Giovedì 23 Novembre 2017
   
Text Size

RANDAGISMO: DI NUOVO IMPAURITI

canirandagi

Ci risiamo. Dopo l'allarme sollevato qualche tempo fa da alcuni nostri lettori e da alcuni frequentatori del web, che avevano anche postato su internet immagini di cani liberi di girovagare di notte, senza controllo, in alcune delle strade del nostro centro abitato, adesso il fenomeno del randagismo è tornato a ripresentarsi. Assieme a numerose segnalazioni giunte ai nostri taccuini da parte di cittadini impauriti o preoccupati dal fatto che branchi di cani siano tornati a farsi vedere andare a spasso indisturbati per le vie del paese, soprattutto dopo il calar del sole. Branchi la cui collocazione diurna non è facile da stabilire, per la verità, e che con ogni probabilità potrebbero vivere nelle campagne fuori dal centro abitato, di giorno, per poi avvicinarsi al paese e alle case nel cuore della notte.

Fatto sta che il fenomeno, che riguarda la nostra Casamassima ma che non è sconosciuto anche in altre cittadine vicine, sta creando disagi a diversi residenti del nostro paese. “Non molto tempo fa – osserva a riguardo un papà che abita qui a Casamassima – mia figlia, che passeggiava a piedi nei pressi della rotonda che sorge in fondo a via Pier Paolo Pasolini, è stata avvicinata da un nutrito gruppo di cani randagi, che l'ha quasi circondata. L'episodio, che per fortuna si è risolto senza danni per lei, l'ha comunque molto spaventata, anche in considerazione del fatto che si è verificato in un orario in cui la gente è ancora in giro, non certo nel cuore della notte. E qualche giorno dopo il mio gatto non è stato sbranato, sempre da un branco di randagi, soltanto perché ci siamo accorti dai latrati insistenti che qualcosa non andava, siamo giunti in suo soccorso e siamo riusciti a far allontanare gli animali a quattro zampe. Ora mi chiedo: cosa si può fare per risolvere questo problema? Dobbiamo aspettare che qualcosa vada storto e che qualcuno si faccia male seriamente prima di intervenire per contrastare il fenomeno del randagismo? E si può fare realmente qualcosa di serio o siamo condannati a vivere tutti nella paura di poter essere azzannati per strada da un momento all'altro?” “Siamo arrivati al punto – osserva invece un altro nostro concittadino – che la sera ci dobbiamo guardare intorno anche quando usciamo a gettar via l'immondizia. E questo per evitare di essere avvicinati da cani che imperversano senza controllo lungo le strade vicine alle nostre case. Questo è un grosso problema che non può e non deve essere sottovalutato. Segnalazioni analoghe a queste ci sono arrivate anche da residenti in via Acquaviva, Noicattaro, Conversano, Adelfia e da persone che sono transitate lungo la nuova circonvallazione.

Il comandante della polizia municipale Ivano Eramo, intanto, ha fatto sapere ai nostri taccuini che “attualmente nel canile di Cassano, che accoglie i randagi provenienti non solo dal nostro paese ma anche da altri centri del circondario, sono custoditi 68 cani senza padrone, catturati nel solo territorio casamassimese. Al momento – ha spiegato sempre il comandante – non c'è ulteriore disponibilità. Il nostro Comune nel 2013 ha investito 30mila euro per garantire a questi animali ricovero e assistenza nelle strutture allo scopo adibite, e ha inoltre fatto una convenzione con la Lega nazionale per la difesa del cane e la Lav (la lega antivivisezione, ndr) al fine di dar vita a censimento, microcippatura, servizio di pronto soccorso e sterilizzazione dei cani randagi e, dallo scorso anno appunto, anche dei gatti senza padrone. E poi il Comune ha anche vinto un bando regionale per la sterilizzazione dei cani padronali. Sebbene il fenomeno del randagismo ci sia e non sia da sottovalutare, l'ente municipale ha già dato inizio a una serie di iniziative finalizzate alla sicurezza dei cittadini e degli stessi randagi. Gli episodi degli ultimi tempi sono alla nostra attenzione, ma obiettivamente non è semplice capire dove si nascondano questi branchi che di giorno non frequentano il paese, per poi raggiungerlo di notte. In ogni caso, per fronteggiare anche gli ultimi eventi, sono già in contatto con i volontari della Lav e con l'assessore competente in materia, Michele Bovino. Il problema lo conosciamo e stiamo già facendo tutto il possibile per arginarlo e risolverlo”.

“Le iniziative che l'assessorato da me guidato ha messo in piedi assieme alla polizia municipale per cercare di porre fine, nel rispetto degli animali, al fenomeno del randagismo, sono tante. Adesso il canile sanitario di Putignano ci ha fatto sapere di aver sospeso il servizio di cattura e cura dei randagi, ma stiamo facendo tutto ciò che possiamo per gestire nel migliore dei modi questa situazione. Gli appelli dei cittadini non ci lasciano affatto indifferenti, e anche per quel che riguarda la sterilizzazione dei cani padronali, oltre che dei gatti e dei cani randagi, abbiamo fatto tanto. Ma non ci fermiamo qui. Ora metteremo in campo, nei limiti del possibile, nuove iniziative. Perché la sicurezza delle persone, e anche la cura degli stessi animali, per noi non rappresentano degli aspetti da trascurare”.

[da La voce del paese del 22 marzo 2014]

Commenti  

 
#17 Cacciatore 2014-04-08 00:00
Armiamoci di scacciacani e risolviamo il problema.
Più difficile "scacciare" i nostri amministratori!
 
 
#16 mmm 2014-04-07 15:46
Ma il Comune non potrebbe incaricare un cacciatore qualificato di abbatterli tutti? Si può fare? Così si risolve subito il problema.
 
 
#15 Nemesi 2014-04-06 14:59
Basterebbe finanziare le associazioni e i volontari che già si occupano di cani e gatti nel nostro paese. Si potrebbero tranquillamente sterilizzare e vaccinare questi cani che potrebbero essere adottati anche in altri paesi limitrofi. La gente con la volontà c'è manca solo la collaborazione dei nostri cari politici.
 
 
#14 Neos 2014-04-06 13:19
@politicamente deluso:
la penso come lei.
Purtroppo il randagismo c'è, c'era e forse esisterà sempre perché non c'è MAI la buona volontà di farlo scomparire.
Basterebbero dirottare i soldi gettati al vento (chi e quanti ci hanno mangiato sopra?) tipo quegli inutili dossi artificiali costruiti di recente... tra pochi anni faranno la stessa fine di quelli di via Pietà e di altri, ve lo assicuro io.
Massimo rispetto anche per la volontaria, però mettere il cibo per i cani davanti ai cassonetti, per quanto lodevole, ha molte controindicazioni: li si abitua al cibo degli uomini e quindi alla loro presenza e quando in quel cibo qualche vigliacco infilerà delle polpette avvelenate vedrete che cattive sorprese ci ritroveremo la mattina, il cibo lasciato dai cani (è pasta avanzata, di solito, o scarti di carne)costituisce fonte preziosa per i topi, infine sarebbe più utile mettere croccantini ma non pasta alimentare per uso umano.
Sì, il rimedio è triplice: sterilizzazione in massa, microchippatura degli animali e un canile tutto nostro retto da volontari.
Debelleremmo il randagismo nel giro di manco 5 anni, al massimo in futuro capiterebbe qualche randagio dei comuni limitrofi o nulla più.
Tra cinque anni, invece, vedremo tutti assieme in che condizioni saranno gli attuali nuovi dissuasori stradali...
Ma non si farà nulla, è come per l'automobile non rubabile o il telefonino non rubabile. Si potrebbero costruire, ma NON lo si vuole fare sul serio.
 
 
#13 Pazzo 2014-04-05 15:32
Stefania mettiti lo vicino a casa tua il cibo ... Forse non sai che già i bidoni non dovrebbero esserci più ..perché sono anti igenici ... Figurati gli avanzi belle piazzole ....
È veto che casamassima è veramente il paese dei pazzi !!!
Poveri noi ...
 
 
#12 Pazzo 2014-04-05 15:29
Ornella avvicinati tu !!
Tu non sei a posto ...
Fidati ...
Te lo dice un pazzo ....
 
 
#11 Pazzo 2014-04-05 15:27
Pazzesco !!!!!!
Oggi via Pasolini ore 13.00 erano 10 cani ... Li circola gente a piedi e vicino c'è il mercato !!!!
Ho chiamato i vigili e non rispondono ....... Ho scritto all'ufficio urp e non risponde nessuno !!!!!! AIUTOOOOOOOOO il paese fantasma !!!!
Carissimo durbans e montanaro mi auguro che vi troviate voi o qualcuno dei vostri faccia a faccia con un bel gruppo di cani ... Chissà vi svegliate !!!
 
 
#10 abcdefg 2014-04-04 22:09
Moc a r can e ci e
 
 
#9 comandante 2014-04-04 14:06
per il comandante dei vigili urbani: uscite di notte e vedrete da dove provengono, invece di dormire su sette cuscini, sveglia e lavorate un po che non vi fa male.
 
 
#8 politicamente deluso 2014-04-04 13:04
Amo gli animali, nutro per loro un profondo rispetto. Sicuramente sono migliori di tanti esseri umani, indegni di appartenere alla categoria. Detto questo, bisogna ammettere che il problema del randagismo esiste ed è serio. L'amministrazione deve prendere immediati provvedimenti!!!!!! prima che accada l'inevitabile. Quella del canile e della registrazione è l'unica soluzione accettabile. Sono sicuro che i volontari o tutti coloro che amano gli animali, sarebbero ben felici di occuparsi di loro.
 
 
#7 aaaaa 2014-04-04 09:59
Purtroppo l'Italia oramai sembra dividersi in amanti di cani e non ma credetemi non è così. Tutte le persone che ho conosciuto non possono assolutamente non amare questi animali che purtuttavia creano una serie di inconvenienti e dei costi alla comunità. In realtà sarebbe necessario multare ogni persona che ha un cane non registrato ed il problema si risolverebbe velocemente. Tutti registrerebbero il loro cane, metterebbero il microchip, non potrebbero più abbandonarlo...
quelli che sono esistenti e randagi deve adesso farsi carico il Comune di posizionarli in un canile e registrarli. Naturalmente tutti gli amanti del forum che vorranno riscattarli gratis lo potranno fare. Problema risolto. Attenzione !!! La stessa procedura deve essere fatta per ogni animale domestico.
 
 
#6 volontaria 2014-04-03 16:58
abbiamo sterilizzato tanti cani e tanti cani sono stati abbandonati ancora purtroppo sono state sterilizzate solo le femmine quindi di conseguenza i maschi in calore si spostano dove cè la femmina non sterilizzata , non fanno del male a nessuno io ci porto anche le mie figlie si può fare tanto anche aprire un canile visto che cè questa necessità ma purtroppo ci mettono i bastoni fra le ruote le leggi ci vuole troppo tempo
 
 
#5 analfabeta 2014-04-03 16:27
vicino ai bidoni mettete da mangiare cosi il gruppo aumenta - e tutti i cittadini la sra stanno in casa tranquilli a vedere la TV - Quindi il paese di giorno diventa dei cittadini di notte dei volontari e dei cani randagi. Va bene cosi' rispondo alla volontaria. Quelle bestie se non sono sterilizzate tra cinque sei mesi diventeranno il doppio cara volontaria. La notte perché non fate la ronda e vedete da dove provengono solo cosi si puo' aiutare la cittadinanza e le povere bestiole.
 
 
#4 mmm 2014-04-03 15:37
una signora è stata aggredita ed atterrata su via cimitero. Vi immagino lo spavento e le lievi ferite riportate. Che dobbiamo aspettare? Se vi piacciono tanto, portateveli in casa vostra.
 
 
#3 stefy 2014-04-03 15:16
I cani non danno fastidio a nessuno. si avvicinano in paese per cercare cibo. sono assolutamente tranquilli. Il problema sono le persone, e la loro intolleranza. Anzichè continuare a lamentarsi, perchè non lasciare vicino ai bidoni del cibo avanzato, in modo che queste creature possano sfamarsi??? Ladciateli in pace.
 
 
#2 ornella 2014-04-03 15:04
Conosco benissimo questi gruppi di cani randagi...posso solo dirvi che si avvicinano al paese di notte solo x cerca di cibo...in questi casi vicino i bidoni dell immondizia..non fanno del male..anzi...scappano al minimo movimento...date del pane vecchio ,avanzi...loro nn vogliono farci niente...solo fame...potevamo essere noi al loro posto...state tranquilli...magari bisogna sistemare questo problema...ma nn abbiate paura xke si avvicinano anche solo x conoscenza...un saluto da una volontaria del paese x i cani randagi affamati...
 
 
#1 figurati!!! 2014-04-03 12:13
Il problema e'veramente serio in barba a quelli ke sostengono ke le povere bestie sono innocue. Chiacchiere al vento...e delle persone devi avere paura figuriamoci di questi cani disperati e incartiviti a causa della fame
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI