Giovedì 23 Novembre 2017
   
Text Size

LA CIARI RIAPRE I BATTENTI

ciari assemblea genitori

La scuola dell'infanzia Bruno Ciari di via Don Gaetano Grandolfo non sarà abbattuta. Anzi, riaprirà presto i battenti, già dalla prossima settimana. A darne notizia è il responsabile dell'ufficio tecnico comunale, Donato Capacchione, che ha fatto il punto della situazione dopo che negli ultimi tempi l'edificio che accoglie l'asilo è stato al centro di un infuocato dibattito politico, (precedente ovviamente alla caduta dell'ultima amministrazione e al successivo arrivo del commissario prefettizio), ma anche di riunioni e assemblee (l'ultima tenutasi martedì scorso) tra i genitori i cui figli sono iscritti alla Ciari. “Giovedì scorso, 24 settembre – ha spiegato Capacchione a riguardo – sono cominciati gli interventi per la messa in sicurezza della scuola dell'infanzia Ciari. Al termine di questi lavori, che dovrebbero concludersi entro qualche giorno, i bimbi potranno quindi tornare a svolgere la loro attività didattica nei locali di via Don Gaetano Grandolfo, che saranno sistemati nel migliore dei modi. Non più tardi della prossima settimana, dunque, il problema dovrebbe essere risolto. In particolar modo, queste opere di messa in sicurezza, che costeranno 3.500 euro più Iva, serviranno a stabilizzare il cono dell'edificio, rendendo i locali perfettamente agibili e idonei a ospitare la scuola.

A Natale poi, durante le festività e la tradizionale sospensione delle lezioni, saranno eseguiti ulteriori interventi che serviranno a completare definitivamente i lavori alla Ciari. Una cosa – ha proseguito il responsabile del servizio tecnico – sento di dirla ai genitori dei piccoli allievi dell'asilo: al di là di quello che è l'aspetto emotivo che tutta questa vicenda ha generato, al di là di quello che può essere l'impatto estetico all'interno della struttura, possono stare assolutamente tranquilli, perché la scuola è sicura. Prima di giungere alla decisione di procedere con la messa in sicurezza dell'istituto, infatti, sono stati fatti una serie di accertamenti, di analisi, di verifiche, di carotaggi, col supporto di esperti nella materia. E da queste stesse verifiche è emerso che la scuola, dopo la messa in sicurezza che è già cominciata, possa riprendere la sua attività in maniera assolutamente sicura. Per cui genitori, parenti dei bimbi, e tutti i casamassimesi, possono stare sereni: se la scuola dell'infanzia riapre i battenti è perché è perfettamente idonea allo scopo”.

[da La voce del paese del 28 settembre 2014]

Commenti  

 
#14 sissy 2014-10-13 20:24
Ora occupiamoci delle altre scuole don Milani marconi lapenna
 
 
#13 roberto 2014-10-04 18:08
Non è possibile che i problemi di staticità siano stati risolti in una settimana. Ragazzi si parla di tetto disconnesso con il restante della struttura.... ma voi siete pazzi a fidarvi di questi. Io non la mandi mia figlia
 
 
#12 Misorgeundubbio 2014-10-03 22:27
E voi genitori,... mandereste i vostri figli in quella struttura impregnata e obsoleta?....Fino a poco tempo fa, l' ex sindaco, non aveva richiesto l' abbattimento?????
 
 
#11 raf 2014-10-03 18:48
forza commissario non potevi far meglio avanti cosi
 
 
#10 Gallo 2014-10-03 15:15
Ciari, un asilo scambiato per una gallina dalle uova d'oro!
 
 
#9 Matematico 2014-10-03 09:16
La Ciari è la prova del nove dell'incapacità manifesta ed evidente dei nostri amministratori, dimostrata dal signor Commissario.
Grazie Commissario, se rientra nei Suoi compiti, apra il libro delle porcherie che hanno rovinato un intero paese. Faccia fare un po' di pulizia. Non Le sarà difficile.
 
 
#8 Una cittadina stufa 2014-10-03 09:10
Grazie genitori casamassimesi, grazie Commissario. La Ciari è salva!
Senza amministratori inutili e arruffoni (o arraffoni? Non conosco il giusto significato) viene alla ribalta la vera capacità del popolo casamassimese. Forza Casamassima, liberiamoci dai padroni ladri e spregiudicati! Cambiamo le regole e mandiamo in esilio i politici ladri!
Commissario, risolva adesso il problema pedonale dei ponti Auchan, hanno già ammazzato una povera donna!
 
 
#7 Marco -Collodi- 2014-10-02 14:13
E' una battaglia che non avremmo vinto senza il cuore di genitori attenti e incalzanti che hanno dato tutto ....e senza la concretezza di chi con la politica non c'entra nulla...vanno ringraziate queste persone e lo staff commissariale che ha dato priorità assoluta al tema scuola. Il resto sono chiacchiere da bar fatte da chi non ha mai letto un'ordinanza, una perizia, una determina...
 
 
#6 interessi 2014-10-02 13:00
Secondo me prima c'erano tutti i presupposti per una speculazione. Con il commissario ci sono voluti solo 3500euro...
 
 
#5 Riflessivo 2014-10-02 10:21
Ma chi ha detto che la Ciari stava crollando? Forse gli ex Amministratori avevano fatto personalmente una perizia? Ed erano esperti per farlo?
O forse è stato qualcun altro "più esperto" che ha sparato nel mucchio le solite bufale prima che il prof. Colapietro facesse la perizia e il solito Birardi che parte in quarta senza pensare ha ripetuto come un pappagallo?
 
 
#4 Genitore 2014-10-02 10:20
Commissario a vita!!!
 
 
#3 poveri noi 2014-10-02 10:12
La gestione della COSA PUBBLICA è solo questione di "sfere",rispetto,autorità e sopratutto idee, purtroppo la democrazia sfociante in anarchia dei nostri dirigenti portano ad altro.
 
 
#2 X 2014-10-01 22:50
Ci voleva il commissario prefettizio per risolvere la questione della Ciari W Casamassima
 
 
#1 Lauras 2014-10-01 22:34
Assurdo che si sia lasciati entrare i nostri figli dall'ingresso principale quando la perizia negava la possibilità di farlo..
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI