Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

GAL SUD-EST BARESE, CHE BOLLE IN PENTOLA?

petroni gino

Quali le attività attualmente in cantiere? Ce ne parla l'assessore alle Attività produttive del nostro Comune, Gino Petroni, e membro del consiglio di amministrazione proprio del Gal sud-est barese.

Cosa prevede il programma del nostro Gal per i prossimi mesi?

Nell'ambito del progetto sul disagio infantile, e vista l'accoglienza riservata ai lituani dal Comune di Casamassima il 2 e il 3 novembre scorso in occasione del gemellaggio, saremo in Lituania, partner capofila del medesimo progetto, nei giorni 8 e 9 maggio. In quell'occasione saranno presenti l'amministrazione comunale (io, il sindaco, un esponente della Pro Loco e Margherita Diana, promotrice delle iniziative sul disagio infantile), varie aziende tra le quali con molta probabilità il consorzio Case azzurre e il Gal che ha a sua volta invitato altre 5-6 aziende. In quei giorni si svolgeranno incontri con diversi buyer lituani e noi tutti parteciperemo agli scambi enogastronomici. A breve, inoltre, saranno avviati i lavori a Monacelle per la realizzazione dell'Infopoint, opera a cui è abbinata l'iniziativa sui cosiddetti 'itinerari' a proposito dei quali stanno lavorando dei tecnici. Tali itinerari non riguarderanno solo Casamassima ma si congiungeranno ai comuni limitrofi. Si tratterà della creazione di un percorso unico, sia ciclabile e pedonale, che andrà a congiungersi anche con gli itinerari realizzati dagli altri Gal pugliesi. Le misure in questione sono già state finanziate, ci stiamo lavorando su.

Un'agenda fitta di impegni, quindi?

C'è davvero tanto da lavorare. Mai come in questo periodo stiamo tenendo un consiglio di amministrazione a settimana perché di fronte alle innumerevoli possibilità che abbiamo dobbiamo darci da fare per attingere a quanti più finanziamenti possibili. In cantiere ci sono anche la masseria didattica, i cui lavori saranno ultimati a breve, e i fondi destinati alle microimprese, a proposito delle quali stiamo per riaprire il bando anche se, ahimè, su questo fronte a Casamassima si denota una scarsa partecipazione. Sono in possesso di dati che dimostrano che di Casamassima una sola azienda ha partecipato all'ultimo bando sulle microimprese ottenendo un finanziamento che ammonta a 20mila euro. Gli altri comuni limitrofi viaggiano su somme ben più alte perché tendono a presentare più progetti. A Casamassima l'informazione su queste questioni è carente. Proprio per questo motivo il Gal si sta adoperando per potenziare il suo sito web. Di recente abbiamo pubblicato un bando per l'assunzione di un esperto del web e di un animatore che per giunta è casamassimese. Riteniamo che in questo particolare momento far conoscere il nostro territorio e le sue potenzialità sia di fondamentale importanza. Un'altra misura degna di nota è la 321, "Servizi essenziali per l'economia e la popolazione rurale", che va a rivalutare un immobile di proprietà del Comune. Per Casamassima abbiamo individuato la struttura del vecchio carcere e ci siamo dedicati alla stesura del relativo progetto. Nel nostro paese persiste un problema: molte associazioni culturali sono sparse sul territorio e hanno lo stringente bisogno di una base logistica. Abbiamo pensato al carcere perché è in stato di abbandono. I libri lì depositati stanno progressivamente confluendo a Monacelle, dove è stata creata una biblioteca. Il carcere potrebbe quindi essere finalmente rivalutato anche perché abbiamo stimato che nell'attuale stato di abbandono nell'arco di 4-5 anni potrebbe riempirsi di topi. In più è un bene immobile che per questioni di natura tecnica non può essere venduto. Va quindi sfruttato e non lasciato a se stesso. Il progetto prevede la creazione al piano terra di un auditorium da circa 200 posti, mentre al primo piano di 12 stanze ricavate dalle celle da destinare alle varie associazioni che dovranno però provvedere all'arredamento. Ci piacerebbe realizzare una sorta di palazzo della cultura e offrire un servizio completo dal punto di vista culturale. Il progetto in questione ammonta a 330mila euro, a cui vanno aggiunti 20mila euro che dovrebbero essere stanziati dal Comune.

Se questo progetto andasse in porto l'idea dell'architetto Capacchione legata alla realizzazione di un parcheggio per i mezzi dei Vigili urbani proprio nel carcere resterebbe comunque in piedi?

Non credo perché l'auditorium coinciderebbe proprio con l'area parcheggio. Nel complesso quello che stiamo prevedendo di realizzare è un progetto molto particolare, al quale ci stiamo dedicando con grande cura.

Lei è uno dei pochi casamassimesi nel Gal sud-est barese. Cosa pensa nel complesso di questa struttura?

Il Gal ha un occhio di riguardo per le politiche agricole e le popolazioni rurali, oltre che per il turismo e la cultura. Al suo interno trovo lavori gente molto esperta in queste materie. A fine mese si rinnoverà il consiglio di amministrazione, non per quanto concerne la parte pubblica ma per quella privata. Si andrà a rivotare, quindi non sappiamo come verrà riorganizzato l'assetto interno però devo dire che con l'attuale formazione mi trovo bene. Arianna Zizzo, altra casamassimese, è una professionista molto seria, una persona che si è dedicata in modo eccelso al territorio. I frutti di tanto impegno li stiamo raccogliendo solo adesso ma posso affermare con certezza che abbiamo alle spalle anni di lavoro svolto con partecipazione e collaborazione.

In che modo crede che nel lungo termine le due realtà di cui si occupa il Gal, quella agricola e quella turistica, riusciranno a sposarsi?

Sono dell'idea che proprio in virtù di questo momento di crisi abbiamo due chance per il nostro territorio, una è il turismo perché abbiamo il mare a pochi passi e perché la stessa Casamassima dal punto di vista logistico ha una strategia di locazione perfetta, l'altra è l'agricoltura per ovvi motivi. Credo vi siano tutti i presupposti per creare posti di lavoro. E in tutto ciò il Gal ha proprio lo scopo di informare e orientare i cittadini sull'accesso ai contributi finanziari disponibili.

Alla luce di queste possibilità di finanziamento cosa intravede nel futuro di Casamassima?

Il futuro di Casamassima dipende da noi, dalla voglia di partecipare alle iniziative che mostrerà la gente. Ne abbiamo avuto un accenno a proposito del bando destinato alle microimprese cui facevo riferimento prima. Su Casamassima si è verificato un assenteismo totale. Adesso con l'introduzione dell'Infopoint speriamo l'informazione possa incrementarsi, perché lo sportello si dedicherà anche a questo. Inoltre, con l'inserimento nell'organico del Gal dell'esperto web e di nuovi animatori, porteremo avanti un progetto di diffusione di conoscenza delle funzioni del Gal, aspetto che forse è mancato nell'ultimo periodo, così come è mancata negli ultimi anni una persona politica sul nostro territorio che informasse adeguatamente i cittadini. Dal canto nostro ce la stiamo mettendo tutta per portare avanti la programmazione.


[da La voce del paese del 20 aprile 2013]

Commenti  

 
#7 olmo 2013-05-10 13:43
per falco grillaio,
tutto vero quello che dici,e' tutto policitizzato, (se dovessi pensare alla mia famiglia composta da 4 persone mi viene facile pensare che darei degli incarichi a mia moglie e a mio figlio che, seguono la politica della nostra famiglia,adottando sempre la formula del buon padre di famiglia)ma, mi piace ancora pensare,visto che ho superato gli ANTA, che si possano ancora fare bene le cose
 
 
#6 olmo 2013-05-09 20:30
per mariolino
... e pensare che proprio oggi ho studiato con mio figlio l'agricoltura nel periodo neolitico.....,no,no, oggi non me la sento di dire a mio figlio che mariolino ha studiato tanto ma, fondamentalmente sul GAL, non ha detto niente di costruttivo......
p.s. non difendo l'amministrazione,difendo i progetti e ricordati che i buoni progetti possono essere di tutte le amministrazioni di destra come quelli di sinistra.
ADESSO ti faro' una dichiarazione sbalorditiva: ho votato SEL,sono stata abbastanza coraggioso? e mo' succede? devo morire?
preghiera della buona notte:Gesu' mi metto nelle tue mani, guidami tu fino a domani che devo vedere il commento su casamassima web.
 
 
#5 Falco Grillaio 2013-05-09 19:45
con grande rispetto per te OLMO
noi critichiamo l’amministrazione NON A PRIORI,
ma perché conosciamo i fatti che avvengono nel Gal del Sud Est Barese che sarà come tu dici è molto giovane come costituzione,
ma è molto vecchio come modo di agire,
ad esempio nell’attribuire gli incarichi, che sono andati casualmente, a persone molto vicine a chi oggi compone la giunta comunale di casamassima.
Olmo, chiedi un po' di fiducia dai cittadini,
ma a cosa ti serve se hai già quella dell’amministrazione?
Sai bene che i soggetti promotori che tu citi sono pubblici e a partecipazione pubblica, e quindi sono tutti politicizzati, cioè le persone a cui attribuire gli incarichi sono decise dai chi amministra i sei comuni costituenti lo stesso Gal, e quindi non si tengono in considerazione le capacità personali e le relative esperienze.
Le oltre 150 tra ditte individuali, che rivendicano il diritto a essere rappresentati,
nulla possono contro lo strapotere dei 6 comune e 5 o 6 associazioni di categoria.
Troppo facile parlare di positività
per chi fa parte della stessa parrocchia di conduce il gioco.
 
 
#4 Mariolino 2013-05-09 18:01
PER OLMO
Il guaio peggiore di questa amministrazione è che viene difesa da gente che non riesce ad argomentare e si esprime in maniera approssimativa! E poi quel "criticare" è la firma di chi non ha più nemmeno il coraggio di dichiararsi...Studi buttati al vento!
 
 
#3 olmo 2013-05-09 16:37
con grande rispetto per il falco grillaio (che adora le nostre zone)l'assessore ha parlato di un progetto,(non ha detto che il falco deve traslocare) ha espressamente detto che dipende da voi(diciamo noi)... ma l'unica cosa che sapete fare e' criticare a priori.il gal DEL SUD BARESE e' molto giovane come costituzione, possiamo dare un po' di fiducia (fermo restando che il problema sono sempre i soldi che mancano). i soggetti promotori:organizzazioni professionali di categoria, l’Università di Bari, enti di ricerca, istituti scolastici, parrocchie, associazioni (culturali, ambientaliste e di volontariato), associazioni di categoria, soprattutto cooperative sociali), consorzi e oltre 150 tra ditte individuali, credono nel futuro del sud est barese.......hanno bisogno della nostra positivita' non ,come sempre delle critiche all'amministrazione
 
 
#2 Volontaria 2013-05-08 14:36
Ill.ma volontaria della Lipu
devi sapere che l'amministrazione si interessa poco di informare il GAL delle problematiche locali come quelle dei volatili, perché è interessata alla occupare i seggi del GAL con i propri adepti.
Anche perché alla promozione del turismo culturale e alla conoscenza della natura di altre nazioni vicine ci pensa direttamente l’amministrazione.
Oramai conosciamo tutti i viaggi studio che compiono regolarmente per studiare gli usi e costumi della Germania, del Marocco, di Malta, ecc.
Chissà se un giorno potranno arricchire anche la cittadinanza delle loro conquiste culturali.
 
 
#1 Volontaria LIPU 2013-05-08 10:47
ovviamente l'amministrazione non si è interessata d'informare il GAL che nel progetto dovrebbe essere inserito un piano di tutela del Falco Grillaio, che proprio sui tetti del "vecchio Carcere" stabilisce la maggior parte dei nidi. se è vero che si vuole promuovere il turismo culturale anche la natura è cultura!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI