Domenica 16 Dicembre 2018
   
Text Size

SABATO INCONTRO SULLA LAMA IN AULA CONSILIARE

casamassima palazzo comunale

Tutti i casamassimesi storici, quando sentono la parola Marcedd, sanno benissimo di cosa si sta parlando. Se fosse possibile proiettare i loro pensieri si vedrebbero delle immagini così emozionanti, legati all’adolescenza, che farebbe scendere una lacrima a chiunque. Siatene certi! Incomprensibilmente, passata quell’epoca, Marcedd passa nell’area dei ricordi, abbandonata alle speculazioni che hanno arricchito qualche famiglia ma che hanno impoverito una comunità, e c’è anche chi in quel posto ci gioca alla guerra. Date un’occhiata da google earth e sulla nostra zona si vedrà un serpentello verde. O ciò che rimane. Si vede una traccia, a volte ben visibile, a volte da intuire, che nasce da Gioia del Colle e finisce a San Giorgio. Nel 2007 ho partecipato ad una iniziativa nel tratto di Rutigliano, Vallone Guidotti. Si trattava della piantumazione simbolica di un carrubo dedicato a Renata Fonte*, donna/simbolo per il suo impegno verso la tutela dell’ambiente. Quel giorno c’era l’Ass. Losappio, allora responsabile all’ambiente, e Notificatore di un percorso che stava portando alla istituzione del Parco Lama San Giorgio. Fu la che conobbi la Lama San Giorgio, e capii perché i casamassimesi erano così legati ai loro ricordi adolescenziali. Solo per non esagerare con i sentimenti, vi lascio intuire invece, che misera fine fece quel carrubo appena piantumato a futura memoria e la targa con dedica. A quale scopo, poi? Ecco, questo è un quadro poco edificante di come sia stata trattata la Lsg, e di come si intenda perseguire verso la via della distruzione…..o no? Scusate la confusione, ma provo a chiarirvi la questione. Quel posto tanto caro agli adolescenti di tutti i comuni delle Lsg (chissà perché poi non più), fu consegnato alla decisione degli “Enti Supremi”, che stabiliscono le sorti di qualunque cosa fottendosene altamente delle comunità, a privilegio degli interessi di qualche amicone o qualche lobby. Ebbene quegli Enti supremi stabilirono che nella LSG, dovessero sversarsi tutti i reflui derivanti dai depuratori di alcuni comuni. Dall’altra parte il processo verso l’istituzione del Parco naturale ha continuato il suo percorso che ha chiuso il suo primo ciclo, nel luglio scorso con l’ultima conferenza dei servizi. Per riassumere diremo che avremo un Parco naturale in cui confluiranno i liquidi derivanti da alcuni depuratori. Niente male come quadro. Fotografa perfettamente il quadro generale sociale e politico locale nazionale ed internazionale. La vita e la morte in un gioco delle parti, il cui risultato dipenderà dalla intelligenza dei protagonisti. E non certo del più forte!

Per questo motivo è stato organizzato un incontro pubblico con l’ambizione di creare un unico luogo di discussione che metta insieme le diverse contrapposizioni dei soggetti interessati alla sopravvivenza e valorizzazione della Lsg. Infatti ci sono soggetti che intimano il non-sversamento nella Lama, e soggetti che intimano che la lama torni all’assolvimento del suo compito naturale, secondo loro quello di convogliatore delle acque. Fra questi, c’è anche chi dice: prima ancora di pensare dove disperdere i reflui, si faccia la cosa più giusta ma che principalmente si punti a recuperarla perché si tratta di un bene fondamentale per gli esseri viventi e per l’ambiente. L’acqua è una risorsa utilizzata dall’uomo in modo spregiudicato e irrazionale, sprecata in mille modi e che va gestita in modo più saggio, come suggeriscono alcuni scienziati alla Conferenza di Bonn. Poi viene tutto il resto. Tu che leggi, cosa pensi di tutto questo? Vieni a dire la tua sabato 19 ottobre, alle ore 16.30, presso l’Aula consiliare del Comune di Casamassima.

Michele Amoruso

Commenti  

 
#13 michele amoruso 2013-11-16 16:44
Gino e Mobile, mi contattate in privato su fb? vi contatterei io ma alla voce Gino e Mobile non ci sono indicazioni precise
 
 
#12 michele amoruso 2013-10-28 11:10
ciò che amareggia maggiormente è l'approccio di tanti, ad un argomento che offre più benefici che danni. ciò che svetta è l'autoreferenzialità. quello che conta è il proprio pensiero, quello degli altri non conta niente. in assoluto.
sabato 19 è stato proposto un tavolo che contenesse tutte le componenti sociali interessate alla LSG, ognuna con le sue proposte per metterle a confronto e arrivare ad un risultato concreto da portare in Regione. non solo chiacchiere, come qualche assurdo paranoico ha scritto su fb, (e non mi riferisco a nessuno degli interventi di questo blog)o addirittura, un inizio di campagna elettorale....stupidità liquida!!!
il risultato di arroccamenti sulle proprie convinzioni non vedrà altro che una infinita guerra fra poveri (alla quale non ci sottrarremo) che non porterà a niente se non al blocco ulteriore di una risorsa che in quanto tale, possa portare solo benefici ad un territorio che non offre molte peculiarità.
GIOVEDì 31 OTTOBRE ALLE ORE 19 ALLE OFFICINE UFO,è PREVISTO IL PRIMO INCONTRO DEL "TAVOLO PER LA LSG" . PRENDETELA COME UNA OCCASIONE UTILE PER FARE ACCETTARE ALLA REGIONE PUGLIA, UNA PROPOSTA PORTATA AVANTI DA CITTADINI E SUPPORTATA DALLE ISTITUZIONI LOCALI SE LO VORRANNO.il resto, stavolta è vero...sono solo chiacchiere...vacand
 
 
#11 vito cassano 2013-10-22 06:59
Sig. Manzari mi piacerebbe conoscere le ragioni che sostengono il suo no allo sversamento dell'acqua affinata in lama. Detto ciò, voglio sottolineare che noi cittadini possiamo semplicemente in questa o in altre circostanze (spero di poter partecipare all'incontro organizzato da Sel) esprimere i nostri anche diversificati pareri, ma spetta al Sindaco ed alla Giunta che da mesi sono in crisi prendere le decisioni di governo per superare l'illegale ed inigienico sversamento dei nostri liquami, tal quali, in falda in via Adelfia e a Barialto. Nel 2009 grazie all'azione di un gruppo di residenti siamo riusciti ad ottenere dall'allora amministrazione De Tommaso, l'asfalto, l'illuminazione ed i marciapiedi che mancavano, la successiva caduta dell'amministrazione ha interrotto la possibilità di risolvere gli altri problemi allora prospettati, ad esclusione dei “polmoni verdi” (attuale giunta) di cui uno collassato (parcheggio) e l'altro lobectomizzato (parte parcheggio, parte verde). Penso sia necessario riorganizzarsi per riprendere le rivendicazioni, personalmente sono disponibile.
 
 
#10 Gino 2013-10-21 20:14
X cassano.. stasera 21/10 c'è di nuovo cattivo odore nella zona di via adefia... siamo stufi, annoiati, demotivati e schifati di questa cosa, è una vergogna a cui si fa finta di niente..
la pazienza sta per esaurirsi.... DURBANS&COMPONY.. non vi mervaigliate se poi vengono commessi gesti eclatanti!!
BASTA CON QUESTA SITUAZIONE!!!!!
Mario Manzari non ti rendi conto di quello che dici.. taci per favore, e se proprio vuoi vieni a spalare un pò di * in via adelfia.. così fai un fetso concreto per la collettività!
 
 
#9 Mario Manzari 2013-10-21 17:42
Peppo... continui ad istigare una guerra fra poveri, anzichè prendertela sempre con me, abbi il coraggio di alzare la voce contro chi non ascolta e ascoltato i cittadini per risolvere il problema. Peppo, il male minore è come tapparsi il naso e accettare, non credi di essertelo tappato per troppo tempo quel naso? NO ALLO SVERSAMENTO IN FALDA
 
 
#8 Peppo 2013-10-21 13:05
Mario .. Noi ci siamo già confrontati .. Smetti la con questa farsa e vieni ad analizzare la * che scarichiamo in via adelfia .. Vedrai che bei risultati che usciranno ...
Tutto il tempo che state facendo perdere lo pagheremo prima o poi .. Non essere ipocrita meglio un male minore oggi che qualcosa che non sarà mai realizzato !!!
 
 
#7 Mario Manzari 2013-10-21 09:16
Sig. Cassano, le consiglio di non rendere assolute le considerazioni sugli effetti dei reflui di Sammichele in Lama. Le GARANTISCO che spesso il depuratore non funziona e altera tutti i valori e nel migliore dei casi esce acqua pulitissima carica di cloro. Ho fatto i prelievi per un laboratorio specializzato con le mie mani. Tutto il resto è condivisibile ma l'acqua in lama non deve andarci.
 
 
#6 Peppo 2013-10-20 23:14
È bravo Cassano ..
Stavolta mi hai convinto .. !! Visto la tua preparazione ed il tuo alto prestigio puoi fare in modo di accelerare affinché su chiuda questo schifoso svernamento in via adelfia e si applichi una delle soluzioni auspicate .. Soprattutto puoi ribadire al nostro ormai simpatico sindaco (nettiamolavdull'ironia ) di non fare comunella con quelli di rutigliano affinché non si attivi il depuratore ???
Grazie x la comprenzione e x quello che farai
 
 
#5 vito cassano 2013-10-19 10:51
2)In sostanza, è noto che le lame non sono altro che antichi fiumi sprofondati dato che il nostro territorio è molto carsico, quindi mi sembra assurdo accettare di sversare i liquami in falda come succede ora e non accettare che almeno vengano depurati. A questo aggiungo che recentemente la U.E. Ha stanziato fondi per l'ulteriore affinamento delle acque depurate e quindi sversare acque più pulite; La nostra Amministrazione ha fatto richiesta di questi fondi? Si perché non vi è dubbio che con l'acqua super-affinata, d'estate si potrebbero irrorare i campi, come fanno anche in altri paesi, tanto nella zona è già esistente una rete di distribuzione che potrebbe allo scopo essere utilizzata. Ma in inverno che fare di quest'acqua? O sversarla in lama (nella quale arriva comunque l'acqua piovana) o si potrebbe costruire un bell'invaso che la raccolga per poter essere disponibile nei periodi estivi! Altre soluzioni potrebbero essere la rigenerazione dell'intero percorso della lama che sfocia in Lama Giotta ovvero raccordarsi alla conduttura che da Noicattaro porta in Lama Giotta; infine costruire una nuova condotta che da Casamassima porti direttamente a mare (con la prevedibile opposizione dei CITTADINI baresi). La fito depurazione nel nostro caso viene sconsigliata da alcuni tecnici, in quanto (è stata fatta una sperimentazione ad Acquaviva) il terreno non risulterebbe idoneo. Naturalmente per ognuna di queste soluzioni vi è un costo ed un tempo di realizzazione, ecco perché credo sia necessario avviare una azione che in diverse fasi porti a superare l'attuale stato di cose. Da non dimenticare che vi è una zona (Barialto) a cui bisogna dare risposte sullo stesso problema. Ora, più che proporci domande a terzi, ci attenderemmo di sapere quale percorso propone il cittadino (onorevole) per risolvere questo problema e soprattutto a chi proporre le soluzioni individuate. Segnalo che il Partito democratico, con una presa di posizione pubblica del segretario Palmieri ha già fatto delle proposte concrete; se M5S dovesse valutarle fattibili, magari integrandole con proprie proposte tese a risolvere il problema, sicuramente si avrebbe più forza contrattuale a beneficio della collettività.
 
 
#4 vito cassano 2013-10-19 10:51
Poiché ritengo il tema molto importante e non potendo partecipare posto, di seguito, il mio pensiero in breve. L'interessante dibattito di qualche mese fa organizzato da Sel mise a confronto diverse opinioni, anche tecniche che mi hanno fatto maturare delle convinzioni. In quanto cittadino, data la complessità della questione, ritengo si debba tracciare un percorso, vista l'impossibilità di trovare un'unica soluzione. Partirei con l'assoluta esigenza di bloccare ogni ulteriore utilizzo dell'impianto di sedimentazione e sversamento dei nostri reflui in falda così come oggi avviene sulla via di Adelfia, sia per ragioni di ordine legislativo sia per tutela della salute, e non sottovalutando gli stomachevoli effluvi che di tanto in tanto invadono la zona rendendola invivibile. Dove sversare i liquami? Nell'impianto di depurazione già pronto (la cui positività della realizzazione spero sia riconosciuta alla giunta precedente), e attivabile in tempi brevi, secondo il progetto iniziale. Qualche mese fa, insieme ad altri tre amici, mi sono recato a visitare l'impianto di depurazione di Sammichele che già sversa nella Lama e vi dico che non solo non si avvertiva alcun odore, ma l'acqua depurata che veniva sversata appariva abbastanza pulita; fui sorpreso anche nel vedere gli uccellini abbeverarsi lungo il rigagnolo che si era formato. Questo mi ha convinto che il progetto di rinaturalizzazione previsto dalla regione avrebbe potuto essere di ausilio proprio al riconoscimento del parco, magari (in un secondo tempo ampliato nelle sue dimensioni).
 
 
#3 Mobile 2013-10-18 21:24
Tutti si spendono con fantastici commenti a favore di questa benedetta macchia .. Anche se così com'è non crea nessun valore aggiunto x il paese nessun posto si lavoro .. Nessun business .. Nessuna attrazione ..In altre parole è abbandonata a se stessa e ogni tanto qualcuno si va a fare una camminata qualcuno va a caccia di volatili .. e basta .. .. Il problema è che oltre al problema della centrale elettrica c'è il grosso problema del depuratore ... Dobbiamo risolvere il problema di via adelfia ... Io sono residente in questa zona e non ce la faccio più .. Non si può accertare una situazione del genere .. Fare gli ecologisti da un lato e accettare una mostruosa situazione illegale dall'altra .. Bisogna trovare una soluzione .. Spero che questi incontri possano portare ad una soluzione concreta e non le solite chiacchiere !!!
 
 
#2 Quesito 2013-10-18 15:50
Apprezziamo il gesto del nostro emerito primo cittadino e amministrazione per la disponibilità del l'aula consigliare, ma vorremmo sapere in caso di loro certa partecipazione, cosa e come dimostreranno il loro interesse a tutela di questo gioiello del nostro territorio.
Ci sarà solo un' esibizione o comparsa a fini di marketing e visibilità, oppure dimostreranno con fatti concreti la tutela del parco contro l'ecomostro centrale Enel a ridosso!! O fatti e documenti concreti e no
talk show.
Grazie
 
 
#1 michele amoruso 2013-10-18 15:13
La Lama San Giorgio/Marcedd, è una risorsa per il nostro territorio. valorizziamola e impariamo ad apprezzarla, con rispetto. c'è un progetto di istituzione di Parco naturale che aspetta da anni, mentre ci sono valanghe di reflui da depuratori in arrivo. l'acqua è una risorsa. non sprechiamola....e salveremo anche la nostra risorsa. non mancate
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI