Lunedì 10 Dicembre 2018
   
Text Size

RIFIUTI ZERO, IL BILANCIO DELLE ATTIVITÀ

nello de padova

Si è svolto lunedì scorso il 6° incontro mensile del Comitato Casamassima verso Rifiuti zero, una realtà che sta cercando di attuare anche a Casamassima 'Rifiuti zero', la campagna lanciata in America da Paul Connett e adottata per la prima volta in Italia dal comune di Capannori, in provincia di Lucca. Tale meccanismo, visto come un modo diverso e innovativo di concepire il rapporto con i rifiuti, si prefiggerebbe l'obiettivo di arrivare a modificare i comportamenti dei cittadini, nonché a spingere le imprese a cambiare i loro atteggiamenti, soprattutto in fase di produzione.

Il comitato, che costituisce un coordinamento a partecipazione libera di associazioni e cittadini che sostengono la strategia Rifiuti zero, al termine della riunione fa il punto della situazione sull'evoluzione del progetto su territorio casamassimese attraverso la testimonianza di Nello De Padova, da sempre uno dei suoi rappresentanti più attivamente votati alla causa.

Quali i contenuti di questo incontro?

"Abbiamo ripercorso i sei mesi trascorsi e ricordato le varie iniziative già organizzate, ad esempio Via dei rifiuti zero, realizzata a giugno e che verrà replicata il 15 settembre, in concomitanza con la Stramaxima, ma soprattutto abbiamo approfittato dell'occasione per confermare ciascuno la propria adesione al comitato. Finora a spiccare tra le associazioni c'è stata innanzitutto la Proloco, la prima organizzazione importante ad aver abbracciato l'iniziativa, oltre agli Scout, all'associazione Acca, alla nascente masseria sociale e da stasera anche le Officine Ufo che, pur non avendo dettagliato un impegno specifico, ha dato la sua adesione a questo progetto. Stiamo inoltre raccogliendo l'adesione di altri soggetti, tra cui in primis la scuola Rodari".

A questa riunione era presente anche l'assessore Bovino, come mai?

"Anche l'amministrazione ha aderito al comitato e stasera si è discusso dell'eventualità di procedere con una formalizzazione di tale adesione, cosa che si è già realizzata in altri territori, solitamente con atti di consiglio e conformemente alla strategia Rifiuti zero. Ovviamente questa adesione non consiste solo in un fatto formale, bensì sostanziale. Ho l'impressione che l'assessore Bovino abbia partecipato a questa riunione perché interessato a stringere rapporti con il comitato finalizzati a stabilire un contatto continuativo con questa realtà".

Uno degli ultimi episodi che dimostra il connubio creatosi proprio tra l'amministrazione e il comitato è rappresentato dalla proiezione a Monacelle del film documentario Trashed. In che modo i due soggetti hanno collaborato nell'evento?

"Il Comitato Casamassima verso Rifiuti zero si è fatto carico di tenere i contatti con il comitato nazionale per capire come ottenere il dvd che è stato affittato per l'occasione. Si è quindi occupato di tutta la parte burocratica, nonché dell'organizzazione fisica dell'evento stesso. L'amministrazione, invece, ha collaborato alla realizzazione dell'evento mettendo a disposizione lo spazio fisico ma soprattutto provvedendo al reperimento delle risorse monetarie necessarie per finanziarlo. Si tratta di 200 euro che sono stati spesi per il nolo del film. L'amministrazione però non ha preso questi fondi dal bilancio comunale, bensì dai fondi che la ditta incaricata alla raccolta dei rifiuti a Casamassima, l'Ecologica pugliese S.r.l., deve annualmente stanziare per iniziative di questo genere. L'evento di per sé, comunque, credo sia andato molto bene. Il fatto che la gente sia rimasta in nostra compagnia durante tutta la proiezione significa che ha sviluppato una spiccata sensibilità verso l'argomento trattato".

Quale quindi il bilancio di questo 6° incontro?

"Oggi ci siamo dati delle regole: alle riunioni, svolte sempre il secondo lunedì del mese, può partecipare chiunque, ma per avere diritto di parola è necessario frequentarne almeno tre. Ad ogni modo il comitato è presente anche su Facebook all'interno di una pagina che peraltro è visibile anche a chi non è iscritto al social network. Chi vuole esprimere il proprio contributo anche all'interno di quella pagina può farlo, così come può visualizzarne tutti i contenuti. Nel frattempo abbiamo pensato ad un evento che si svolgerà nel lungo termine e che al momento ha scadenza il giorno 31 dicembre 2015: Io mi impegno per. Ciascuno è invitato a scrivere su quella pagina cosa si impegna a fare per il comitato. L'idea consisterebbe nel creare sinergie e nell'innescare una sempre maggior cooperazione tra i vari soggetti".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI