Lunedì 20 Novembre 2017
   
Text Size

Borsa di studio “Sottotenente pilota Vincenzo D'Addetta”: perché istituirla?

CAsamassima-Casamassima-l'alunno più meritevole premiato anche alla Rodari (1)

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

Il 20 agosto 1914 nasceva il valoroso e arditissimo eroe dell’Aeronautica italiana Vincenzo D’Addetta, che perse la vita nel corso di un combattimento aereo nei cieli di Gura in Eritrea (allora colonia italiana) il 3 febbraio del 1941. La temeraria vita da pilota di caccia (con l’abbattimento di numerosi aerei nemici in decine di scontri bellici) e la gloriosa morte in combattimento contro forze soverchianti del nemico gli valsero la Medaglia d’Argento al Valor Militare (concessa il 23 giugno del 1960 con decreto del Presidente della Repubblica).

Nella ricorrenza del 20° anniversario della costituzione in Casamassima della Sezione dell’Associazione Arma Aeronautica e in occasione del centenario della nascita del nostro indimenticabile concittadino, il cav. uff. Pietro Bellomo, in qualità di presidente della sezione, propose al Consiglio Direttivo di istituire una borsa di studio per gli alunni delle scuole primarie di Casamassima, intestandola appunto al “Sottotenente pilota Vincenzo D’Addetta”. La proposta fu accolta all’unanimità e comunicata alla famiglia D’Addetta-Di Donna, che accolse con vivo interesse e concreta partecipazione l’iniziativa, dando il suo condiviso consenso. 

Inizialmente la borsa di studio era unica, ma si pensò concordemente di istituirne una per il I Circolo didattico “G.Marconi” ed un’altra per il II Circolo didattico “G.Rodari” di Casamassima. L’assegnazione di questo premio viene effettuato per la prima volta nell’anno scolastico 2014/15, ma la sua durata sarà continua nel tempo a venire. Dopo attenta e regolare decisione della commissione di valutazione, la borsa viene assegnata all’alunno/a più meritorio/a fra i candidati delle classi quinte (terminali del corso di studio primario), segnalati dai dirigenti scolastici e dagli insegnanti delle rispettive scuole, alla conclusione dell’anno scolastico.

Così alle ore 11 di venerdì 9 ottobre, presso la palestra del I Circolo didattico “G.Marconi”, alla presenza del dirigente scolastico Pietro Netti, dell’assessore alla Cultura Francesco Cristofaro, del signor Milillo, presidente del Consiglio di Circolo, della dottoressa Etta Di Donna (in rappresentanza della famiglia D’Addetta), del cavalier Radogna Raffaele (presidente f.f.), del m.llo Giovanni Montanaro, del m.llo  Gianleo Soranno e del cons. Franco Marsico in rappresentanza dell’associazione Arma Aeronautica di Casamassima, del comandante della Stazione Carabinieri di Casamassima Filippo Falcone e del sottoscritto si è svolta la prima cerimonia di premiazione, seguita dalla seconda giornata di festa, che ha avuto luogo giovedì 15 ottobre, sempre alle ore 11, presso la palestra del II Circolo didattico “G.Rodari”, alla presenza della dirigente scolastica Rosanna Brucoli, dell’assessore Francesco Cristofaro, della dottoressa Etta Di Donna, del lgt. Vincenzo Ariemma, del sottoscritto, del m.llo Giovanni Montanaro e del cons. Franco Marsico, in rappresentanza dell’associazione Arma Aeronautica di Casamassima.

Entrambi i luoghi si sono arricchiti della presenza degli alunni di tutte le classi quinte, muniti di festoni e accompagnate dalle insegnanti, dagli alunni finalisti della borsa di studio e dalle rispettive famiglie. Questi i cinque finalisti della Marconi: SAVA Anna (5^C), vincitrice assoluta, seguita da 1) CALISI Francesco Pio (classe 5^F) - 2) CARELLI Antonella (5^C) - 3) GARGARO Donato (5^A) - 4) Mattia Giuseppe (5^C) e 5) NACCI Gabriele (5^E). Per la Rodari, invece, tra i più meritevoli si attestano: LIDDY Kevin Lorenzo, vincitore assoluto, seguito da 1) DE BELLIS Mattia (classe 5^C), 2) DE TOMMASO Savino (5^), 3) MONFREDA Stefano (5^A), 4) PINTO Mattia Ruggero (5^C) e 5) VITERBO Nicola (5^A).

Giuseppe Emilio Carelli

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI