Giovedì 23 Novembre 2017
   
Text Size

CHIUSURA VIA ROMA: IL NO DEI COMMERCIANTI

via roma oggi 2014

Non toccate via Roma. E, soprattutto, non chiudetela al traffico, alla circolazione, e alla sosta di veicoli e mezzi. È questa la richiesta lanciata dai commercianti di una delle principali arterie cittadine (almeno fino a qualche anno fa), che assieme ad altri esercenti delle vicine corso Garibaldi e anche piazza Aldo Moro hanno inviato una lettera all'amministrazione per chiedere chiarimenti a riguardo. In questo documento, protocollato in Comune il 18 luglio scorso e indirizzato al sindaco Mimmo Birardi, all'assessore ai lavori pubblici Paolo Montanaro, e a quello alle attività produttive, Gino Petroni, i negozianti (ben 17) hanno espresso la loro preoccupazione e il loro timore per l'eventualità che la via possa essere resa interamente pedonale e chiusa al traffico, con conseguente danno per gli esercizi commerciali che potrebbero vedere diminuire drasticamente la loro clientela. Via Roma intanto, forse proprio nell'ottica di una possibile e definitiva chiusura al traffico, dopo i lavori di ripavimentazione durati un mese resterà ancora chiusa ai veicoli e alla sosta per tutto agosto. Ufficialmente per permettere al basolato di stabilizzarsi, ma non è esclusa l'ipotesi che la decisione serva anche a valutare la situazione in vista di una scelta definitiva a riguardo. Intanto, però, la posizione degli esercenti di via Roma, ma anche di corso Garibaldi e in parte di piazza Moro è chiarissima. “Esprimiamo il nostro timore comune – hanno scritto infatti gli esercenti nella lettera inviata a sindaco e assessori – per il fatto che i rappresentanti del governo cittadino possano chiudere definitivamente la strada al traffico, così come già anticipato dal sindaco. In seguito a contatti informali avuti nei giorni scorsi, è emersa una certa discordanza d'intenti da parte dell'attuale amministrazione circa le sorti della viabilità, della segnaletica e della fruibilità di via Roma e corso Garibaldi. Per questo invitiamo tutti gli assessori e i consiglieri comunali a considerare la situazione, già di estremo disagio, in cui versano le nostre attività a causa del momento economico che si sta vivendo. Chiudere la strada al traffico – hanno proseguito i sottoscrittori del documento – significherebbe allontanare ulteriormente la clientela dal centro. La crescente decentralizzazione, infatti, richiede e richiederà ancora di più l'uso dell'auto per raggiungere anche le attività commerciali di via Roma e corso Garibaldi. Vogliamo inoltre sottolineare che, al momento, nel centro non ci sono realtà economiche in grado di attirare notevoli flussi di clienti, ma piccole realtà, alcune presenti da quasi cinquant'anni, che già sono chiamate a fare i conti con la grande distribuzione. Altre invece, più giovani, stanno cercando a fatica di farsi strada. Pertanto chiediamo all'amministrazione – hanno concluso gli oltre 15 responsabili di attività commerciali – di prendere in seria considerazione le sorti della vita economica della strada. Una strada in cui, senza tanto clamore, tutti i giorni lavoriamo e viviamo. Esponiamo queste nostre osservazioni certi del fatto che non rimarranno inascoltate”.

via roma una volta 5

A queste voci si aggiunge anche quella di un altro esercente, Francesco Pastore, la cui attività, uno studio per uomo per acconciature, non si trova direttamente in via Roma, ma nell'atrio interno che collega la stessa strada a piazza Moro. “Prima di pensare a rendere pedonale via Roma – ha spiegato Pastore – i nostri amministratori dovrebbero forse considerare il fatto che in questo modo ci chiuderebbero in un 'carcere', isolando le nostre attività e rendendo più problematico raggiungerle ai nostri clienti. Se sindaco, assessori o consiglieri avessero un negozio nella strada penserebbero di interdirla al passaggio e alla sosta delle auto? Il mio invito è quello di valutare attentamente la situazione, prima di prendere decisioni che potrebbero penalizzarci pesantemente”.

La lettera protocollata in Comune dai titolari delle varie attività è del 18 luglio scorso. E al momento in cui andiamo in stampa non ci risulta che ai commercianti sia ancora arrivata risposta alle loro domande. I loro timori, pertanto, al momento rimangono. Vedremo come andrà a finire.

Commenti  

 
#12 il paese dei balocch 2014-08-14 11:59
x post 11, architetto sicuramente lei sa meglio di me, perchè è un grande amico del dirigente dell'uffioc tecnico, quanti problemi, in questo periodo, si hanno per il rilascio di un qualsiasi permesso, alla luce di cio chi ècosi pazzo da aprire un'attività a Casamassima. le faccio un esempio pratico, dopo la delibera per l'apertura di attività nel centro strorico, vorrei sapere quante attività si sono aperte?
 
 
#11 arch.A_P 2014-08-09 09:23
La presenza di auto in sosta come riferito da qualcuno non ha certo fatto aumentare o progredire le attività aperte in via Roma. Avete notato quanti LOCASI ci sono ? I negozi devono rinnovarsi sia nel look e sia nell'offerta. Pretendere di vendere sempre le stesse cose e negli stessi negozi è cosa diversa rispetto alla chiusura o apertura dei negozi. Quando si svolgeva il mercato giornaliero e settimanale anche in via Roma la strada era chiusa al traffico dalle 6,00 di mattina alle 14,00 di pomeriggio, oltre che in tutte le feste e manifestazioni, era proprio il commercio che attirava la gente non il parcheggio , oggi basta riproporre manifestazioni e commercio anche alternativo e la situazione cambierà per il prossimo futuro. Ieri ed oggi con il traffico oltre il 60% dei locali a piano terra sono chiusi , proviamo ad invertire la rotta.Le auto in sosta non producono reddito a meno che non si pensi ad un parchimetro, le auto in transito con fermata temporanea 10 minuti, a pagamento minimo simbolico 20 centesimi e durante le ore lavorative potrebbe essere una soluzione.
 
 
#10 Xqualinegozi? 2014-08-08 15:20
Ma voi li avete visti i negozi in questione.Vendono prodotti *, con tutto in disordine, sporcizia e un ammasso di robe varie manco i ferrivecchi! Sono entrata un mese fa, dopo anni che non ci passavo, ne sono rimasta schifata! L'ufficio d'igiene perche' non fa un controllino? E i bidoni maleodoranti? La pescheria a cielo aperto? Bisognerebbe murarla quella strada e non fatla vedere a nessuno! Sembra il ghetto!
 
 
#9 Mi scusi!!!! 2014-08-08 08:52
La strada è gia sporchissima......ieri sera lo attraversata x la 1 volta...ed ho trovato macchie di olio di macchine....gomme d amasticxare già annerite ecc. ecc!!!! Siamo gente da 4#mondo!!!!!
 
 
#8 Pengopingo 2014-08-07 12:57
C'è un mondo là fuori che ha imparato a farsi portare la spesa a domicilio senza doversi mettere in macchina. C'è un mondo là fuori che attira la propria clientela con nei propri esercizi differenziando l'offerta, non offrendo parcheggi in tripla fila che fa bene al commerciante ma male alla cittadinanza. Se la gente non viene più nei vostri negozi non è colpa della crisi o del parcheggio....la colpa è nel fatto che non avete niente di meglio da offrire rispetto agli altri. Questo è progresso. E si dice che l'uomo è un animale evolutivo che Sa adattarsi alle esigenze, ma se fosse per Casamassima e alcuni casamassimesi ci saremmo fermati alla scimmia....perché tanto le banane ci bastano. Un vecchio adagio recitava:la fame aguzza l'ingegno....da noi la fame aguzza le lamentele. Ma da quelle non si campa.
 
 
#7 dis-piaciuto 2014-08-06 19:08
Propongo un drive-in a via Roma.
Tutti in auto mentre la salumeria offre un panino, il bar una bibita, il fotografo vi fà una foto e il fruttivendolo una carota dove dico io.
Alla fine tutti a Monacelle per una mostra itinerante (di auto in auto)per poi vedere un film o ballare a suon di autoradio a tutto volume. ( musiche della Bari bene)
 
 
#6 Giulio 2014-08-06 14:18
E no dottor Elefante, venga a vedere il corteo storico o il carnevale o la rottura ...della pignata a Casamassima. Mezza Italia inonda le strade del paese!
Se poi ritiene farsi un giro sul corso, rimarrà allibito dalla tanta bella gente che lo frequenta.
E noi casamassimesi ne siamo fieri.
 
 
#5 Mi scusi!!!! 2014-08-06 10:13
Bisogna pensare di fare la spesa...o farsi tagliare i capelli direttamente in macchina!!!! Mà sciatavìn!!!!!
 
 
#4 Biagio Elefante 2014-08-05 19:32
LA FOLLIA DISTRUTTIVA DELLE ISOLE PEDONALI.. NEL DESERTO
generalmente è un pallino dei bellimbusti della falsa sinistra, di quelli che invece di partire dalle esigenze e dalle persone reali, partono da astratte idee, spesso copiate da altre realtà e messegli in mano da qualche funzionario interessato(come ad esempio quella dei cento pannelli, o dei pedibus) o mosse dal fine di favorire un amico che vuole interamente occupare una strada coi tavoli, come avvenuto a Turi e denunciato in questi giorni alla procura.
Questi apprendisti politicanti, che pare non manchino nemmeno nella (falsa direi) destra casamassimese pretendono di importare in comuni come Turi o casamassima, del tutto privi di attrattive turistiche stabili(c'è più gente di Casamassima ad Auchain che su quello che era una volto il corso di casamassima)l'isola pedonale di Polignano, creata ad uso ed a partire dal presupposto delle tremila persone che d'estate la popolano, da anni, a fronte delle 50-150 persone che in quel periodo popolano i nostri centri.
La follia di questi distruttori dell'economia e desertificatori dei nostri centri, applauditi solo da qualche esaltato che pretende di fare dell'isola pedonale una pista ciclistica per qualche "ragazzino" cresciuto molto di gambe ma poco di cervello in procinto di capovolgere qualcuno dei pochi che vi si intrattengono,o da qualche inebriata di falso animalismo desiderosa di mettere in mostra il proprio cane in un salotto centrale,sono arrivati a teorizzare che creando un chilometro di isola pedonale la gente non andrà più fuori paese!
E deve restare in centro ad ammirare loro amministratori frustrati che fanno casa e bottega dinanzi al municipio!!!
 
 
#3 asas 2014-08-05 17:57
I commercianti del centro si lamentano, ma sanno dell' esistenza delle bici e delle gambe per andare a fare la spesa? Spero che lo chiudano così la gente smetterà di andare a comprare il pane sotto casa con l' auto.
 
 
#2 asas 2014-08-05 17:53
Immagino già quella pietra bianca dopo il passaggio delle automobili e le gomme da masticare gettate dagli "animali" incivili.
 
 
#1 dis-piaciuto 2014-08-05 14:34
Le foto pubblicate dimostrano che quando via roma non era aperta al traffico si svolgeva il mercato e la strada era piena di gente, anche come luogo di incontro e scambio di opinioni e pettegolezzi.
Le foto smentiscono il no alla chiusura.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI