Giovedì 23 Novembre 2017
   
Text Size

Peucetia Lab: a scuola di comunità

Andrea Gelao

 

articolo pubblicato su "La voce del paese" in edicola venerdì scorso 

Casamassima, Turi e Sammichele fanno sistema: Andrea Gelao ci racconta l’andamento


 

 

Dal mese di aprile è attiva nei Comuni di Turi, Casamassima e Sammichele, la Scuola di Comunità P-LAB (Peucetia Lab), un percorso di animazione territoriale elaborato nell’ambito del Programma PIST “Lame di Peucetia”, finalizzato alla progettazione partecipata di azioni per la rigenerazione dei centri storici delle tre città e per la valorizzazione delle componenti ambientali e rurali.

 

Abbiamo incontrato Andrea Gelao, referente della Scuola e facilitatore, per sapere come sta andando e avere qualche anticipazioni circa i prossimi incontri

 

In cosa consiste il percorso della Scuola di Comunità?

 

Si tratta di un’occasione per discutere e confrontarsi sul futuro del territorio tra Turi, Casamassima e Sammichele, per elaborare e proporre idee per migliorare la qualità della vita e cogliere le opporunità da vari fronti. È un percorso in spirito propositivo, che conduce alla ricerca di opportunità piuttosto che alla emersione dei limiti e che attivi logiche di rete e di collaborazione. Ogni incontro non è solo una lezione frontale, piuttosto un laboratorio nel quale tutti si mettono in gioco e contribuiscono a produrre risultati e all’apprendimento collettivo.

 

Chi sta partecipando a questi workshop e con quale spirito?

 

Amministratori, funzionari, tecnici e cittadini, molti giovani, anche raccolti in forma associativa. La partecipazione è aperta a tutti, anche a coloro che non vivono o lavorano su questo territorio. Il senso è di innescare collaborazioni, sinergie, tra chi partecipa, è lo snodo fondamentale per una programmazione che nasce dal basso, sulla base delle esigenze e delle caratteristiche del territorio, in coerenza con i macro-obiettivi nazionali ed europei. Esperienze come la Scuola di Comunità spingono ad allargare la visuale. La necessità di confrontarsi di continuo con esperienze diverse rappresenta un importante contributo per la crescita del territorio e della Comunità.

 

Come sta procedendo finora?

 

Il primo appuntamento ci è servito per porre le basi della scuola e cercare di allineare tutti rispetto al contesto in cui ci apprestavamo a muover i primi passi. Un tema importante che abbiamo trattato è stato quello dei “Territori che apprendono”, fin da subito tutti i presenti sono stati impegnati sulla produzione di contributi e riflessioni individuali e poi di gruppo. Abbiamo poi lavorato sul tema del territorio nel contesto del Piano Integrato di Sviluppo Territoriale (PIST), in questo abbiamo fatto un affondo sul tema dei centri storici come oggetto rilevante per lo sviluppo locale.

Nell’ultimo incontro abbiamo usato la metodologia dell’EASW, un brutto acronimo per un metodo partecipativo che aiuta immaginare il futuro del territorio fra qualche anno, attraverso con la partecipazione e lo scambio di vedute dei diversi attori del territorio sui temi della Cultura, dell’Ambiente e paesaggio, del Welfare e innovazione sociale, del commercio e agricoltura.

Il laboratorio ha generato una visione collettiva sulla base della quale sono state fatte proposte per costruire progettualità insieme, che verranno “coltivate” nel prosieguo del Scuola di Comunità P-Lab.

 

 

Cosa avverrà invece nei prossimi incontri?

 

Il terzo incontro della Scuola ha lo scopo di fornire un quadro completo delle linee di finanziamento inserite nella programmazione europea 2014-2020 e di approfondire le opportunità offerte da tali programmi alle iniziative da avviare nell’area Peuceuta, ma anche all’occupazione ed alla crescita professionale dei suoi abitanti. Dopo avere ragionato negli incontri precedenti su alcune possibili linee di intervento, i partecipanti hanno la possibilità in questo incontro di iniziare a comprendere come finanziare le idee progettuali e come collaborare affinché le iniziative da avviare siano inserite in un quadro integrato di iniziative di promozione del territorio.

L’incontro del 7 maggio è dedicato al tema dei finanziamenti. Sarà con noi Raffaele Colaizzo, un esperto di programmazione europea. È di fondamentale importanza costruire progetti capaci di intercettare i fondi europei diretti e indiretti. Parleremo del POR Puglia con la sua articolazione in assi e misure, ma anche dei programmi che finanziano la mobilità giovanile in Europa e che possono offrire interessanti occasioni per i giovani peuceti anche grazie alla consulenza dello Sportello Europa messo a disposizione dal progetto. Presenteremo anche informazioni su buone pratiche, agenzie e servizi che possono aiutare ad intercettare le opportunità esistenti e costruire sistemi di partenariato.

L’incontro dell’8 maggio è dedicato ad approfondire il tema del marketing territoriale con i docenti della LUM. Si approfondiscono azioni di marketing messe a punto in contesti simili alla Peucetia, incrociandole con quelle possibili nell’ambito del PIST e con i prossimi progetti di cui si è cominciato a discutere nei precedenti incontri della scuola.

Riteniamo che questo percorso possa rappresentare un momento importante per il confronto e per lo sviluppo del territorio ed è per questo che pensiamo sia importante partecipare portando con se tanta propositività, idee e voglia di fare.

I laboratori partecipativi del 7 e 8 maggio si svolgeranno presso la Sala Civica di Sammichele dalle 9.00 alle 17.00.

 

 

La scuola ha dunque lo scopo di attivare processi di progettazione partecipata per disegnare, condividere e rendere aperti obiettivi e percorsi di sviluppo del territorio orientati al miglioramento della qualità della vita. Iniziata lo scorso 9 aprile la scuola si concluderà il 2 luglio prevedendo quattro appuntamenti mensili sotto forma di workshop, durante i quali si collabora fattivamente in discussioni ed esercitazioni, guidati da facilitatori. Gestiscono le diverse sessioni formative di ciascuna giornata esperti di urbanistica, metodologie partecipative, sviluppo territoriale e programmi comunitari, nonché testimonial di alcune case history.

 

Tutte le informazioni circa il progetto P-LAB e il programma dettagliato della Scuola di Comunità sono disponibili al sito internet ufficiale di progetto www.peucetia-lab.it. 

 

 

Di seguito il calendario dei prossimi incontri:

 

7 e 8 maggio

Programmazione UE 2014-2020

Promuovere il territorio dal marketing alla comunicazione

 

21 e 22 maggio

La rigenerazione territoriale partecipata: Open Space Techonology

Casi ed esperienze

Valutazione civica

Mappa di comunità della città rurale

 

4 e 5 giugno

I Cantieri:

  • Ambiente e Paesaggio
  • Cultura
  • Welfare e innovazione sociale
  • Commercio e agricoltura                                        

 

18 e 19 giugno

Il metodo GOPP (Goal Oriented Project Planning)

PCM (Project Cycle Management)

 

2 Luglio

Urban Center: contenitore o contenuto

Il coworking

 

9 dicembre

Evento di chiusura

100 in 1 Day

 

 

Luna Pastore

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI