Giovedì 23 Novembre 2017
   
Text Size

MEDIA SUCCURSALE CHIUSA DA UNA SETTIMANA

vignetta scuola media inagibilita

La scuola media succursale Dante Alighieri di via Francesco Lapenna è chiusa da una settimana. E i ragazzi che abitualmente svolgono al suo interno l'attività didattica, in questo periodo stanno seguendo le lezioni nelle classi della media centrale di via Giacomo Leopardi, andando a scuola al pomeriggio dopo che le aule sono state lasciate libere dai loro amici che invece stanno proseguendo regolarmente i loro studi alla centrale la mattina, secondo il calendario tradizionale. A determinare questa situazione, come già abbiamo fatto presente ai nostri lettori una settimana fa, un problema alla scala di emergenza esterna del plesso della succursale, che i vigili del fuoco, al termine di un recente sopralluogo, hanno dichiarato inagibile e comunque bisognosa di interventi urgenti. Interventi in attesa dei quali la preside dell'istituto, Francesca Santolla, ha deciso di chiudere il plesso scolastico di via Lapenna per ragioni di sicurezza e secondo quello che è stato – come confermato ai nostri taccuini anche dall'assessore alla pubblica istruzione, Franco Reginella – non un provvedimento di tipo discrezionale, bensì un atto dovuto da parte della dirigente scolastica. Nel frattempo il Comune – come chiarito anche sette giorni fa da Reginella – sta già provvedendo a sistemare questa situazione, attraverso lo stanziamento, già deciso da tempo, di 30.000 euro che andranno a finanziare la messa in sicurezza della scala.

Ma intanto, in attesa che si risolva definitivamente il problema, i giovani studenti della succursale stanno andando a scuola il pomeriggio, seguendo i doppi turni e alternandosi, come detto, con i compagni che vanno abitualmente tra i banchi nelle aule della scuola media centrale la mattina. Con tutti i disagi che la cosa comporta per loro e per le loro famiglie. Ma questo problema, come spiegato dallo stesso assessore alla pubblica istruzione, non dovrebbe ancora protrarsi a lungo. “Sappiamo benissimo – ha osservato proprio Franco Reginella a riguardo – che dover andare in aula al pomeriggio non è proprio la cosa più piacevole per i ragazzi, così come non è la cosa più comoda per i loro genitori. Ma adesso, con la collaborazione della preside Santolla, e di tutti gli organi preposti, stiamo cercando di trovare la via migliore da seguire per uscire al più presto da questa situazione. La preside, quando ha disposto la chiusura del plesso della succursale – ha continuato Reginella – non ha fatto altro che ciò che doveva fare. E questo perché, dopo che i vigili del fuoco hanno rilevato delle criticità alla scala esterna della scuola, la dirigente scolastica non ha fatto altro che assumere una decisione che altro non è stata se non un atto dovuto. Come ho avuto modo di dire già in precedenza, magari la dirigente avrebbe potuto avvisare noi dell'amministrazione di quel che stava accadendo prima di disporre la chiusura dell'istituto, ma per il resto non ha fatto né più né meno di quel che andava fatto. Per quel che riguarda la scala, invece, già da tempo abbiamo disposto la sua sistemazione, ma adesso non serve guardare al passato, ma pensare a porre rimedio a questo stato di cose. E da questo punto di vista sia noi, sia la preside, ma anche Regione e Provincia stanno facendo, ognuno per quel che è di competenza, la propria parte. Con la preside Santolla, del resto – ha aggiunto ancora Reginella – c'è un buon rapporto, ma al di là di questo ciò che preme a me come assessore interessa a lei come rappresentante dell'istituzione scolastica, cioè il fatto che gli studenti vadano a scuola al più presto secondo l'orario solito e nelle loro classi. Già dopo Pasqua potrebbero tornare in aula alla succursale, stiamo lavorando per questo, ma se così non dovesse essere di certo presto andranno a scuola la mattina, in luoghi che stiamo valutando come possibili soluzioni assieme alla preside, ma anche alla dirigente scolastica del Majorana di Bari, l'istituto alberghiero del quale la nostra scuola superiore è ormai sede aggregata. Con la collaborazione di quest'ultima, stiamo già vagliando l'eventualità che anche aule della nuova superiore possano essere momentaneamente utilizzate dai giovani studenti della succursale, e a tal proposito abbiamo già avanzato una richiesta ufficiale alla Provincia, l'ente proprietario dell'immobile di via Cellamare. Ripeto, stiamo operando per superare tutte le difficoltà presentatesi negli ultimi giorni, in assoluta condivisione e animati dall'unico intento comune di permettere ai nostri ragazzi di andare a scuola sereni e di metterli nelle condizioni di rendere al meglio”.

[da La voce del paese del 12 aprile 2014]

Commenti  

 
#16 giancarlo 2014-04-30 18:42
io leggo cose assurde. si sta distorcendo il vero problema che è la chiusura della scuola. il problema ora è diventato della ditta che ha eseguito i lavori ?, il collaudo se è stato fatto e chi l'ha fatto ?, la vecchia amministrazione ha la colpa ?. allora dico se l'assessore era una persona di coscienza, quando si è insediato sulla poltrona di assessore avrebbe preso in mano la situazione e si doveva dar da fare già da allora visto che dice che sapeva il problema di quella scala e non che sa dare solo la colpa alla vecchia amministrazione. E HIDD CIA' FATT SIN E MO' ? da quanti anni amministra la dx ? penso non sia un mese o due. quindi ripeto ancora una volta che ammiro la preside che ha preso la decisione di chiudere la scuola perchè evidentemente stanca del verso della cornacchia " A CRA' A CRA' " io so da 2 anni che è inagibile perchè mio figlio ha iniziato 2 anni fa e si sono fatti comunicati al sindaco. il risultato quale è stato ? quello che la preside ha chiuso la scuola. ahhhhhhhhh mia nonna aveva ragione a dire c la vocc foss com o * sa quand ciss rigness. traduco ( se la bocca fosse come il c....o sai quandi wc riempisse) da buon intenditore poche parole.
 
 
#15 rocco 2014-04-30 10:01
giustamente come dice #14 fidel castro #
...non solo chi ha realizzato la scala ma chi ha collaudato quella scala!!! che dite? esiste un doc. di agibilità? che dite? attendo risposta...
grazie
 
 
#14 fidel castro 2014-04-25 08:24
scusate ma si può sapere chi è la ditta che ha realizzato la scala ? oppure è un mistero casamassimese anche questo ? la ditta dovrebbe eseguire i lavori a regola d'arte seguendo i criteri previsti dalle leggi o sbaglio ??
 
 
#13 chiarello 2014-04-24 21:27
perchè non avete pubblicato interamente il mio commento. Mi riferisco al termine *. La scala * realizzata dall'Amministrazione precedente in difformità alle leggi. Vi ringrazio se sarà pubblicato integralmente.
 
 
#12 rocco 2014-04-23 13:01
se MAI l'anno scolastico 2014/2015 inizierà con la succursale non ancora agibile, G I U R O che non mando mio figlio a scuola !!!!E vi assicuro che come me la pensano MOLTI genitori !!!quindi....
 
 
#11 GENITORE DOC 2014-04-22 18:57
E' vero ha ragione GENITORE, dopo la protesta e i cartelloni, in mattinata il grande "geometra Carelli" (no consigliere) era a scuola con il dirigente dell'U.T. e l'idraulico. E' stato lui a far togliere i cartelloni. Speriamo che ci sia l'impegno di spesa per i lavori già fatti???? Boooo
 
 
#10 genitore 2014-04-22 13:50
Mentre Loro si contemplano nelle loro discussioni,e perdono tempo in chiacchiere, noi genitori alziamo la voce, facciamoci sentire come hanno fatto in un' altra scuola cittadina con tanto di manifesti per l' inagibilità dei bagni; il problema è stato risolto in giornata. (A proposito, la scuola era l'elementare di via Bari, il II C.D. "Gianni Rodari".....
 
 
#9 giancarlo 2014-04-19 18:12
Sig. Chiarello l'amministarzione di destra cosa ha FATTO ? è brava solo a dire quelli prima mentre loro sapevano da ben 2 anni e più forse di quella scala inagibile, E RIPETO QUELLA SCALA SERVE PER EVECUARE IN CASO DI PERICOLI "TERREMOTI O EVENTI TALI" DA POTER LASCIARE IMMEDIATAMENTE LA STRUTTURA. Come ho scritto nell' altro articolo precedente io ammiro la preside, anche se ha preso troppo tardi la decisione di chiudere la succursale per motivi di SICUREZZA, perchè l'unica responsabile del plesso scolastico, mentre gli altri intorno "TUTTA L'AMMMINISTRAZIONE" se ne * altamente. Tanto è di attualità farsi belli con il fondo........... degli altri, poi quando succedono disgrazie si rimbalzano la palla. W L'ITALIA
 
 
#8 chiarello 2014-04-19 08:46
Forse non avete capito che la scuola è chiusa perchè l'amministrazione di sinistra precedente ha realizzato una scala *. Assurdo un' Amministrazione che realizza opere *. Questa era la legalità che regnava nel paese.
 
 
#7 giancarlo 2014-04-18 16:04
In sintesi il mio commento era:Facevo i complimenti alla redazione che ha addolcito l'articolo rispetto al precedente salvaguardando l'assessore.
 
 
#6 redazione. 2014-04-18 11:34
#4
Giancarlo ma di quale commento parla??
 
 
#5 giancarlo 2014-04-18 10:03
Redazione grazie per non aver pubblicato il mio commento, perchè troppo scomodo forse. Suggerisco alla Sig.ra Maria che si di leggere la notizia pubblicata qualche giorno fa e rileggere meglio anche questo articolo su questo sito, perchè la decisione della preside di chiudere è stata presa in seguito al'inagibilità della scala esterna (che dovrebbe essere usata per evacuare in caso di pericolo). buona giornata
 
 
#4 Mary 2014-04-17 22:25
Il fatto che gli operatori scolastici non ne hanno il tempo e' una grandissima cavolata xche' i ragazzi della succursale quando entrAno alle 13,30 trovano gli spazi puliti,i problemi sono altri e cioe' impegni presi dalle famiglie x attivita' extrascoladtiche dei figli,la mancanza di concentrazione per tutti,(non dimentichiamoci dei ragazzi di 3 media) che devono agfrontare gli esami e poi con l'arrivo della bella stagione e il caldo la poca volonta' di seguire(gia' poca in inverno),immaginiamo d'estate,io dico ai genitori ATTIVATEVI e non dormite sugli allori!!!
 
 
#3 redazione. 2014-04-17 11:53
#2
Gentile Mary,
se la pazienza di leggere tutto si accorgerà che l'articolo è stato pubblicato sull'edizione cartacea di sabato scorso, e in ogni caso, sin dal 5 aprile, ne davamo notizia.
Saluti.
 
 
#2 Mary 2014-04-17 10:08
La scuola e' chiusa dal 2 aprile, e non da 1 settimana!!!e penso rimarra' chiusa ancora per molto!!!!
 
 
#1 maria 2014-04-17 06:58
Stiamo operando, stiamo valutando, stiamo pensando.......bla bla bla.Intanto il disagio lo stanno vivendo le famiglie e i ragazzi, lo stanno verificando e vivendo praticamente loro invece dall 'altra parte ,come giustamente vuole la nostra politica" Contemplano le idee".Mentre, la preside come per magia -solo perché lei lo può fare-la settimana scorsa ha riaperto la sede succursale , per permettere agli alunni e professori la visione di una rappresentazione teatrale, senza preoccuparsi della sicurezza o insicurezza dell'edificio e tantomeno della incolumità dei nostri ragazzi e professori.Mi sorge una domanda:A che gioco stanno giocando? I nostri assessori e signora .preside riescono solo per un attimo a mettersi nei panni (parola troppo grossa e di intenso significato , per capirla ,purtroppo non è alla portata di tutti) dei cittadini utenti e capire i loro bisogni, a me non pare! E mentre loro si perdono o dilettano in monologhi , gli alunni sono costretti a respirare aria consumata e a svolgere le lezioni in aule non pulite, perché gli operatori scolastici non ne hanno il tempo! Grazie Casamassima.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI