Domenica 09 Dicembre 2018
   
Text Size

MENSE SCOLASTICHE, ALLA RODARI MENU COI FIOCCHI

daddabbo

Pasta in brodo, merluzzo, scamorza, ma anche orecchiette alla pugliese, lasagne, gnocchi al pomodoro fresco, straccetti di vitello, prosciutto cotto e persino la purea di fave con pasta. Oltre a pasta e fagioli, riso e lenticchie, scaloppine di maiale al limone e la frutta fresca di stagione, solo per citare alcune delle pietanze in tavola. Un menù da leccarsi i baffi, quello della mensa delle scuole del secondo circolo didattico Gianni Rodari (che comprende la scuola elementare di via Bari, ma anche gli asili Carlo Collodi e Bruno Ciari). Il servizio, attivo dallo scorso 1° ottobre, interessa – nell'ambito degli istituti guidati dal dirigente Giancarlo D'Addabbo (la prossima settimana interpelleremo sull'argomento anche il dirigente del primo circolo didattico Guglielmo Marconi) – 16 classi dell'elementare Rodari, 9 della Collodi e 4 della Ciari. Alla scuola primaria, per esempio, 5 classi, quelle che fanno il tempo pieno, usufruiscono quotidianamente della mensa, mentre altre 11 si alternano nel pranzare a scuola, a seconda dei vari giorni. In media, sono 8 le classi dell'elementare che ogni giorno restano a tavola negli spazi della scuola.

Ma come è stato organizzato il servizio?

“I bimbi le cui famiglie hanno deciso di fargli utilizzare la mensa – spiega il dirigente D'Addabbo – sono stati dotati di un apposito cartellino identificativo, che i giovani alunni devono portare attaccato allo zaino. Quando la mattina varcano l'ingresso della scuola, un apparecchio, la cui gestione è affidata alla ditta che fornisce il servizio, rileva la loro presenza nell'istituto di istruzione quel giorno, e quindi la loro necessità di mangiare a mensa. A quel punto, una volta conteggiati tutti gli alunni che poi si dovranno sedere a tavola, il loro numero viene comunicato – sempre ad opera di chi gestisce l'apparecchio di rilevazione delle presenze a scuola - alla ditta incaricata di preparare i pasti, in modo che poi tutti possano pranzare regolarmente. La scuola, sebbene ne abbia fatto richiesta, al momento non ha nessun controllo sul sistema di rilevazione delle presenze e dei relativi dati. Il 26 settembre scorso è stato l'assessore Franco Reginella a spiegare ai genitori come avrebbe funzionato la mensa che – a meno di inconvenienti al momento non prevedibili – dovrebbe rimanere attiva, secondo questa organizzazione, fino alla fine dell'anno scolastico in corso”.

Ma in base a quale criterio è stata fatta la scelta del menu?

“Gli alimenti da far mangiare ai nostri alunni – prosegue D'Addabbo – non sono frutto di una scelta casuale. I menu di ognuno dei giorni in cui è attiva la mensa sono stati indicati dalla nutrizionista Teresa Loiacono e poi approvati in via definitiva dal responsabile del servizio igiene alimenti e nutrizione dell'Asl, Giuseppe Albergo”.

Dunque, nulla è stato lasciato al caso. I menu infine, che vengono portati sulle tavole della mensa scolastica tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, variano di settimana in settimana. Il secondo mercoledì del mese, per esempio, non si mangiano le stesse pietanze del mercoledì precedente o di quello successivo, garantendo una certa varietà. La prossima settimana ascolteremo sull'argomento anche il dirigente del primo circolo didattico cittadino, il Guglielmo Marconi.

rodari menu mensa

[da La voce del paese del 19 ottobre 2013]

Commenti  

 
#1 Anonimo 2013-10-28 15:33
Con tutto quel ben di DIO, da buon comunista e sopratutto da buon cristiano, trovi la maniera da riservare, almeno per un giorno la settimana, un buon pasto caldo a chi ne ha bisogno!
Grazie Professore, Lei non manca certo di iniziative e risaputa è la Sua signorilità!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI