Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

BIRARDI VINCE AI FORNELLI, TRA IMPASTI E RIMPASTI

birardi con emiliano

Straordinaria vittoria di Mimmo Birardi alla gustosa manifestazione ''Sindaci ai fornelli'' svoltasi a Capurso martedì scorso. I quattro sindaci che si sono sfidati ai fornelli nella preparazione di quattro ricette della cucina tipica locale erano Michele Emiliano di Bari, Vito Ottombrini di Ruvo di Puglia, Francesco Crudele di Capurso e Domenico Birardi di Casamassima.

Nell’esecuzione dei piatti i primi cittadini erano affiancati e aiutati da quattro autorevoli e pluripremiati chef/tutor: Cavatelli con le cozze per Emiliano e Giuseppe Panebianco, chef del Boscolo Hotel di Bari; orecchiette con i cardoncelli per Ottombrini e Michelangelo Sparapano, chef del Convivio di Ruvo e prefetto dell'Accademia Italiana Gastronomia Storica; spaghetti al tonno per Crudele e Giuseppe Palmisano, componente della Nazionale Italiana Cuochi e infine vermicelli alla San Giuannid per Birardi e Danilo Vita, appena eletto chef emergente del Sud Italia.

Ogni sindaco aveva poi una propria squadra rionale pronta a incitarlo con urli e tifi da stadio. Non è stato semplice per i sindaci in gara conquistare le preferenze, questa volta non dei cittadini con i programmi elettorali, ma dell’attenta e severa giuria di esperti composta da giornalisti del settore enogastronomico. Accanto a questi anche una giuria popolare con rappresentanti delle varie associazioni locali.

Ad acclamare il vincitore sale sul palco Sandro Romano, ideatore della manifestazione, che rivela come le due giurie fossero concordi solo sul primo posto e non sulle altre tre posizioni, così prosegue con il declamare la classifica e le motivazioni: al 4° e al 3° posto Ottombrini ed Emiliano in quanto i piatti erano troppo saporiti, al 2° posto Crudele perché gli spaghetti avrebbero dovuto essere meno piccanti e al 1° posto proprio Birardi con una ricetta sfiziosa, semplice e gustosa.

L’iniziativa, organizzata dall'associazione culturale “La compagnia della lunga tavola” e dell'assessorato alla Cultura e Marketing Territoriale del Comune di Capurso, è stata una bella occasione di promozione e valorizzazione delle produzioni tipiche e della cultura gastronomica locale.

[da La voce del paese del 3 agosto 2013]

Commenti  

 
#16 SCiRea rICCArdo 2013-08-16 13:11
"Contraddizioni", "sconfitte", un padrone imposto che lui finge di non accettare, flop sui parcheggi, flop sul l'accorpamento scuole, fascista di che? Più chiaro di così valoroso Alfiere Nero!
 
 
#15 Alfiere Nero 2013-08-14 08:46
Ripeto ancora una volta. Io non ce l’ho con Pignataro in sé, ma con il Berlusconi che è in lui. Quando, negli anni settanta e ottanta, passeggiando sul corso, guardavo il simbolo della fiamma tricolore sul balcone della storica sede del MSI, provavo rispetto e un po’ di timore.
Ora, tutto questo non c’è più, insieme alle generazioni che l’hanno frequentata.
La destra vera, come la sinistra, è una invenzione dello spirito, non la sorpresina che cambia nell’ovetto kinder. Non quindi la transdestra attuale di Pignataro.
Eloquente, goliardica e pungente l’affermazione di Franco Laricchia su “Amo Casamassima” nei confronti di Pignataro: “Pignataro è un highlander. Alla fine ne resterà solo uno”. Non basta! Anche quell’uno non c’è più! Fagocitato dal caimano; in sfregio al superonismo della vera destra.
Prendo spunto, infine da Confuso, per chiedere a Scirea di essere più chiaro. Grazie.
 
 
#14 Frate indovinò 2013-08-11 15:54
# 13 Confuso. Non vorrei sbagliare, trattasi di Pignataro?
 
 
#13 confuso 2013-08-11 13:55
SCIREA PARE ATTACCHI CON IL SUO POST IL BERSAGLIO PREFERITO DI ALFIERE NERO, E' SICURAMENTE DALLA PARTE DI QUEST'ULTIMO!
Ma la risposta di Alfiere Nero fa pensare esattamente il contrario!
Non ho capito un ***!
 
 
#12 Alfiere Nero 2013-08-11 09:36
Per Scirea

Sei fuori strada; e di molto!Ultimamente, tra un "siamo tutti puttane" e un "siamo tutti pregiudicati", mi sento quasi una mammola: non certo un grand'uomo come il compianto Gaetano Scirea. Continua così.
 
 
#11 sCiRea rICCArdo 2013-08-08 21:09
Alfiere Nero che fa ridere, mah!!!!!!!!!!
Con le sue continue contraddizioni, quell'aria da politico navigato, le figuracce rimediate con le sue eclatanti sconfitte, la nullità dimostrata, ora, addirittura, nelle mani di un padrone che fa fatica a riconoscere (ora sì, ora no!) e quali ingredienti migliori per suscitare ilarità nella gente???? Indovinate a chi ci si riferisce?
forse trattasi del bersaglio preferito di ALFIERE NERO?
Strano, Nero con nero....
 
 
#10 fortunanoncero 2013-08-08 20:37
Non si perde occasione per ridicolizzare una comunità intera!
 
 
#9 chefiguradim* 2013-08-08 20:36
Brillanti si nasce, non lo si può diventare!
Le forzature rendono l'uomo patetico!
Prima di sparare ***, riflettere un attimo, non guasta! L'entusiasmo gioca brutti scherzi!
 
 
#8 Sisina 2013-08-08 19:53
Il paese è questo e "LUI" ben lo rappresenta! Di che vi lamentate?
 
 
#7 Alfiere Nero 2013-08-08 07:23
Senza avere la pretesa di far ridere il prossimo e in un’atmosfera nazionale tutt’altro che circense. Il povero sindaco Birardi, alle prossime elezioni, sarà cucinato a dovere dalle plumes de famille...
 
 
#6 stella 2013-08-07 17:35
Luna, Birardi è il sole che ti illumina?
 
 
#5 veritiero 2013-08-07 17:25
Il re dei pasti e dei rimpasti. Dopo di *** sul comune, il vuoto!
Solamente dei poveri giullari al servizio del re!
 
 
#4 contento 2013-08-07 17:22
Esultanza Birardi 1° prova cuoco Capurso:
...un piatto piccante per una serata piccante!...farò da mangiare a tutta Casamassima...aprirò un ristorante per fare i soldi...fare il sindaco non conviene, ci rimettiamo!...
Commento: fantastico, davvero fantastico!
 
 
#3 uno che ti ha votato 2013-08-07 16:38
In un estate povera di eventi culturali organizzati dall’amministrazione comunale, vediamo che c’è qualcuno mette a disposizione la sua faccia per dare spettacolo.
A quanto pare è stato un triste spettacolo dove di culturale non c’era niente, ma c’era molta forse troppa politica, dove il nostro rappresentante ha primeggiato anche come è suo solito nelle sue battute banali e politicamente scorrette.
Penso che il nostro rappresentante in molti avrebbero sperato, se fosse stato lui stesso cucinato.
Forse lui pensa di essere un attore e quindi pensa di far parte di una prosa teatrale, e quindi colmare il deficit culturale, che lui con la delega alla cultura che si è mantenuto, ha praticamente ***.
Gli consigliamo invece della poltrona sul municipio, una parte in un film con jerry calà e de sica.
 
 
#2 bravo 2013-08-07 16:25
almeno una cosa buona dai!
 
 
#1 cittadino2 2013-08-07 15:24
signor sindaco si desse una da fare ad erogare i contributi sulle locazioni altro che spaghetti alla san giuannid qua fra poco l'erba mangiamo ma quella secca in altri comuni hanno gia pagato , bello fare la bella vita alla faccia nostra... che vergogna!!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI