Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

UN’ALTRA NOTTE DI PASSIONE? (e intanto latita la diretta web)

casamassima palazzo comunale

Al di là della provocazione insita nel titolo (andiamo in stampa mentre è ancora in corso l’assise cittadina) che non fa riferimento al periodo pasquale, evidentemente, tentiamo di seguire dalla redazione la diretta in stream, ma non siamo molto fortunati. Non si vede nulla. Il canale è ancora in fase di assestamento, probabilmente, e le trasmissioni, oggi (venerdì pomeriggio) sono interrotte.

Sorridiamo, per la verità, perché in queste stesse ore ci giunge notizia dalle aule parlamentari la risposta del governo sul presunto controllo delle nostre telefonate e delle nostre comunicazioni in rete (chat, mail, social..): i ‘nostri’ servizi segreti non sarebbero coinvolti. A darne notizia il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giovanni Legnini. Lo scandalo ‘Datagate’, come è stato ribattezzato, potrebbe coinvolgere anche noi.

«Le agenzie di sicurezza Usa – come è riportato nel documento presentato in aula dai deputati che hanno presentato l’interrogazione – avevano la possibilità di ottenere mail, conversazioni, voip, chat e altro di cittadini non americani da nove grandi fornitori americani di servizi online». Un grande fratello di dimensioni globali.

Il coinvolgimento – fu spiegato dal presidente Obama quando è scoppiato lo scandalo – avrebbe potuto riguardare persone ‘straniere’ (agli Stati Uniti) che intrattenevano rapporti con cittadini americani.

In questa ‘maniaca’ declinazione orwelliana del nostro tempo c’è tutta la necessità di controllare i movimenti delle persone per sistematizzarne azioni, relazioni, incastri, programmi.. Certo, un conto è che esista un ‘luogo a procedere’, un conto è che i Servizi siano al corrente, sistematicamente, delle nostre conversazioni con il resto del mondo.

Dovremmo prestare più attenzione quando parliamo al telefono. Ma tante volte come si fa a incontrare personalmente qualcuno che sta dall’altra parte del mondo?

Il bisogno di sicurezza sta traducendosi in stato di polizia. E mentre la Germania di Angela Merkel ha già richiesto ufficialmente risposte al presidente americano durante la visita istituzionale della settimana scorsa a Berlino, noi ci intratteniamo con il processo di Berlusconi, giustamente. Quindi tutto ciò che potrebbe essere reale diventa teatro, mentre quello che viene spiato davvero ‘chissenefrega’. Un’Italia strana, la nostra.

Ecco, sorridiamo della diretta web del nostro consiglio comunale che non funziona. Non ci riesce di ‘spiare’ quello che i nostri rappresentanti politici operano nel consesso ufficiale. Non ci riesce, quindi, di osservare il palcoscenico diplomatico che ci riguarda da vicino, e il bello di tutto ciò è che non ci pare di scorgere i cittadini imbestialiti. Anzi. Da un po’ di tempo sono talmente anestetizzati da crisi, disamore, tasche vuote, tasse da pagare, disincanto, delusione e indolenza, che non si accorgono più dei pugni in faccia.

L’aria che tira in maggioranza non è poi così serena, potrebbe essere un consiglio dai risvolti interessanti, eppure non riusciamo a esserci..

[da La voce del paese del 29 giugno 2013]

Commenti  

 
#4 Pietoso 2013-07-02 13:19
...E QUANTE NOTTI INSONNI per i nostri bravi ed onesti amministratori!!!!!!!!!!
 
 
#3 esteta 2013-06-30 22:46
In diretta questo spettacolo?
Se possibile rinunciare ne guadagnerà la comunità!
 
 
#2 SAVIO 2013-06-30 15:51
Nonostante questa ennesima "notte di passione", questi baldi giovani continuano imperturbabili nelle loro azioni!
E R O I C I !!!!!!!!!!!!!!!
O semplicemente INCOSCIENTI???????????
O difficoltà nel DEFILARSI???????????
 
 
#1 Docente 2013-06-30 15:41
Ho seguito la diretta del consiglio comunale del giorno 28 c.m. anche se a tratti! Dipende da un fatto tecnico o si tenta di salvaguardare in tale maniera l'onorabilità della lingua italiana?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI