima dovrebbe diventare presto realtà

Premio per la bontà sindaco Casamassima


Rocco Bagalà annuncia l'approssimarsi dell'avvio dell'iniziativa "CIBO riCIBO", che vedrà direttamente impegnata l'associazione "Comunione è vita", che intanto ha assegnato il Premio per la bontà 2015

 

Se ne era già parlato qualche mese fa, quando si era accennato al grande slancio con cui molti commercianti di Casamassima avevano aderito alla proposta avanzata dagli attori sin da subito sensibilizzatisi a questa iniziativa di solidarietà. Ora il sogno potrebbe finalmente trasformarsi in realtà, grazie all'entrata in azione di 'CIBO riCIBO', piano legato al progetto 'Siglam' e alla piattaforma tecnologica 'Cadan' per il recupero delle eccedenze alimentari in tutto il paese, la cui partenza sarebbe prevista entro febbraio.

A riferirlo è stato l'assessore alle Attività produttive Rocco Bagalà, secondo cui resterebbero da definire solo alcuni aspetti. «Tecnicamente – ha dichiarato Bagalà – dobbiamo ancora individuare un locale che possa essere adibito a magazzino in cui si possa procedere alla raccolta delle donazioni di tutti coloro che faranno parte della rete, nonché la scansione dell'inizio di tutta l'operazione, da realizzarsi attraverso un evento pubblico in cui incontrare ufficialmente le imprese, le associazioni e i cittadini che lo vorranno per poter spiegar loro in dettaglio il progetto e sensibilizzare sul tema».

Un insieme strutturato di passaggi quelli previsti per la rete: dalla domanda di beni all'acquisizione della richiesta, dalla comunicazione delle disponibilità alla raccolta in magazzino e successiva distribuzione alle famiglie bisognose, scelte, ovviamente, con la supervisione dei Servizi sociali. Ad intervenire, tra i principali 'stakeholder' del progetto, l'associazione di volontariato 'Comunione è vita', che potrà dedicarsi alla distribuzione avvalendosi finalmente di un sistema ben radicato sul territorio e in grado di garantire una certa continuità.

Premio per la bontà Casamassima

È stata la stessa "Comunione è vita" a far parlare di sé poco prima di Natale, mettendo in piedi una serie di eventi, come quello svoltosi presso Masseria Cariello Nuovo, dove è stato assegnato il Premio per la bontà per il 2015. Il riconoscimento, giunto alla sua 14esima edizione, "da anni riconosce il merito di chi, in maniera disinteressata, si distingue in atti di genuina bontà e intende esaltare il bene che si esprime nella vita di tutti i giorni". A ricevere il premio è stata questa volta la famiglia Mantengoli.

«Essere genitori – ha spiegato nel suo discorso durante la serata Rosanna Selvaggi, presidente di "Comunione è vita" – è un’esperienza unica e meravigliosa e, per sentirsi tali, non è indispensabile procreare, ma è sufficiente amare. I figli non sono di chi li fa, ma di chi li cresce. Diventare genitori adottivi, poi, è una sorta di esperienza missionaria, che richiede una grande capacità di accoglienza, di accettazione, di condivisione, di donazione totale. Non è solo il legame genetico che rende figli e genitori, ma il crescere insieme, il conoscersi sempre meglio, il condividere gioie e dolori, diverse esperienze di vita, il sostenersi a vicenda, il litigare e poi fare pace, il confrontarsi e lo scontrarsi, ritrovandosi sempre gli uni al fianco degli altri, affezionarsi ed amarsi ogni giorno di più».

Da ciò sarebbe scaturita l'assegnazione del premio alla famiglia Mantengoli. «Il loro esempio – ha proseguito la Selvaggi – ha creato una famiglia fatta di genitori e figli veri. Una famiglia 'chiara', in cui anche il racconto della propria vita circola liberamente all’interno ed è portato all’esterno senza vergogna, timore o ostentazione».

L'attività di "Comunione è vita" proseguirà comunque su più fronti. In programma anche la realizzazione di un cineforum sull'handicap e sui soggetti svantaggiati in genere, caratterizzato da dibattiti e racconti delle esperienze dirette dei cittadini.

FRANCESCA DELL'AIA

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI