Domenica 16 Dicembre 2018
   
Text Size

SCONGIURATO L'ALLARME IDROGEOLOGICO

aserc

Le previsioni per il 30 novembre e il 1° dicembre avevano allarmato i cittadini facendo scattare l'allerta meteo in tutta Italia come anche in Puglia, dove la zona in cui si prevedeva la maggiore ondata di maltempo era quella dell'Alta Murgia. Difatti nella notte tra sabato e domenica anche a Casamassima ha piovuto davvero tanto. In dodici ore di pioggia battente le strade si sono allagate, anche per via dei tombini otturati, ma fortunatamente la situazione che si è registrata non ha destato troppe preoccupazioni.

Rocco Campanella, presidente dell'Aserc, Paolo Palmieri, vicepresidente, e Stefano Acito, tesoriere, tutti membri del direttivo dell'associazione di volontariato, spiegano come hanno affrontato una situazione che avrebbe potuto presentare delle evidenti criticità. "Siamo stati allertati dal Servizio di Protezione civile della Regione Puglia, mentre la Polizia municipale è stata avvisata sia dalla Regione Puglia che dalla Prefettura", riferiscono. "Nella giornata di domenica, poi, le nostre attività si sono intensificate - proseguono - con richieste di monitoraggio delle zone a ridosso delle Lame e della Murgia a causa della segnalazione di innalzamento dei corsi d'acqua".

Lo scopo di tali interventi pare fosse quello di segnalare eventuali situazioni di pericolo dovute, ovviamente, alle piogge. Coadiuvando la Polizia municipale, l'Aserc ha effettuato tre controlli necessari a verificare l'abbondanza e il deflusso dell'acqua. "Il rischio relativo a questo allarme comunque è scongiurato - sottolineano - anche perché, diversamente da quanto indicato dalle previsioni che prevedevano abbondanti piogge e forti raffiche di vento, non siamo stati coinvolti direttamente dalla perturbazione".

Inoltre non essendoci nella nostra zona corsi d'acqua attivi se non le lame, vecchi fiumi prosciugatisi che si attivano solo in caso di precipitazioni di una certa consistenza, non corriamo notevoli rischi come altri territori, anche se negli anni passati l'attivazione delle lame è un fenomeno che si è effettivamente registrato a causa dell'ostruzione prodotta lungo i corsi d'acqua dalla vegetazione incolta e, ciò che è peggio, da coltivazioni poste troppo a ridosso delle lame.

"Non si possono fare previsioni per i prossimi mesi", avverte sempre il direttivo dell'Aserc, considerando soprattutto il tempo variabile e il clima rigido che si sta registrando in questo primo sprazzo d'inverno. Certo bisognerà capire come l'amministrazione comunale vorrà affrontare il sostanziale rischio di neve che si corre quest'anno e come in tal caso si procederà per lo spargimento di sale per le strade, se con i mezzi della Protezione civile o con appalti affidati a ditte esterne, come già avvenuto in passato sia per la neve che per le erbacce presenti nelle aree periferiche del paese.

[da La voce del paese del 7 dicembre 2013]

Commenti  

 
#7 darwin 2014-01-04 06:45
rischio idrologico ??? non sapevo che il po passava da casamassima...!!!
 
 
#6 la verità 2013-12-22 12:35
siete *, solo spreco
 
 
#5 ACAB 2013-12-18 21:52
La polizia municipale!? Recatevi al comando c/o il bar italia! :P
 
 
#4 Volontariato ? 2013-12-18 18:11
La presenza e l’impegno dell'A.S.E.R.C. sul territorio è cosa evidente e continua, questo è un dato di fatto evidente e inoppugnabile. Ma nel 2013 credere che tutto questo VOLONTARIATO sia fatto solo per il bene del prossimo ed in maniera gratuita e disinteressata, viene veramente difficile da credere. Allora chi paga il lavoro di questa schiera di persone in continua crescita (dalla foto sembrano almeno 20 unità, occhio e croce)e sempre più dislocate sul territorio ? Oppure dobbiamo credere che questi angeli custodi sono impegnati per tutto il giorno solo per un altissimo senso civico e morale ! Rinnovo la gratitudine per il loro servizio "gratuito" e propongo una medaglia al valore civile, anzi alla protezione civile.
 
 
#3 cittadino 2013-12-18 15:28
al signor comandante del vigili urbani signor Eramo e' bello fare i vigili all'auchan venga a far multe in via della pietratonda ove e' un via vai 24 ore su 24 di persone che portano i loro cani a pascolare meglio dire defecare non in campagna ma davanti alle abitazioni sui marciapiedi se cosi si possono chiamare qui la tarsu la paghiamo anche noi oltre alla discarica che si assiste ogni giorno a cielo aperto di ogni genere nella campagna di fronte , avete i paraocchi o qui siamo cittadini di serie b?....
 
 
#2 Papipapipapichulo 2013-12-18 14:12
Allarme idrogeologico scongiurato!
Adesso mano alle palette, e tutti a fare il lavoro dei vigili urbani alle rotonde dell'auchan!
Il Magg. Gen. Avv. Dott. Ing. Eramo comanda, Aserc protezionecivilepoliziamunicipaleom* ubbidisce!
 
 
#1 Un cittadino 2013-12-18 13:53
Grazie ragazzi, sappiamo di poter contare su di Voi e solamente su di Voi!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI