Lunedì 20 Novembre 2017
   
Text Size

L'HAPPY-MANIA CONTAGIA ANCHE CASAMASSIMA

happy casamassima 1

Lo avranno notato tutti, davvero difficile il contrario. Da qualche settimana si è scatenata una vera e propria Happy-mania. In ogni angolo del pianeta migliaia di persone stanno caricando e visualizzando sui social network remake del video del singolo di Pharrell Williams 'Happy', brano che ha raggiunto record di vendite e scalato le classifiche in tutto il mondo. Se su Youtube si cerca un video di 'Happy' si trovano circa 10milioni di risposte, cifra da moltiplicare poi per un numero di visualizzazioni praticamente incalcolabile.

 

A dare il via a questo fenomeno musicale e danzante pare sia stato lo stesso cantante, musicista e produttore Usa, quando a marzo ha annunciato una partnership con la United Nations Foundation per celebrare la ricorrenza annuale della Giornata internazionale della felicità, prevista per martedì 20 marzo. In quell'occasione Pharrell Williams non aveva solo invitato il mondo intero ad attivarsi e a contribuire alla raccolta di fondi da devolvere a favore delle associazioni umanitarie, ma aveva incoraggiato tutti i suoi fan a realizzare, postare e pubblicare su YouTube i propri filmati incentrati sulla felicità, ispirandosi al videoclip 'Happy'.

 

Ma la lunga onda di successo dell'iniziativa si è propagata ben oltre la ricorrenza della Giornata internazionale della felicità e difatti sta dilagando dappertutto: città, paesi, intere comunità, gruppi di amici, colleghi di lavoro, team sportivi, tutti si stanno cimentando in dance mob e flash mob sulle note di 'Happy' per farne video e per 'postarli' orgogliosamente su Youtube e Facebook.

 

È da questa onda di felicità condivisa che trae origine anche uno dei video realizzati a Casamassima di 'Happy'. Promosso dal profilo Facebook 'Amo Casamassima' e realizzato da Nicola Pastore e Nicola Magaletti, ideatori e curatori della piattaforma virtuale, assieme a Vincenzo Susca, a pochi giorni di distanza dalla sua pubblicazione ha già sfiorato le mille condivisioni, per non parlare dei numerosissimi commenti, per positivi o negativi che siano.

 

"Il video è dedicato a chi ha origini casamassimesi e per motivi di lavoro o di famiglia è dovuto emigrare all'estero", ha spiegato Nicola Pastore, che ne ha curato la parte logistica. "Lo abbiamo pubblicato volutamente su Facebook - ha poi asserito - perché potessimo sentirlo nostro e dei nostri circa 3000 amici. In questi giorni andrà anche su Youtube e sarà di tutti coloro che vorranno guardarlo". È proprio a Nicola Pastore che abbiamo chiesto di svelarci qualche retroscena sulla creazione di quella che definisce una simpatica 'cartolina' di Casamassima.

Chi ha avuto l'idea di replicare l'esperienza mondiale di 'Happy' a Casamassima?

"Il video 'Happy Casamassima' è nato per gioco. Un'amica ha postato sul nostro profilo quello realizzato a Bari chiedendoci di fare lo stesso per Casamassima. Inizialmente eravamo indecisi perché sapevamo che le difficoltà non sarebbero mancate. Solo che poi a chiedercelo sono diventati in tanti e ad un certo punto abbiamo smesso di esitare. Tutto, comunque, è stato possibile grazie alla pazienza ed alla maestria del regista del video Nicola Magaletti".

Che risultato?

"Basta guardare il video. Riteniamo di aver fatto un buon lavoro. Pochi effetti e molto cuore. Il nostro intento non era strabiliare gli spettatori ma creare un'emozione. Come abbiamo affermato mentre raccoglievamo le adesioni, il nostro video sarebbe stato il più bello di tutti perché avrebbe visto protagonisti i casamassimesi e questo per noi è fantastico. È l'unica cosa che conta davvero".

Quali dunque gli obiettivi legati alla sua realizzazione?

"Abbiamo deciso di farlo ma a modo nostro. Volevamo fosse una 'cartolina' di Casamassima, rivolta soprattutto a chi da tanti anni è lontano dal nostro paese, a chi ci segue da altre nazioni, a chi giornalmente ci ringrazia e stimola a proseguire su questa strada".

Quale messaggio sperate giunga ai cittadini, per vicini o lontani che siano?

"Quasi senza volerlo si è concretizzata una simpatica combinazione. Il video ritrae bambini e anziani, giovani a cui vien facile ballare e professionisti seri nel proprio lavoro ma capaci di mettersi in gioco per il nostro scopo con una simpatia unica. L'intervento delle Signorine di Cristo Re è stato il primo da noi registrato. Serviva per capire se l'intero video potesse funzionare. Dopo la loro meravigliosa esibizione, tutto il resto è venuto naturale. Il medico, i farmacisti, il dirigente scolastico, le docenti, la funzionaria del Comune, gli artisti della televisione, le associazioni del territorio (culturali, di danza, di volontariato, sportive, religiose), gli artigiani, gli agenti immobiliari, gli imprenditori, gli studenti, le casalinghe, gli impiegati, per citare solo alcune categorie - non vorremmo dimenticare nessuno - hanno collaborato per la buona riuscita di questa impresa. In pratica il video racchiude più di 40 interventi, tutti molto 'happy'. Leggevo proprio poco fa il commento di un'amica che ci ha scritto dal Canada dicendo che grazie al video si è sentita per qualche minuto a Casamassima, suo paese natio. Insomma, dentro di noi qualcosa ci dice: perfetto, missione compiuta. Abbiamo accorciato, anche se per pochi minuti, ore e km di lontananza".


Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI