Giovedì 23 Novembre 2017
   
Text Size

CONFERENZA DI SERVIZI: SOSPESA E RINVIATA

donato capacchione

Era stata annunciata come un passaggio simbolico di trasparenza amministrativa, e così è stato. Talmente trasparente che la Regione Puglia – tra le righe – avrebbe suggerito al Comune di congelare la conferenza di servizi convocata per ieri, venerdì 31 gennaio, e rimandare gli atti da discutere in sede di conferenza alle sedi appropriate, cioè Commissione costituita ad hoc e il consiglio comunale. È stata dunque rinviata a data da destinarsi la succitata conferenza di servizi, convocata dal responsabile dell’Ufficio tecnico comunale, Donato Capacchione, e avente per oggetto “La realizzazione di una scuola elementare di 5 classi, di una caserma dei carabinieri e di una piastra commerciale a un livello fuori terra, attraverso una proposta di programma integrato da realizzare nella maglia S18 del piano regolatore comunale delimitata da via Noicattaro, via Verga e via Pirandello”. Capacchione aveva convocato la conferenza anche ai sensi dell’art. 15 della legge regionale 20 del 2001, “Norme generali di governo e uso del territorio”. Norma di legge chiave che inibirebbe, tuttavia, lo svolgimento della conferenza perché l’art. 15 di questa legge (Piani urbanistici esecutivi, Pue) prevedrebbe – al comma 2 – il chiaro riferimento al Pue appunto, che Casamassima (come riferito molte settimane fa) non ha mai adottato. A Casamassima, come i lettori più attenti ricorderanno, manca anche il Pug, il Piano urbanistico generale, sul quale ci eravamo soffermati abbondantemente – proprio insieme a Capacchione – perché Casamassima è ferma al Prg, il Piano regolatore del 2001. Nulla di fatto dunque, tutto da rifare. Alla conferenza, ieri mattina, si sarebbero presentati in pochi: la Regione – con una nota a firma dell’ing. Lucia Di Lauro – aveva fatto sapere che non avrebbe preso parte al consesso e che altresì “si tiene a informare codesto Comune che, nel caso di realizzazione di opere di edilizia scolastica (scuola elementare), la deliberazione di approvazione del progetto non potrà essere adottata se non previa dichiarazione di idoneità dell’area rilasciata dalla Commissione prevista dall’art. 6 comma 5 della legge regionale 13/01, che dovrà esprimersi in composizione di collegio perfetto”. La Commissione deve essere costituita dal dirigente del Comune interessato, o suo delegato, che la presiede; dal dirigente dell'Assessorato regionale ai lavori pubblici, o suo delegato; dal dirigente dell'Assessorato provinciale interessato, limitatamente alle opere di edilizia scolastica di competenza provinciale; dal coordinatore medico della Asl competente per territorio, o suo delegato.

Sui dubbi di legittimità della convocazione della conferenza, nei giorni scorsi, aveva chiesto chiarimenti la consigliera di Sel Nica Lilli: “Con la presente – era scritto nell’atto – si richiede al responsabile dell’Ufficio tecnico di Casamassima, architetto Donato Capacchione, quale tipo di procedura è stata adottata per la convocazione in oggetto, che sia conforme alla legislazione vigente, atteso che il Comune di Casamassima, dotato di Prg, è regolamentato dalla L.R. 56/80”; inoltre se vi fosse una “delibera dell’amministrazione relativa alla promozione di variante al Prg inerente l’oggetto della conferenza che abiliti l’accesso alla procedura in oggetto; il parere di regolarità tecnica in merito all’intervento proposto, parere propedeutico, alla procedura adottata”, e infine la “relazione di verifica della sussistenza degli standars minimi di destinazione scolastica, per il Prg, in considerazione della sottrazione di specifici standars procurati dalla proposta d’intervento”.

Ora la discussione – riaperta – dovrà essere rilanciata all’interno della maggioranza ed eventualmente in consiglio comunale e messa poi ai voti.

[da La voce del paese del 1° febbario 2014]

Commenti  

 
#30 Donato ce 2014-02-17 07:27
Siccome si tratta di incarico fiduciario e non di un tecnico che ha vinto un REGOLARE concorso, ma a Casamassima non ci sono tecnici bravi che possano sostituire l'Architetto che ha dimostrato sul campo tutta la sua *?
 
 
#29 Terry 2014-02-14 17:05
Chissà se prima o poi toccherà anche a noi avere degli inquisiti.
Sarebbe davvero una vergogna!
 
 
#28 # joe 2014-02-13 21:32
# 27, Ruvo di Puglia e non Grumo!
 
 
#27 Sistola A. 2014-02-13 14:36
Conte Ugolino e metalmeccanico, a Grumo inquisiti due Sindaci e oltre 90 tra consiglieri e dipendenti del comune per abusi edilizi, forse bisognerà spostare le denunce al tribunale di Trani?
È possibile?
A Bari c'è tanto di quel lavoro che...
 
 
#26 Conte Ugolino 2014-02-12 22:04
#24 Metalmeccanico, sono sempre io, Ugolino. Non volevo consigliare di evitare di denunciare le situazioni che creano benefici illeciti o danni ingiusti. Volevo soltanto avvisare che è un po' più costoso ed un po' più impegnativo. Yes we can!
 
 
#25 conte ugolino 2014-02-12 20:26
Caro #24 Metalmeccanico, denunciare a Casamassima ed ottenere riscontri oggettivi, non è cosa facile.
Io sono un esperto in denunce, tanto che potrei fare il ministro di Giustizia (senza Grazia) con un governo del tipo "Grillo" (non sono un grillino). Ma ti assicuro che prima di accettare l'incarico imporrei al governo di cambiare registro nell'azione giudiziaria e soprattutto imporrei l'uso di gente "dichiaratamente" esperta nell'espletamento delle indagini. Un saluto da chi ne sa più di te.....
 
 
#24 Metalmeccanico 2014-02-12 01:04
Recepisco dai commenti che si susseguono su questo argomento gli interessi che vari tecnici possano avere a riguardo e non capisco come ancora oggi c'è gente che voglia rischiare altre denunce per ventilati abusi edilizi. Il coraggio lo infonde una parte di magistratura lenta e inefficace, l'insabbiatore professionista oppure il pseudo condono? (Sic!)
E tecnici forestieri prestanome, sentito mai parlare?
Avendo esercitatato nella mia vita tutt'altra attività, ma curioso di conoscere il mondo in tutte le sue sfaccettature, chiedo tanto se qualcuno fosse disposto ad acculturarmi in materia?
Personalmente credo nell'onestà dei nostri tecnici amministratori e che mai avrebbero abusato del territorio che sono tenuti per legge a salvaguardare, figuriamoci se poi abbiano mai chiesto un condono!!!
Se poi qualcuno sa, che faccia pure i nomi, non credo possa subire querele se i fatti sono agli atti.
Ciao e grazie.
 
 
#23 Grillo parlante 2014-02-11 18:09
Le costruzioni come Dico e stazione di carburante Q8 (quest'ultima figlia di una previsione poco ortodossa ma pur prevista in PRG), non le ha autorizzate l'architetto Capacchione. Non c'era. Ma vi assicuro che dalla Di Lauro in poi (31/1/2014), nemmeno una cuccia per cani, la giungla casamassimese la farebbe autorizzare se non dopo una perfetta verifica degli standard urbanistici che il nostro bravo architetto dovrà fare. Trasparenza prima di ogni cosa.... qui qualcuno, "purtroppo", si occupa del rispetto delle norme. I potenti farebbero bene a pensionarsi in anticipo. Se sono ancora giovani, cambino mestiere, abbiamo GRILLO alle porte! Vi ricordate quando (anni '70) si diceva "la Cina è vicina?" : bene, oggi in Italia ci sono già le scuole dove si insegna il cinese!. A Casamassima il prossimo sindaco sarà un grillino ed a Roma ci saranno quelli che voi chiamate extra comunitari. Una cena da Tiffany contro un caffè? Io sono pronto
 
 
#22 Virgilio 2014-02-11 17:23
a #20 Rispettosamente
Non impedir lo suo fatale andare:
Vuolsi così colà dove si puote
ciò che si vuole, e più non dimandare »
(Inf V 22-24)
 
 
#21 Cittadino 2014-02-11 16:39
Illustrissimo capo del servizio tecnico, oltre a pensare ai piatti fumanti che l’aspettano a casa,
il popolo di casamassima Le chiede di verificare con accuratezza che gli edifici da realizzare, rispettino quanto programmato nello strumento urbanistico generale ed evitare che si possano costruzioni come Dico e stazioni di carburante Q8, ovvero costruzioni non espressamente previste dal prg di casamassima.
L’architetto capo del servizio tecnico, dovrebbe quindi verificare il rispetto delle destinazioni previste nel piano urbanistico generale, e quindi se la destinazione è istituto scolastico, non vengano realizzate pensile metalliche per distributori di carburante o capannoni per centri commerciali.
Chiediamo anche all’architetto Capacchione per le nuove costruzioni, il rispetto delle norme edilizie e regolamenti edilizi, e in particolare delle distanze dalle strade presenti e da realizzare e la larghezza delle stesse, evitando spiacevoli incomprensioni e distrazioni verificatosi ad esempio nell’edificio della centrale elettrica delle ferrovie sud est di casamassima, approvato recentemente dallo stesso ufficio tecnico di casamassima.
Auguriamo buon lavoro all’architetto Capacchione.
 
 
#20 Rispettosamente 2014-02-11 13:43
Mi viene un dubbio: ma l'architetto Capacchione e' un tecnico, quindi un burocrate che lavora in silenzio, oppure un politico che esterna, esterna, esterna .......e non conclude nulla!
 
 
#19 Sig.Zorro 2014-02-11 09:34
Sig. Capacchione, verifica gli standard urbanistici e smetti di fare polemiche! Se uno o più cittadini ti chiedono opere di trasparenza senza passare dover dal TAR o dalla PROCURA DELLA REPUBBLICA (vedi dalla stampa: abusi edilizi a Casamassima), renditi disponibile e non perdere tempo sul blog a discapito delle "scarole" che si raffreddano. Come ti è capitato ieri sera. Sei lì al servizio di tutti, come d'altro canto lo è il tuo dante causa. Un saluto e tanti auguri sig. Capacchione
 
 
#18 Malpais - Costa Rica 2014-02-11 08:44
Facciamo un passo verso la trasparenza individuando tutte quelle opere, diciamo.... a caso 8) , autorizzate sul territorio comunale e vediamo quali sono stati (o saranno) i professionisti incaricati nel loro ambito. Questa operazione, molto semplice, forse ci consentirà, almeno di orientare meglio i consensi elettorali. Tanto, per il povero cittadino comune. Per il cittadino o forestiero non comune servirà per conoscere quali sono i professionisti più bravi sul territorio.
 
 
#17 redazione. 2014-02-11 00:19
#15
Gli atti pubblici relativi alla conferenza sono richiedibili: l'ufficio tecnico ha già riferito che sono disponibili.
Il progetto non è in nostro possesso, per ora non possiamo fornire tale informazione.

#16
Facciamo quello che possiamo, come possiamo, quando possiamo.
Saluti.
 
 
#16 Malpensante 2014-02-10 23:12
Le notizie devono essere immediate e chiare, il tempo le rende...ombrate e adattate.
Saluti.
 
 
#15 Tecnico paesano 2014-02-10 22:38
Egregia redazione siamo curiosi di sapere dei possibili rapporti professionali che alcuni tecnici consiglieri potrebbero avere ai citati progetti che saranno di natura pubblica e privata.
Vorremmo sapere se il contributo dei tecnici consiglieri potrebbe essere riferito alla sola partecipazione amministrativa o potrebbero esserci altri interessi legati alla progettazione, direzione lavori, ecc.
Tale eventualità anche se legalmente ineccepibile, sarebbe interessante se la cittadinanza ne venisse a conoscenza.
La trasparenza degli atti amministrativi è garanzia di democrazia!
 
 
#14 redazione. 2014-02-10 20:22
#12: PG

No si allarmi, la chiarezza viene man mano che gli argomenti vengono sviscerati.
La conferenza di servizi è stata convocata per valutare un progetto proposto da un privato (soggetto diverso dal pubblico).
Detto questo, noi non siamo in possesso del progetto, ma abbiamo pubblicato integralmente la convocazione della conferenza di servizi diverse settimane fa per opera della trasparenza (la stessa convocazione era pubblicata all'albo pretorio del Comune) del citato ufficio tecnico.

#13
Abbiamo già detto che torneremo sulla vicenda questa settimana mettendo mano agli atti e riportando le notizie rinvenienti dentro gli stessi. Che, notorio, sono spesso scritti in gergo tecnico.
A tal proposito, il responsabile dell'ufficio tecnico, come in altre occasioni ha mostrato di fare, potrebbe spiegarci in termini più semplici qualcosa che non dovessimo comprendere - data la vastità del tema - per evitare il pressapochismo informativo.
Sempre cari saluti.
 
 
#13 Donato Capacchione 2014-02-10 20:11
Egr. Redazione,
nonostante il desco reclami la mia presenza, tengo a sottolineare che, anche se ipoteticamente , potrebbe aver errato nella interpretazione della lettera dell'ing. Di Lauro, responsabile del Settore Sismico della Regione Puglia? Missiva di cui ha estrapolato una parte dal contesto specifico.
Rispetto il suo lavoro teso alla informazione scevra da personalismi, ma è ipotizzabile, anche se lontanamente, una "sua" lettura che potrebbe contrastare da una diversa?
Ossequiandola la saluto distintamente.
 
 
#12 P. G. 2014-02-10 19:50
Gentile redazione, di quale progetto del privato parla?
Credo che informare e con trasparenza i suoi lettori significhi esporre e per esteso le informazioni.
Dal suo commento pare che Capacchione abbia qualche scheletro nell'armadio!!!
Forse, come qualcuno commentava, Capacchione riapre vecchie piaghe?
Chiarezza signori, chiarezza e solamente chiarezza!!!
 
 
#11 Donato Capacchione 2014-02-10 19:49
Gentile signor Dino,
i "proponenti" sono i proprietari o colui il quale "propone, che presenta qlco. a qlcu. affinché venga accettato, approvato" ( cfr. Sabatini).
L'eufemismo adottato come " visione" è l'ambito normativo di riferimento che nella fattispecie attiene alla L. R 56/80, L.R. 20 /2001 e L.179/92 ( forse impropria) .
Il termine "omissione" si riferisce, al contrario, alla "obbligatorietà" dell'iter che si chiedeva di attivare, che avrebbe potuto innescare procedure, a garanzia del privato proponente, di censura verso l'ufficio.
La ringrazio del suo intervento ma vorrei che dubbi, timori, incertezze, scetticismi ed (estremizzando) diffidenze, siano fugati.
Grazie... ma perdonatemi, sono tornato ora da Casamassima, ed un fumante piatto di verdure "scarola" mi aspetta!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI