Domenica 16 Dicembre 2018
   
Text Size

NUOVE TASSE: IL COMUNE VERSO UN NUOVO AUMENTO

logo radio

Lo scrivevamo dalle colonne del nostro settimanale: il Comune di Casamassima va incontro all'aumento delle tasse. Sarà, con molta probabilità, la Tares a gravare ulteriormente sulle tasche dei cittadini. "In fase di previsione - aveva detto l'assessore Reginella ai nostri microfoni - abbiamo considerato il valore percentuale dello 0,14 perchè corrisponde orientativamente a quanto mancherebbe nella voce delle entrate". La vicenda è riportata questa mattina anche dalla Gazzetta.

E poi, dai quotidiani, la vicenda G8, euro, manovre del governo con il rapporto deficit/pil, e il flop dei 5stelle in piazza.

La lettura dei quotidiani, questa mattina, è offerta dall'edicola Occhiogrosso nei pressi di piazza Moro. 

Clicca sul play e ascolta la puntata!

Commenti  

 
#12 Catone 2013-06-21 15:16
Curioso: ci può stare pure Re Salomone a governare il comune, ma senza moneta sovrana non si va da nessuna parte...Lo Stato spende 100 e tassa 120, perché i 20 li deve ridare ai mercati che ci prestano i soldi. Dopo 10 anni i soldi sono finiti e stanno grattando dal fondo delle nostre tasche. Oppure tagliano la spesa. E' matematica e quando ve ne accorgerete sarà, ovviamente, troppo tardi. Io me ne sarò già andato in una nazione a moneta sovrana (Svizzera, USA, Inghilterra,ec..)
 
 
#11 Curioso 2013-06-20 18:47
Per Catone:Io direi, finchè rimane Birardi avremo sempre aumenti, comunque, il conto alla rovescia è iniziato anche per lui...attenti a come votare alle prossime elezioni: NON FATEVI PIU? IMBABUCCHIARE!!!!
:-x :sad: :cry:
 
 
#10 pro casamassima 2013-06-20 18:08
FALLIMENTO PREANNUNCIATO...SPERIAMO DI TORNARE SULLA VIA MAESTRA ( CSX ) !!!!
 
 
#9 Catone 2013-06-20 13:25
Finché rimarremo nell'euro, tasse e tagli saranno la costante dei prossimi 20 anni almeno, fino a che tutto il nostro tessuto industriale ed economico non sarà stato polverizzato ed annesso dall'industria tedesca. E voi pecore ignoranti state a sentire i politici burattini ed i presunti saccenti economisti che vi terrorizzano con scenari apocalittici sul ritorno alla moneta sovrana Lira. ahah poveri fessi.
 
 
#8 Alfiere Nero 2013-06-20 11:15
E’ accaduto quello che avevo previsto in occasione della presentazione del Bilancio di Pignataro: un ulteriore inasprimento fiscale da parte dell’Amministrazione Birardi. Come interpretarla ironizzandoci un po’? Questa proposta di buona povertà con le tasse che alleggeriscono le tasche e dunque, secondo questa visione di Pigna e Birardi, dovrebbe purificare la nostra esistenza. E a chi rimpiange di averli eletti, a causa dei cocktails e primitivo bevuti prima di votarli e fatto i trenini dopo la loro elezione dico: Siete pronti ad accollarvi per chi non ha votato Birardi mediante Iban eventuali trasferimenti in loro favore? Ma questa mia generosa proposta incontra purtroppo l' espressione più appropriata: orecchie da beoti.
 
 
#7 GiùLaMaschera 2013-06-20 09:08
Fantastico, ennesimo aumento. SINDACO CI STAI SVENANDO....RIVOGLIAMO DE TOMMASOOOOOOOOOOOOOOOOOO
 
 
#6 Gino 2013-06-19 19:59
Buffoni !!! Io non pago più un *** !!!!!!!
 
 
#5 meticoloso 2013-06-19 13:56
Questo è uno dei principali disagi di chi vive lontano dalla sua amministrazione!
Non raggiungibile nonostante il telefono squilli!
 
 
#4 map 2013-06-19 10:17
a loro non bastano mai nel portafoglio e noi poveri cristiani ci rimettiamo!!!
 
 
#3 LEO 2013-06-19 10:13
MI DISPIACE DIRLO MA IL SINDACO A EMESSO UN ORDINE PUBBLICO DI TAGLIARE I RAMI CHE ESCONO DAI GIARDINI SUI MARCIAPIEDI E PENSARE CHE SUL CORSO NON SI PIO CAMMMNARE SOTTO GLI ALBERI
 
 
#2 EMI 2013-06-19 10:09
CERCATE ALMENO DI POTARE GLI ALERI DI VIA BARI AD ALTEZZA UOMO IN MODO CHE SI POSSA CAMMINARE SUI MARCIAPIEDI
 
 
#1 EMI 2013-06-19 10:07
MI DISPIACE DIRLO MA IO NON SONO DI CASAMASSIMA ,MA IL PAESE VUOLE ESSERE TUTTO RIFATTO L,AGGIUNTA PENSA SOLO ALLE TASSE ,E SPORCO ,IL VERDE SECCO,SOTTO GLI ALBERI DEL CORSO SU VIA BARI NON SI PUO èPIU PASSEGGIARE
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI